Guida ai prestiti: cosa sono i Sic?

Oggi vi parliamo dei Sistemi di Informazioni Creditizie; chiamateli pure Sic oppure, come le definiscono i più, le banche dati sui prestiti. Il loro obiettivo? Semplicemente quello di conservare dati ed informazioni utili sui consumatori e sui rapporti che questo soggetto ha avuto con gli istituti di credito interpellati.

Di cosa si tratta entrando nel dettaglio? I Sic o banche dati dei prestiti sono lo strumento che gli istituti di credito o le finanziarie analizzano, in prima battuta, appena un cliente rivolge a loro la richiesta di un finanziamento.

Riguardano informazioni neutre o negative e, qualora dovessero essere ‘rosse’, impediscono al cliente di ottenere il finanziamento. A meno che non si tratti di un prestito con cessione del quinto, dove la garanzia di rimborso piomba sul datore di lavoro e non sul cliente.

La legge numero 106 del 2011 ha ridotto il periodo di conservazione delle informazioni sui pagamenti in ritardo; le norme, poi, prevedono che “in caso di regolarizzazione dei pagamenti, le segnalazioni relative a ritardi di pagamenti da parte delle persone fisiche o giuridiche già inserite nelle banche dati devono essere cancellate entro cinque giorni lavorativi dalla comunicazione da parte dell’istituto di credito ricevente il pagamento” e che entro sette giorni le informazioni debbano essere estinte.

Chi dovesse avere problemi con i pagamenti entra nel vortice della “riscossione coattiva”, l’insieme delle procedure di recupero crediti: dai solleciti fino al decreto ingiuntivo, l’atto tramite cui il giudice ordina di sanare la propria situazione.

Un registro di queste informazioni è detenuto dalla Banca d’Italia che, dal 2009, censisce tutte le informazioni riguardanti i finanziamenti che eccedono la somma di 30.000 euro. I Sic privati più importanti sono quello gestito da SIA-SSB (ex Società interbancaria per l’automazione) per le somme oltre 31.246 euro e inferiori a 75mila; sotto la prima soglia, quelli di Assilea, Cerved, Crif, Ctc, Expedian e Infocamere.

Nel 2005 è stato introdotto il Codice di deontologia per i sistemi di informazioni creditizie (prima di esso i nominativi erano conservati per oltre cinque anni, ora il massimo è tre anni).

Per quanto riguarda i tempi di conservazione delle informazioni nel registro, vediamo qualche esempio:

– cliente che chiede un finanziamento senza concludere l’operazione: 6 mesi
– prestiti estinti, e cioè conclusi, restano in memoria come informazione neutra per 36 mesi dalla data di estinzione
– numero di rate non pagate non superiore a 2: ‘schedati’ per 12 mesi da quando si torna a pagare regolarmente
– numero di rate non pagate superiore a 2: ‘schedati’ per 24 mesi da quando si torna a pagare regolarmente
– situazioni di morosità: 36 mesi di ‘lista nera’ oltre al periodo in cui il credito è stato contratto

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Social Trading CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito Licenza FCA-CySEC-ASIC Conto demo
Opinioni Plus500
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo