Quali sono i requisiti per andare in pensione nel 2019?

Altro giro altra corsa; cambia il governo, cambiano le regole per andare in pensione. Cosa ci si deve aspettare per il prossimo anno?

Si deve chiarire sin da subito che il nuovo governo insediatosi quest’anno, non ha la possibilità di modificare i requisiti per andare in pensione. Non possono essere cambiate le regole per il 2018. Non possono essere cambiate le regole per il 2019. Di conseguenza tutte le modifiche che verranno apportate avranno effetto a partire dal 2020. Quindi anche la famosa quota 100, se approvata non avrà effetto immediato.

>>Leggi anche: Riforma pensioni: quota 100 e quota 41, pensione a 57/58 anni per le donne!

Come fare per andare in pensione nel 2019

riforma pensioni: requisiti per andare in pensione dal 2019

riforma pensioni: requisiti per andare in pensione dal 2019

Passiamo adesso ad analizzare quelle che sono le proposte formulate dal precedente governo per andare in pensione a partire dal 2019. Si parte come sempre prendendo in esame l’adeguamento con le aspettative di vita Istat. Queste devono essere prese in esame a partire dal 1° gennaio 2019. In breve dal prossimo anno, prenderanno avvio i nuovi requisiti per andare in pensione.

Come sappiamo il tema delle pensioni, è un argomento molto discusso in questo periodo. Abbiamo visto gli effetti della legge fornero, con il conseguente non pensionamento di alcuni lavoratori. Abbiamo anche visto le diverse proposte di legge portate avanti in campagna elettorale dai diversi partiti.

>>Leggi anche: Pensioni 2018 casalinghe INPS , come funziona? Importo, requisiti, come presentare la domanda

Oggi, però cii troviamo ancora una volta a fare i conti con i debiti e i bilanci. Non tutti possono andare in pensione per questo motivo.

Sappiamo bene che da diverso tempo ormai, l’argomento pensioni ha da sempre catturato l’attenzione di tutti. Questo è in pratica un dato certo; sappiamo bene anche che i numerosi cambiamenti in questa materia possono incidere sulla vita presente delle persone. Allo stesso tempo, le situazioni che si stanno venendo a verificare condizionano, e non poco, quella futura.

Oggi, non a caso si sta discutendo di riforma pensioni. Lo si fa non solo a livello familiare; lo si fa anche a livello politico. E’ in quest’ultimo caso che sono affrontati, soprattutto nei palchi delle campagne elettorali, le modifiche da apportare. A nostro avviso, sono slogan pubblicitari per portare avanti una campagna elettorale e attirare voti.

Purtroppo della campagna elettorale ai cittadini italiani, poco importa. Per altro considerando che la materia è sempre in continua evoluzione, i cittadini hanno perso le speranze di andare in pensione. Questo perché, le leggi modificano i requisiti e molto spesso variano. Come sempre chi ci rimette è il cittadino; è necessario per tanto, continuamente fare il punto della situazione e avere sempre chiara.

Intanto succede che l’Istat, rileva l’aumento dell’aspettativa di vita in Italia di 5 mesi. Questo dato è per altro legato alla Legge Fornero del 2011.

>>Leggi anche: Riforma pensioni 2016: tutto su proposta di governo, legge Fornero, pensione anticipata e reversibilità

Tramite questa legge si è cambiato il requisito dell’uscita dal mondo del lavoro. I cittadini dal 1° gennaio 2019 possono andare in pensione, con un ritardo, rispetto a chi è andato in pensione nel 2018, di tre mesi rispetto l’età richiesta.

Noi abbiamo fatto di più. Tramite l’immagine riportata, abbiamo evidenziato 8 step con le diverse tipologie pensionistiche. Si tratta a ben vedere dei requisiti che il cittadino deve possedere per andare in pensione.

Per altro, stando alle modifiche accertate, prevedendo un entrata in vigore per il prossimo anno, si devono fare i conti con il calcolo sia dell’età, sia anche di contributi necessari per ottenere la pensione.

Fa eccezione solo il nuovo provvedimento annunciato dal governo che, per ora, rimane fermo su carta e che deve essere ancora dibattuti ed approvati.

Requisiti per andare in pensione nel 2019

Analizzando i dati riportati in immagine, è possibile reperire i requisiti necessari per andare in pensione.

In cima, abbiamo la pensione che si ottiene oltre i 70 anni di età. Essa prende il nome di pensione di vecchiaia contributiva. Al fine di raggiungerla, si deve avere il seguente requisito: 71 anni e 3 mesi di età con 5 anni di contributi versati.

Segue la pensione di vecchiaia che prevede 67 anni e 3 mesi di età anagrafica, con 20 anni di contributi.

Successivamente si ha la pensione anticipata contributiva, che prevede 64 anni e 3 mesi di età con 20 anni di contributi versati.

Passiamo oltre, fino ad arrivare al famoso Ape Volontario, ovvero il prestito anticipato pensionistico che viene ripagato con le trattenute sul futuro assegno pensionistico. Al fine di usufruire di questo anticipo, si deve avere 63 anni e 3 mesi di età.

>>Leggi anche:Ape social 2018: domanda INPS – requisiti – caratteristiche

Infine, ci sono le tre tipologie di pensione anticipata legata ai lavoratori che hanno versato 43 anni e 3 mesi per gli uomini e 42 anni 3 mesi per le donne. Vi è anche la possibilità di usufruire della pensione anticipata per i lavoratori precoci con 41 anni e 5 mesi di contributi versati.

Purtroppo come sempre succede in Italia, la burocrazia non aiuta. Troppe leggi, troppi requisiti. Se vuoi sapere come fare per andare in pensione nel 2019, devi munirti di calcolatrice e calendario o anche rivolgerti ad un patronato. In base all’età che possiedi, puoi poi fare due calcoli.

Puoi cercare di ipotizzare la data del raggiungimento del tuo assegno pensionistico che, con questo ulteriore adeguamento del 2019, sembra allontanarsi sempre di più. Infine, puoi rivolgerti direttamente presso la sede INPS territoriale o anche collegarti al sito dell’INPS per sapere effettivamente quando potrai andare in pensione.

Migliori Piattaforme di Trading Online

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets.com Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: $250
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
DUKASCOPY EUROPE Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

IQ Option Deposito: 10 $
Licenza: CySEC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio
BDSwiss Deposito: 100 $
Licenza: CySEC - LLC - FSC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Lascia un Commento

Termini di ricerca:

  • nel 2019 rimane pensione anticipata 41 piu 5 mesi?

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com