Le più potenti regole per il trading online

Quali sono le regole da seguire per essere vincenti nel trading online? In questa guida ci occuperemo proprio di capire quali sono gli strumenti che ogni tader deve conoscere ed utilizzare per fare trading online in modo semplice e profittevole. Sapersi come districare tra grafici di prezzo e pattern, interagire con trader più esperti, leggere materiale di trading, ecc. le possiamo considerare come le migliori abitudini che un aspirante trader possa sviluppare. I professionisti sanno, che se vogliono avere successo nel trading, devono basarsi solo sui fatti. Vediamo meglio di approfondire tutto quello che serve ad un trader per fare trading online.

regole-per-il-trading-online

Prima regola: allenamento, pratica ed abitudine

Nello sport, negli affari, nello spettacolo, i migliori sono coloro che hanno considerato attentamente ogni singola azione intrapresa. I più forti si sono allenati ad essere agili, a ripetere costantemente le cose giuste nel momento giusto. Anni di pratica hanno plasmato le loro menti ed i loro corpi a reagire senza esitazioni, indipendentemente dalla pressione o dall’incertezza.

Nel trading è praticamente la stessa cosa. Il primo passo è imparare cosa fare per arrivare al profitto. Lo studio dovrebbe essere la tua priorità. Migliorare la tua comprensione nei vocaboli del trading è vitale per il tuo successo.

Metodi di trading, sistemi di trading, piani di trading, ratio profitto/perdita e il tasso di vincita possono suonare come parole strane ad un novellino.Trova delle buone fonti di informazione sul trading e impara quanto più puoi.

Studiare grafici di prezzo, pattern, interagire con trader più esperti, e leggere materiale di trading, è la migliore abitudine che un aspirante trader possa sviluppare.

Seconda regola: disciplina e regole ferree

Un altro modo per trarre vantaggio dai tuoi avversari è tradare con disciplina. Molti traders basano l’operatività sulle loro previsioni, opinioni ed emozioni. Questi sono i peggiori segnali di trading. Al contrario, sviluppa delle regole che ti guideranno. Sostituisci le tue opinioni con i segnali di trading, il tuo ego con una strategia di position sizing, e le tue emozioni con un trading system.

Quando possiedi il giusto insieme di regole, e le segui per un tempo abbastanza lungo, queste diventeranno lentamente parte della tua personalità di trader e del tuo stile, e le inizierai a seguire ad un livello più profondo.Capirai di aver raggiunto la maturità nel trading, quando ti diventerà difficile trasgredire le tue regole. Questo significherà che queste saranno diventate una seconda natura per te, e che sono più potenti dei tuoi istinti impulsivi.

Vincite e perdite nel trading Sistem

Ci sono 2 strade che portano al successo nel trading. La quantità delle operazioni vincenti rispetto a quelle perdenti, e la loro grandezza. Un trading system in cui la grandezza delle vincite equipara la grandezza delle perdite, deve avere un maggior numero di vincite che di perdite. Un sistema con un alto tasso di vincite può facilmente trasformarsi in uno non-profittevole, quando la quantità delle perdite sfugge di mano. Molti di questi sistemi permettono ai trade perdenti di correre troppo, e raggiungono il loro alto tasso di vincita quando si detengono queste posizioni a lungo, abbastanza perché queste invertano la direzione e diventino profittevoli.

trading-profits

I sistemi con un alto tasso di vincite non funzionano bene quando la tendenza del mercato cambia da laterale a in trend, perché in questi casi, i trade perdenti non sempre diventano vincenti. Tali sistemi devono essere costruiti facendo molta attenzione alla probabilità di successo. Un vecchio detto di Wall Street dice: “Non puoi andare in rovina registrando un profitto.” Non è così, se i profitti sono piccoli e le perdite grandi, la tua rovina giungerà molto presto.

