Azioni e dividendi: come vengono tassate? Guida completa

In questa guida, in maniera semplice e diretta tratteremo la tassazione su azioni e dividendi. 

Se avete acquistato azioni o quote inerenti società di capitali, siete capitati nel punto giusto.

Di seguito potrete trovare tutte le informazioni sulla tassazione dei dividendi.

tassazione Azioni e dividendi

Tassazione inerente ad Azioni e dividendi

Guida completa alla  tassazione fiscale di azioni e dividendi

Sappiamo bene che i dividendi rappresentano quote di utili che una società paga ai propri azionisti. In altri termini, si tratta della remunerazione del capitale investito dai proprietari dell’impresa e dai risparmiatori.

Premesso questo concetto, passiamo adesso ad analizzare come vengono tassati i dividendi e le azioni anche alla luce di quelle che sono le attuali normativa fiscale in merito.

Purtroppo, la tassazione in merito a azioni e dividendi varia in base a 2 fattori molto importanti:

  1. localizzazione della società che eroga i dividendi;
  2. percentuale di partecipazione detenuta dal socio.

Criterio della partecipazione: tassazione sui dividendi ed azioni

A questo punto, uno dei criteri da considerare al fine di comprendere il meccanismo sulla tassazione delle azioni e dei dividendi è quello della partecipazione. La partecipazione conferisce il potere  al socio o all’azionista considerato.

Questo infatti ne è il detentore, ovvero il titolare di una quota del capitale o partecipazione qualificata o non qualificata e quindi di conseguenza gli viene conferito questo paese.

Nota bene:

La distinzione tra partecipazione qualificata e partecipazione non qualificata si impernia nelle basi del diritto societario. Riguarda essenzialmente questi elementi:

  • la quota percentuale di capitale (partecipazione) posseduta;
  • il diritto di voto in assemblea, conferito proprio dalla partecipazione.

Al fine di definire il concetto stesso di partecipazione qualificata e di partecipazione non qualificata, possiamo fare riferimento alla normativa societaria.

La normativa prevede diverse percentuali di quota di capitale e di diritto di voto.

Questo ovviamente varia in base al fatto che si faccia riferimento a:

  • società quotate in borsa;
  • società non quotate in borsa.

Classificazione e caratteristiche delle società

tassazione dividendi

  • Partecipazione qualificata nelle società quotate in borsa: al fine di determinare il diritto di voto, si deve possedere una quota capitale superiore al 5%; mentre se attribuisce un diritto di voto in assemblea ordinaria la quota deve essere maggiore al 2%;
  • Partecipazione non qualificata nelle società: in questo caso, si deve tenere presente che per le società quotate in borsa la quota capitale è inferiore al 5%; mentre se attribuisce un diritto di voto in assemblea ordinaria questo è inferiore al 2%;
  • Partecipazione qualificata: per le società che invece non sono quotate in borsa, si deve possedere una quota capitale superiore al 25%; il diritto di volo lo si attribuisce in assemblea ordinaria maggiore al 20%;
  • Partecipazione non qualificata: per le società non quotate in borsa la quota capitale è inferiore al 25%; nel caso sdi diritto di voto, invece, gli si attribuisce un diritto di voto in assemblea ordinaria inferiore al 20%.

Come vengono tassati dividendi e azioni?

Criterio della localizzazione

Cerchiamo ora di comprendere meglio come funziona il meccanismo di tassazione su azioni e dividendi.

Si deve tenere presente che per ogni tipo di partecipazione posseduta, si deve valutare la localizzazione della società. Questo elemento è molto importante, anche al fine di saper la società della quale si detengono le partecipazioni.

Questo per il semplice fatto che il Fisco Italiano, tende a penalizzare di molto i dividendi che sono corrisposti da società con sede in Paradisi fiscali o a fiscalità privilegiata.

Società residenti: meccanismo – aliquota

Passiamo adesso a comprendere su cosa si basa il meccanismo della tassazione inerente a dividendi e azioni.

Purtroppo questo non è un sistema tassazione univoco, e si devono tenere in considerazione le diverse aliquote che si devono applicare caso per caso.

Infatti, per i dividendi che sono distribuiti da società residenti e per le società che sono derivanti da partecipazioni qualificate, la tassazione che si deve applicare dipende dal soggetto destinatario dei dividendi medesimi.

