Guida ai prestiti: cosa sono i Sic?

Oggi vi parliamo dei Sistemi di Informazioni Creditizie; chiamateli pure Sic oppure, come le definiscono i più, le banche dati sui prestiti. Il loro obiettivo? Semplicemente quello di conservare dati ed informazioni utili sui consumatori e sui rapporti che questo soggetto ha avuto con gli istituti di credito interpellati.

Di cosa si tratta entrando nel dettaglio? I Sic o banche dati dei prestiti sono lo strumento che gli istituti di credito o le finanziarie analizzano, in prima battuta, appena un cliente rivolge a loro la richiesta di un finanziamento.

Riguardano informazioni neutre o negative e, qualora dovessero essere ‘rosse’, impediscono al cliente di ottenere il finanziamento. A meno che non si tratti di un prestito con cessione del quinto, dove la garanzia di rimborso piomba sul datore di lavoro e non sul cliente.

La legge numero 106 del 2011 ha ridotto il periodo di conservazione delle informazioni sui pagamenti in ritardo; le norme, poi, prevedono che “in caso di regolarizzazione dei pagamenti, le segnalazioni relative a ritardi di pagamenti da parte delle persone fisiche o giuridiche già inserite nelle banche dati devono essere cancellate entro cinque giorni lavorativi dalla comunicazione da parte dell’istituto di credito ricevente il pagamento” e che entro sette giorni le informazioni debbano essere estinte.

Chi dovesse avere problemi con i pagamenti entra nel vortice della “riscossione coattiva”, l’insieme delle procedure di recupero crediti: dai solleciti fino al decreto ingiuntivo, l’atto tramite cui il giudice ordina di sanare la propria situazione.

Un registro di queste informazioni è detenuto dalla Banca d’Italia che, dal 2009, censisce tutte le informazioni riguardanti i finanziamenti che eccedono la somma di 30.000 euro. I Sic privati più importanti sono quello gestito da SIA-SSB (ex Società interbancaria per l’automazione) per le somme oltre 31.246 euro e inferiori a 75mila; sotto la prima soglia, quelli di Assilea, Cerved, Crif, Ctc, Expedian e Infocamere.

Nel 2005 è stato introdotto il Codice di deontologia per i sistemi di informazioni creditizie (prima di esso i nominativi erano conservati per oltre cinque anni, ora il massimo è tre anni).

Per quanto riguarda i tempi di conservazione delle informazioni nel registro, vediamo qualche esempio:

– cliente che chiede un finanziamento senza concludere l’operazione: 6 mesi
– prestiti estinti, e cioè conclusi, restano in memoria come informazione neutra per 36 mesi dalla data di estinzione
– numero di rate non pagate non superiore a 2: ‘schedati’ per 12 mesi da quando si torna a pagare regolarmente
– numero di rate non pagate superiore a 2: ‘schedati’ per 24 mesi da quando si torna a pagare regolarmente
– situazioni di morosità: 36 mesi di ‘lista nera’ oltre al periodo in cui il credito è stato contratto

Migliori Piattaforme di Trading Online

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC / FCA / ASIC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets.com Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: $250
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
DUKASCOPY EUROPE Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

IQ Option Deposito: 10 $
Licenza: CySEC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio
BDSwiss Deposito: 100 $
Licenza: CySEC - LLC - FSC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com