Al contrario, ci sono sistemi che prevedono meno vincite che perdite, ma sono profittevoli poiché l’ammontare totale delle vincite supera la somma di tutte le perdite. Chi applica questa strategia – trend follower, trader di lungo periodo – sa che deve lasciar correre i profitti e tagliare le perdite. Più grandi sono le loro vincite, più piccola potrà essere la percentuale delle operazioni vincenti.

Per essere profittevole in un sistema a basso tasso di vincite, non devi aver ragione tutte le volte, basta avere “grandi” ragioni e “piccoli” torti. Se hai ragione, mantieni la posizione aperta il più a lungo possibile, se hai torto affrettati a chiuderla.

Segnali di trading online

I novellini potrebbero basare la loro operatività sulle sensazioni, ma i professionisti sanno, che se vogliono avere successo nel trading, devono basarsi sui fatti.

Un segnale di trading è una motivazione quantificabile, per aprire o chiudere una posizione basandosi sull’azione del prezzo, indicatori tecnici, trendline o pattern. “Comprare ad un prezzo scontato” non è un segnale. Ma comprare sul rimbalzo dell’S&P500 sulla media mobile a 50 giorni, o quando l’RSI si trova sotto quota 30, questi sono segnali.

I segnali di trading dovrebbero essere individuati sui grafici storici, per assicurarsi della validità del segnale stesso. Alcuni segnali sono più discrezionali, come le perforazioni dei range di prezzo, o delle trendline. Le perforazioni sono quantificabili, ma lasciano molta discrezionalità nelle mani del trader ed inoltre non possono essere testate. Personalmente preferisco utilizzare segnali come supporti/resistenze, medie mobili o indicatori tecnici.

Fare trading senza segnali quantificabili significa tradare a caso. Sostituisci la tua discrezionalità con fatti reali. Convinzioni o previsioni su ciò che farà o non farà il mercato non sono trading system.

Stop Loss

Quando entri nel mercato, devi avere una bassa possibilità che il tuo stop-loss venga raggiunto. Acquistare azioni Exxon quando il prezzo si trova il 2% sopra la media mobile a 200 giorni, quando il titolo vi si era mantenuto per 2 anni al di sotto, è un buon modo per evitare che il vostro stop-loss venga toccato, se questo viene piazzato al di sotto della media mobile.

È importante anche assicurarsi che, nel caso in cui lo stop-loss venga toccato, la perdita conseguente non sia significativa se rapportata al vostro capitale. Piazzare uno stop-loss a 10% di distanza dal punto di entrata non è una buona strategia, poiché si troverebbe ad una distanza troppo elevata, e comporterebbe una grave perdita in termini di denaro. Cerca di aprire soltanto trade in cui, la posizione dello stop-loss sia strategicamente conveniente (poca distanza dal punto di entrata e bassa probabilità di essere toccato).

Supporti e resistenze nel trading online

grafico supporti e resistenze

Cosa causa la formazione di livelli di supporto e resistenza? Il prezzo ha la memoria. Se il prezzo forma nuovi massimi, poi inverte e inizia a scendere, le persone che possiedono azioni, penseranno di aspettare che il prezzo torni almeno sul massimo precedente prima di vendere. Si crea così un gruppo di trader, il quale è in attesa di vendere le azioni al raggiungimento di un determinato livello. Quando il prezzo torna sul vecchio massimo, essi vendono, facendo riscendere il prezzo, creando così un livello di resistenza. La stessa cosa accade con i livelli di supporto.

Medie mobili

Le medie mobili sono la via più veloce per quantificare la direzione del trend. Queste smussano l’azione del prezzo, e grazie alla loro direzione e pendenza mostrano la direzione e la potenza del trend in atto.

medie mobili

Prezzo al di sopra della media mobile significa trend rialzista, al di sotto trend ribassista. Io preferisco le medie mobili alle trendline, poiché le prime sono completamente quantificabili. Sono pura matematica. Si adattano a qualsiasi time-frame e possono essere regolate in base alle nostre esigenze.