In questo caso si deve considerare:

  • la base imponibile: pari al 49,72% (esenzione del 50,28%) per tutti i soggetti (persone fisiche) titolari o non titolari di partita IVA.
    Rientrano in questo caso anche le società di persone. Su questa base imponibile, si applicheranno poi le aliquote IRPEF ordinarie;
  • base imponibile: pari al 5% (esenzione del 95%) per tutte le società di capitali.

Nota bene:

Per tutti i dividendi che sono distribuiti da società residenti e derivanti da partecipazioni non qualificate, si deve tenere presente che la tassazione da applicare dipende sempre e comunque dal soggetto destinatario dei dividendi medesimi.

Quindi si devono tenere presente i seguenti elementi:

  1. ritenuta alla fonte che viene trattenuta a titolo di imposta. Questa è pari al 26% per tutte le persone fisiche non titolari di partita IVA.
    Il soggetto non deve riportare nulla all’interno della dichiarazione dei redditi.
    E’ la società stessa che effettua e versa la ritenuta d’acconto per conto del soggetto stesso;
  2. base imponibile posta pari al 49,72%, con un’esenzione del 50,28%, ma solo nel caso in cui si tratta di soggetti (persone fisiche) titolari di partita IVA.
    A differenza della precedente, in questo caso si applica la base imponibile con aliquote IRPEF ordinarie;
  3. base imponibile del pari al 5% (esenzione del 95%) ma solo per le società di capitali.
    Nota bene che però l’esenzione è totale ma solo se la società in questione ha optato per il regime di trasparenza, legato al regime di tassazione IRPEF direttamente in capo ai soci.

Società non residenti: meccanismo – aliquota

Infine esaminiamo le società non residenti. In questo caso, dividendi su azioni o su quote vengono corrisposti da società non residenti.

La loro residenza è detenuta in paradisi fiscali o a tassazione privilegiata. Rientrano in questa ultima categoria, anche gli ex Paesi considerati nella black list. 

Inoltre, sono considerate tali, anche le società con i dividendi relativi a partecipazioni qualificate e non qualificate. Queste concorrono alla formazione del reddito complessivo del contribuente e quindi è assoggettato a tassazione IRPEF o IRES per il 100% del loro ammontare.

Nota bene:

La disapplicazione che regola il regime di totale imponibilità dei dividendi su azioni, provenienti da società residenti in territori a fiscalità privilegiata non opera solo nel caso di applicazione dell’articolo 167, comma 1, del TUIR (della regola del CFC-Controlled Foreign Companies) e comma 5, del TUIR ovvero in caso di ammissibilità dell’interpello.

Azioni e dividendi: come investire con il trading online

tassazione Azioni

Infine, ti segnaliamo anche la possibilità di investire su azioni e dividendi semplicemente facendo trading online. Grazie al trading, oggi puoi investire in borsa comodamente da casa in totale autonomia.

Noi ti consigliamo di investire nel trading online solo con i migliori broker Forex e CFD, come quelli che potrai trovare di seguito. In questo caso, essendo regolamentati puoi fare trading in modo sicuro e protetto.

Essendo dei broker sottoposti a vigilanza da parte di organi di regolamentazione internazionali, puoi star certi che i tuoi capitali sono in mani sicure.

Come puoi notare infatti, tutti i depositi che tu effettui sul tuo conto sono detenuti in coni separati da quelli del trader e questi sono garantiti anche in caso di un’eventuale fallimento del broker.

Infine, questi ti permettono di operare non solo con premi e offerte speciali legate al conto reale, ma anche con un conto demo.

Il conto demo ti permette di testare e fare pratica con la piattaforma e con le migliori strategie di investimento.

Come fare trading online?

A te dunque non resta che:

  • scegliere il broker che meglio si adatta alle tue esigenze;
  • effettuare la registrazione al fine di aprire un conto demo;
  • scegliere le azioni su cui si vuole investire;
  • applicare la strategia di trading che più ti piace.

Ora attendi la scadenza e scopri se hai ottenuto o meno un profitto.

Come potrai notare il conto demo ti permette di fare pratica, con la consapevolezza che non puoi perdere e non puoi guadagnare nulla. Si utilizza solo denaro virtuale.

Tieni presente che fare trading online di per se è pericoloso e potresti anche perdere l’intero capitale.

Ecco perché ti consigliamo prima di tutto il conto demo e poi di iniziare a formarti e a studiare anche gli asset con cui vuoi tradare. In questo modo, potrai ottenere il massimo dai tuoi investimenti.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Termini di ricerca:

  • tassazione dividendi azionari solo sul 5%

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo