Guida ai prestiti: il finanziamento a tasso zero

Dopo aver trattato il tema dell’Indicatore Sintetico di Costo e del Tasso Annuo Effettivo Globale, andiamo a parlare dei finanziamenti a tasso zero. Sono molti i dubbi che circondano finanziamenti di questo tipo. Quanto costano realmente? E’ sicuramente questa la domanda più frequente.

Prima di trattare il tema del prestito a tasso zero è bene fare una breve digressione storica-economica; l’Italia si è sviluppata secondo un sistema semi-capitalistico dove gli interessi vengono visti come il corrispettivo del capitale dato in prestito o, come vengono altresì chiamati, i ‘frutti del denaro’.

Ad una prima analisi appare, quindi, impensabile nel mondo occidentale un finanziamento senza frutti, ossia senza interessi. Il finanziamento a tasso zero, se si va ad analizzare i termini che compongono questa tipologia di prestito, dovrebbe essere gratis. Ecco perchè la maggior parte dei finanziamenti a tasso zero dei Paesi occidentali sono, invece, delle semplici trovate di marketing.

Iniziamo col dire che l’unico soggetto che ha la capacità e la facoltà di erogare un finanziamento a tasso zero, anche mediante la collaborazione di banche o istituti di credito, è lo stato. Ad esempio per incentivare l’area occupazionale di un territorio ristretto. Stesso discorso riguarda, come ovvio che sia, gli enti non profit.

Il finanziamento a tasso zero, tra le normali e conosciute istituzioni creditizie, è quasi un’utopia; l’unico caso che viene alla mente è quello delle fondazioni che, però, ricevono un ritorno pubblicitario dalla reclamizzazione dell’iniziativa.

Se lasciamo perdere lo Stato, le istituzioni non profit e le fondazioni possiamo anche scordarci finanziamenti che, nel vero senso dei termini, siano a tasso zero.

In passato erano molti i prodotti a Tan pari a 0. In questi finanziamenti gli interessi erano nulli, ma c’erano una serie di costi, spese ed oneri accessori correlati che facevano lievitare il Taeg che, come abbiamo già ricordato, mostra l’esatto costo del finanziamento.

Voi lavorereste gratuitamente per altri? La risposta è, evidentemente, no. Ecco perchè non possono esistere finanziamenti a tasso zero. Sul mercato, quindi, potremo trovare unicamente dei prodotti con tassi agevolati, ma mai a costo zero. A meno che non vengano erogati da Stato, associazioni non profit o fondazioni.

Migliori Piattaforme di Trading Online

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC / FCA / ASIC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets.com Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: $250
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
DUKASCOPY EUROPE Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

IQ Option Deposito: 10 $
Licenza: CySEC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio
BDSwiss Deposito: 100 $
Licenza: CySEC - LLC - FSC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com