Una media mobile più corta e più agile ai cambiamenti di prezzo, o una più lunga e più adatta ai trend di lungo periodo. Le medie mobili possono essere anche utilizzate per identificare punti di entrata quando il prezzo le perfora al rialzo, o per piazzare stop-loss quando le perfora al ribasso. Oppure possono essere usate ancora come stop-profit quando decidi di lasciar correre un trade vincente.

Le medie mobili non sono il Sagro Graal del trading, ma possono sicuramente giocare un importante ruolo all’interno di un trading system.

Quando fare trading online

trading-profits

Nel mercato azionario, la prima ora di trading è spesso il momento dei principianti, mentre l’ora prima della chiusura funziona come una macchina della verità. I pivelli sono attratti dalle oscillazioni sbagliate e finiscono per posizionarsi dalla parte errata del mercato, i più svegli, invece, aspettano la fine delle contrattazioni prima di prendere una decisione.

Per questo nei trend ribassisti assistiamo spesso ad aperture con gap positivi e chiusure regative, viceversa nei trend rialzisti. Operare verso la fine della giornata di trading è meglio anche perché si evitano tutti i fastidi generati dai day traders e dai loro sistemi automatici. Molti dei traders migliori prendono le loro decisioni nelle ultime ore di contrattazione.

Media mobile a 200 giorni

L’ultima linea che separa un trend rialzista di lungo periodo da uno ribassista, è la media mobile a 200 giorni sul grafico giornaliero. Molti trader ed investitori professionisti basano la loro operatività sulla mm a 200, questa non ha proprietà magiche, segnala solamente che il prezzo viene scambiato al di sopra/sotto della sua media dei precedenti 200 giorni.

Serve a quantificare la formazione di un reale trend di lungo periodo. Molto spesso i crolli di borsa vengono anticipati dalla perforazione ribassista di tale media mobile. Spesso dopo essere stata perforata la mm a 200 viene testata diverse volte prima di assistere alla vera e propria accelerazione del trend. È importante che i trader assumano l’abitudine di andare short solo quando il prezzo si trova al di sotto della mm a 200 e andare long solo quando si trova al di sopra.

Trading a Zig Zag

È importante comprendere per un trader che i trend non si muovono su una linea retta, ma seguono un movimento a zig-zag. Il mercato tende ad esempio a ritracciare spesso verso la media mobile esponenziale a 5 giorni, oppure è facile assistere a correzioni quando l’RSI si trova in ipercomprato/ipervenduto.

Inizia a ragionare con un’ottica di lungo periodo per individuare i trend, e con un’ottica di breve periodo per capire quando entrare ed uscire dal mercato. Indicatori tecnici come l’RSI o il MACD sono ottimi per individuare possibili inversioni di breve periodo e di conseguenza forniscono ottimi segnali di entrata e di uscita.
Trade facile di solito significa trade perdente. Quando un trader si sente troppo sicuro di entrare nel mercato, di solito il risultato che ne deriva è un’operazione negativa. Le migliori opportunità di acquisto si presentano quando il prezzo si trova in prossimità di un importante livello di supporto, a causa di una sensazione di estrema paura tra gli investitori. Molto spesso, l’evento che aveva causato la paura non si concretizza, e quando viene scampato il pericolo il prezzo riprende a salire.

Paura nel trading online: come comportarsi?

Certamente la paura non è un segnale in se stessa, ma piuttosto è la causa che crea i segnali di trading quando il prezzo arriva a toccare livelli chiave. I due modi più profittevoli di fare trading sono: comprare sui minimi causati da paure insensate, o comprare su perforazioni che preannunciano l’inizio di trend di lungo periodo. Sono entrambi metodi difficili, perché i trader si vedranno costretti a combattere contro le loro stesse paure. Tutte le cose che rendono un trader profittevole sono difficili da fare. Il mercato finanziario è contro intuitivo, perché quando le opportunità appaiono essere ovvie, è quando tipicamente sono già passate.

