La crisi ed il consumo di energia: calano i consumi

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

Uno dei mezzi per risparmiare e per difendersi dalla crisi è sicuramente quello di ridurre l’utilizzo ed il consumo dell’energia elettrica. L’Italia, anche in questo campo, si sta organizzando. Claudio Andrea Gemme, presidente di Confindustria Anie, al Sole24ore ha così affermato: “La situazione è estremamente drammatica per le nostre imprese”.

Terna ha diffuso i dati: a settembre i consumi si sono fermati a 236,4 miliardi di kWh, con una flessione del 9,6% rispetto al settembre dell’anno scorso. Un calo che è il più marcato dall’aprile del 2009, quando il fabbisogno elettrico scese del 10,5% rispetto allo stesso mese del 2008. La produzione industriale non è stata da meno, come rileva il Centro studi di Confindustria (-0,3% su agosto).

Depurando gli effetti della differente temperatura fatta registrare tra settembre 2011 e settembre 2012, il calo nel consumo di energia elettrica è del 7,3%. Da un punto di vista geografico, il totale dei consumi è distribuito per il 46% al Nord, per il 29% al Centro e per il 25% al Sud, con variazioni della domanda tutte con il segno meno: rispettivamente -9% al Nord, -9,5% al Centro e -10,8% al Sud.

In totale, la domanda di energia per settembre è stata soddisfatta per l’88,1% dalla produzione nazionale, e dall’11,9% dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. Al netto, la produzione nazionale è stata quindi di 23,5 miliardi di kWh, in calo dell’11,1% rispetto allo stesso mese del 2011. Il trend negativo viene anche confermato dai dati forniti da Enel relativi ai prelievi sulle sue reti di alta tensione operati dalle grandi aziende, pari a circa il 36% del consumo complessivo, nel primo semestre del 2012 rispetto al medesimo periodo del 2011: complessivamente -6,2%.

Questi i numeri per i diversi settori produttivi: sono in negativo cemento, calce e gesso (-20,5%); chimica e farmaceutica (-15,6%); legno (-11,5%); editoria e stampa (-11,4%); alimentare (-10,7%); metalli (-9,4%); ceramiche e piastrelle (-8,7%); agricoltura, pesca e allevamento (-6,4%); tessile (-5,8%); vetro (-5,2%); sanità, servizi e istruzione (-4,7%); gas, petrolio e altri non metalli (-4,4%); meccanica -2%. Crescono invece informatica (0,1%); elettrico (0,9%; trasporti (8,7%); ricerca e sviluppo e altre organizzazioni (9.6%).

Tutto ciò ha causato pure un aumento della disoccupazione. In una situazione tanto complicata, non si può che provare ancora una volta a rivolgersi a chi può farci credito, le banche o le finanziarie. O gli enti pubblici, laddove sono state attivate iniziative sociali con finanziamenti a tassi agevolati. Ecco quindi perché il portale Prestiti.it, con il suo preventivatore, può essere uno strumento indispensabile.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
IG
  • Licenze: CONSOB, BaFin
  • Conto CFD, Barrier&Options, Turbo24
  • No deposito minimo
Con IG puoi fare trading sui primi certificati turbo al mondo H24 Prova Gratis IG opinioni
ETFinance
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova Gratis ETFinance opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

 

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

 

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19