Quantcast
Le prestazioni passate di un fondo sono importanti? - BlogFinanza.com

Le prestazioni passate di un fondo sono importanti?

Per molti investitori il confronto tra i fondi di solito inizia con l’esame dei rendimenti passati. Se il fondo A ha reso il 9% negli ultimi cinque anni e il fondo B l’8%, il primo è chiaramente superiore. Se sei un investitore indicizzato, probabilmente capisci che le performance passate non predicono i risultati futuri. Ma non vale ancora la pena guardare i rendimenti storici quando si confrontano gli ETF? Sì, ma il contesto è tutto!

Al livello più elementare, siamo d’accordo che un fondo gestito passivamente non può essere ritenuto responsabile dei rendimenti del mercato. Gli investitori esperti lo capiscono, ma i neofiti si chiederanno spesso perché un portafoglio indice tradizionale include azioni canadesi, statunitensi e internazionali, quando le azioni statunitensi hanno sovraperformato così significativamente nell’ultimo decennio. Sicuramente quel fondo indicizzato statunitense è superiore a quest’altro che segue le azioni internazionali?

Beh, non si può incolpare un fondo indicizzato per la performance del mercato a cui è ancorato. Sarebbe come incolpare il termometro se la temperatura non è di tuo gradimento. Piuttosto, un fondo indicizzato deve essere giudicato in base a quanto da vicino segue il suo benchmark. Questo è ciò che si chiama tracking error.

Il tracking error

Si può pensare al tracking error come alla differenza tra teoria e pratica. I rendimenti di un indice sono ipotetici: nel mondo reale, i fondi d’investimento hanno commissioni di gestione, costi di transazione e tasse da affrontare, quindi è insolito che un fondo indicizzato fornisca esattamente la stessa performance del suo benchmark. Se un fondo ha reso il 7,5% in un dato anno e il suo indice di riferimento ha reso l’8%, allora il tracking error del fondo era -0,5%.

La domanda, quindi, è: qual è un tracking error accettabile? Per rispondere a questa domanda, è necessario esaminare i vari fattori che possono ridurre il rendimento di un fondo indicizzato. Il più ovvio sono le commissioni. Se il MER di un fondo è dello 0,10%, allora è ragionevole aspettarsi che la sua performance ritardi di tanto il suo benchmark. Al giorno d’oggi, con il basso costo degli ETF a mercato totale, il tracking error può essere trascurabile. Un ETF ben gestito può anche seguire il suo benchmark per un importo inferiore alla sua tassa annuale.

Per esempio, nei cinque anni terminati nel 2020, l’iShares Core S&P/TSX Capped Composite Index ETF (XIC) ha seguito precisamente il suo indice di riferimento, anche se la sua commissione è dello 0,06%. Il Vanguard Total Stock Market ETF (VTI) negli Stati Uniti ha un record ancora più lungo di tracking error minuscolo: ha seguito il suo indice di un solo punto base all’anno dalla sua creazione nel 2001.

I costi di transazione

I costi di transazione possono contribuire in modo significativo al tracking error, ma negli ETF ponderati per capitalizzazione grandi e ben gestiti questo è raramente il caso. Questi fondi hanno un turnover molto basso – cioè, semplicemente non vengono scambiati molto spesso – e a differenza di quelli di noi che usano broker online, i gestori di fondi istituzionali non pagano commissioni significative.

Se si scava nel rapporto annuale di un fondo si può verificare questo cercando quello che viene chiamato il rapporto di spesa di trading, o TER. Come il MER di un fondo, questo numero è espresso in percentuale, calcolato come costi di transazione divisi per le attività totali del fondo. Per molti ETF tradizionali, può essere arrotondato per difetto allo 0,00%. Gli ETF più specializzati possono avere TER intorno ai 3-10 punti base, mentre quelli più attivi possono facilmente vedere questo numero crescere molto di più, e questi costi si mostreranno nel tracking error del fondo.

Negli ETF che detengono azioni statunitensi e internazionali, un altro importante contributore al tracking error è la ritenuta d’acconto sui dividendi. Molti paesi impongono una tassa sui dividendi pagati agli investitori stranieri. Per esempio, l’IRS trattiene il 15% quando i dividendi delle azioni USA sono pagati all’interno di un ETF quotato in Canada. Queste ritenute ridurranno la performance del fondo, a volte in modo significativo.

Per usare un esempio del mondo reale, il Vanguard US Total Market Index ETF (VUN) ha seguito il suo indice di riferimento dello 0,43% all’anno nei cinque anni fino al 2020. Il MER del fondo è dello 0,16%, il che lascia altri 27 punti base da considerare. Poiché il rendimento medio delle azioni statunitensi durante quei cinque anni è stato di circa l’1,8%, le tasse alla fonte avrebbero ridotto questo dello 0,27% (che è 1,8% × 15%). Questo spiega perfettamente il tracking error aggiuntivo.

Il campionamento

Con i fondi obbligazionari, e occasionalmente i fondi azionari internazionali, un’altra potenziale fonte di tracking error proviene dal campionamento. Oggi la maggior parte degli ETF tradizionali include tutti i titoli del loro indice di riferimento. Per esempio, puoi essere sicuro che il tuo ETF S&P 500 contiene tutti i 500 titoli. Ma altri benchmark sono più difficili o addirittura impossibili da replicare perfettamente. Un gestore di fondi potrebbe non essere in grado di acquistare in modo efficiente tutte le obbligazioni di un particolare indice, per esempio, quindi farà del suo meglio con ciò che è disponibile. Questo si chiama campionamento.

Per un ETF grande e consolidato che segue un ampio mercato, questo di solito funziona bene, ma non sempre. Per esempio, l’iShares Core S&P US Total Market Index ETF (XUU) ha un MER di appena lo 0,07%, che è significativamente inferiore a quello dell’US Total Market Index ETF (VUN) di Vanguard, di cui abbiamo appena parlato. Tuttavia, iShares ha fatto un cattivo lavoro con il suo campionamento nel 2020, e l’ETF ha ritardato il suo benchmark di un enorme 1,52% quell’anno.

Su periodi più lunghi, il tracking error di XUU è stato molto più basso, ma dovrebbe essere qualcosa da approfondire. Un tracking error costantemente alto – specialmente se è sempre negativo – è una bandiera rossa e suggerisce che i gestori del fondo non stanno facendo bene il loro lavoro. Questo è un promemoria che non è sufficiente confrontare gli ETF solo sulla base del loro MER, assumendo che un fondo che è più economico di tre o quattro punti base automaticamente sovraperformerà un concorrente dello stesso importo. Un ETF con una commissione leggermente più alta ma con un tracking error costantemente più basso potrebbe rivelarsi una scelta migliore.

Di solito è possibile conoscere il tracking error del fondo visitando la sua pagina web: i principali fornitori di ETF (tra cui iShares, Vanguard e BMO) pubblicano sia i rendimenti del fondo che quelli del benchmark, il che rende facili i confronti. Puoi anche trovare queste informazioni nel Management Report of Fund Performance: questo documento viene in genere pubblicato due volte all’anno, e puoi scaricarne una copia sul sito del fornitore del fondo.

Sull'autore

Roberto

Lascia un Commento

X
Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.