Segnali di trading

segnali di trading

segnali di trading

I migliori trade sono quelli che rispettano i parametri del tuo segnale di entrata, e che hanno uno stop-loss ad un livello che difficilmente verrà toccato. Sono quelli che riesci a comprendere pienamente e che hanno un ottimo rapporto profitto/perdite. Le migliori operazioni sono quelle che girano subito in tuo favore, perché questo significa che sei entrato nel momento giusto. Queste operazioni generano un livello minimo di stress poiché realizzi immediatamente che quello sarà un trade vincente. Essendo più rilassato riesci a concentrarti meglio nell’individuare il punto di uscita migliore. Si crea un circolo virtuoso.

La speranza nel trading online

La speranza nel trading è un’emozione dannosa. Sperare in grandi vincite spinge le persone ad aprire posizioni troppo grandi, o a credere che una posizione perdente possa diventare vincente, portandoti ad ignorare gli stop-loss iniziali e a mantenere le posizioni sbagliate aperte troppo a lungo. Più forte è la speranza di far crescere il nostro conto, maggiore la possibilità di cader trappola di rischi che portano il nostro conto a zero.

La speranza è un potente strumento quando funge da carburante che fa bruciare la passione di un trader, spingendolo ad imparare, studiare, e crescere con pazienza e perseveranza. Tuttavia la speranza non è un sistema di trading, né un segnale, né tanto meno una guida su cosa è meglio fare. I traders devono prendere l’abitudine di sostituire la speranza con i fatti e le emozioni con le regole.

Grandezza delle posizioni aperte ed emozioni

Devi operare soltanto con posizioni che abbiano una grandezza che puoi gestire, mentalmente ed emotivamente. Molti traders aprono posizioni così grandi, che finiscono col farsi influenzare dallo stress derivante dalle oscillazioni di prezzo.

Nel momento in cui inizi ad avere problemi a causa delle tue emozioni, non vuoi ammettere di aver sbagliato, non vuoi chiudere una posizione in perdita, ecco quindi che entri in una zona pericolosa.

Dovresti condurre il trading come fosse un business, controllando le tue emozioni. Non puoi aprire posizioni che ti impediscono di mantenere la mente lucida. Trova la giusta grandezza delle posizioni che ti permetta di rimuovere le emozioni dal trading. Se 500 azioni ti procurano stress, scendi a 300 o meno, fino a che non riuscirai ad operare in uno stato di rilassamento. Prendi l’abitudine di aprire delle posizioni che ti permettano di mantenere uno stato emotivo neutrale.

Analisi predittiva VS analisi reattiva

C’è una grande differenza tra un’analisi predittiva ed una reattiva. La predittiva tenta di fare previsioni su come il prezzo si muoverà in futuro, ed apre le posizioni in base a questa credenza. La reattiva si basa sull’aprire posizioni dopo che un segnale di trading ha indicato l’inizio di un trend.Il più grande salto di qualità arriva quando smettiamo di operare in base a ciò che pensiamo possa accadere nel mercato, ed iniziamo ad agire su segnali che reagiscono a quello che sta accadendo.

Al mercato non importa la tua opinione, si muove in base all’azione di tutti i partecipanti. Una delle domande più importanti a cui un trader deve rispondere prima di iniziare a fare trading è:

  • quanta perdita di capitale sono disposto ad accettare prima di abbandonare il mio sistema?
  • Se hai un capitale iniziale di $10.000, smetterai di applicare le regole del tuo sistema quando starai perdendo il 10%? O quando?

Drawdown

Struttura il tuo trading in modo da avere basse probabilità di andare rotto a causa di un singolo drawdown. I trader devono pianificare i parametri per i loro profitti, un obiettivo di profitti del 20% all’anno con drawdown massimo del 5%, per esempio è una buona idea. Oppure, se si accettano maggiori rischi, si può puntare al 30% di profitti contro il 10% di perdita massima.

Tolleranza del rischio

Progetta il tuo sistema in base alla tolleranza che hai del rischio. Se accetti una perdita massima del 5%, significa che dovrai rischiare in ogni posizione dallo 0,5% all’1%. L’obiettivo è evitare di arrivare al massimo drawdown soltanto dopo poche operazioni negative. Il drawdown deve essere calcolato in base al capitale di volta in volta.

Questo significa che se il tuo capitale iniziale è di $10.000, e a causa di alcune perdite scendi a $9.800, la futura percentuale che rischierai dovrà essere calcolata su quest’ultimo valore. Molti trader commettono l’errore di continuare a calcolare la percentuale da investire in base al capitale iniziale. Ovviamente questo discorso vale anche quando il capitale aumenta.

La fiducia in te stesso arriverà solo dopo che hai svolto i tuoi compiti, e dopo che hai provato che puoi fidarti di seguire le regole del tuo trading system con disciplina. La motivazione più comune che porta al fallimento i trader nel loro primo anno di attività, è che essi ripongono fiducia nelle loro abilità prima di avere competenza nel trading.

Trading online è avere fiducia in se stessi

La fiducia in te stesso è cruciale per avere successo nel trading, ma deve essere una fiducia “sana.” Devi avere un trading system affidabile, un auto-controllo che ti permetta di evitare il fallimento, e soprattutto, quando impari cosa fare in una determinata situazione, devi fidarti di te stesso e fare ciò che è giusto.Senza confidenza, non sarai bravo ad operare con efficienza, ma con troppa confidenza, finirai con l’aprire posizioni troppo grandi e con l’autodistruggerti.

Avere fiducia in te stesso, non solo ti permetterà di fare le cose giuste, ma anche di evitare quelle sbagliate.

Money management

La maniera più veloce e facile per capire se i tuoi parametri di money management sono validi, è vedere quante operazioni perdenti puoi sopportare prima di andare in rovina. Non basarti sulla percentuale di vincite che pensi registrerai, perché la realtà è molto peggio di quanto probabilmente ti aspetti. Una perdita del 50% del capitale, è molto difficile da recuperare, poiché richiede il raddoppio del capitale per tornare al punto di inizio.

Spesso quando il tuo sistema ti permette di arrivare a perdere il 50%, significa che è sbagliato abbastanza per continuare a farti perdere anche il restante 50%. Avere un sistema che espone ripetutamente il tuo capitale a rischiare una grande parte dei tuoi soldi, finirà per portarti ad un punto morto. Non importa quanto siano positive le tue aspettative.

Gestione del rischio nel trading online

Mentre l’analisi del mercato richiede una mente aperta ed una flessibilità tale da aggiustare il tiro in base a quello che sta accadendo, la gestione del rischio è un’operazione che va approcciata in maniera molto rigida e disciplinata. Una volta stabilito lo stop-loss, questo non deve cambiare. Decidere di non seguire il tuo stop-loss iniziale, quando questo verrà toccato, potrebbe essere devastante per il tuo conto. Uno stop-loss ben posizionato, difficilmente verrà raggiunto, e se questo succederà è perché probabilmente sei di fronte ad un inversione del trend. Uno stop-loss posizionato al di sotto della linea 30 dell’RSI o sotto la mm a 200 giorni, ha veramente poche possibilità di essere toccato. Prendi l’abitudine di non modificare il tuo stop-loss in corsa. Quando uno stop-loss viene toccato, esci dal mercato, perché è da questo che dipende il tuo successo nel lungo periodo.

Parametri ottimali nei segnali di entrata

È importante avere differenti parametri per stabilire la grandezza della posizione, in modo che questi si adattino alla qualità del segnale di entrata e al rapporto profitto/perdita. Ovviamente, quando hai dei parametri ottimali, apri una posizione più grande rispetto a quando il tuo segnale di entrata non sembra molto convincente.

Tutti i traders dovrebbero avere dei parametri che distinguono un trade di alta qualità da uno normale. E quando i trade migliori si presentano, essi dovrebbero essere sfruttati al massimo, perché sono rari.

I traders dovrebbero anche avere una quantità standard di denaro investibile nelle posizioni normali ed una investibile nei trades migliori.

Regola di investimento dell’1%

Quella dell’1% è una delle regole che i novellini faticano maggiormente a comprendere,ma allo stesso tempo è una delle più importanti. La regola dell’1% non significa che puoi operare soltanto con l’1% del tuo capitale, o che non puoi rischiare più dell’1%. Se hai $10.000 sul tuo conto trading, non devi perdere più di $100 in un singolo trade.

Ciò significa che se acquisti 50 azioni Exxon, lo stop-loss deve essere impostato a $2 di perdita, perché $2*50 azioni = $100. Se applichi costantemente questa regola, significa che la prossima operazione sarà la 1 su altre 99. Con questa regola, non dovrai più aver paura dei drawdown o di importanti perdite.

Ti aiuterà ad evitare di entrare nell’ottovolante delle emozioni e a mantenere sempre una mente lucida. I migliori trader applicano la regola dell’1%, perché sanno che in questo modo non andranno mai falliti, ed anche in situazioni estremamente negative, essi sanno che sopravviveranno per operare in altri giorni.

Regola di investimento del 3%

Ti raccomando di non aprire mai 3 posizioni contemporaneamente, in cui in ognuna di essa hai investito l’1% del capitale. Questo perché devi assicurarti di non perdere mai più del 3% del tuo conto in un singolo giorno, sia anche questo il giorno peggiore di tutta la tua carriera da trader.

Questa strategia serve a limitare i drawdown durante i periodi più difficili, e ad evitare di subire batoste da cui potresti non riprenderti mai.

Prenditi l’abitudine di limitare la tua esposizione sul mercato ad un massimo del 3% in un singolo giorno, in modo da evitare, nelle giornate nere, un grande disastro.

Cogliere al volo le opportunità

Una volta che una posizione sta registrando un buon profitto, questa ha bisogno di rimanere profittevole attraverso l’uso di stop-profit. C’è una finestra di opportunità per mettere al sicuro i profitti, e tu devi stabilirne i parametri, perché i trade vincenti hanno solitamente una durata di conservazione, finita la quale essi diventano negativi.

Entra nell’ottica di stabilire un piano per mettere al sicuro i profitti nelle operazioni vincenti, e non permettere mai che un grande trade vincente giri, trasformandosi in uno perdente.

Riconoscere la volatilità per guadagnare con il trading online

investimento-gestito-trading-online

Conoscere la volatilità del titolo sul quale vuoi investire deve aiutarti a stabilire la grandezza della posizione. Dovresti essere in grado di gestire un aumento della volatilità del 50% senza subire pesanti perdite.Prenditi l’abitudine di decidere la grandezza della posizione in base al peggior scenario possibile, e non in base al migliore o al più probabile.

Sii sempre pronto a gestire il rischio e ad aggiustare il tiro quando si presenta un mercato estremamente volatile.Scegli il livello sul quale posizionare lo stop-loss in modo che abbia poche probabilità di essere toccato, così avrai il tempo di uscire dai trade profittevoli.Una volta individuato tale livello, puoi aspettare che il prezzo gli si avvicini il più possibile, in modo che, nel caso peggiore, la perdita sia minima. Prendi l’abitudine di scegliere stop-loss con bassa probabilità di essere raggiunti.

Scopri tutti i segreti per investire oggi e guadagnare nel trading onlineUtilizza piattaforme di trading regolamentate ed autorizzate come quelle di seguito riportate e investi con le opzioni binarie o con il Forex.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Termini di ricerca:

  • quando subisci una forte perdita in borsa e non riesci piu a reagure
  • regole trading online

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo