Mutuo: facilitazioni per acquistare la prima casa

🥇 Non farti scappare questa opportunità, il tempismo è tutto. I mercati volatili forniscono un’ottima opportunità di guadagno quando tutti sono impegnati a vendere. ⭐  Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito su Avatrade >>
🥇 Non farti scappare questa opportunità, il tempismo è tutto. I mercati volatili forniscono un’ottima opportunità di guadagno quando tutti sono impegnati a vendere. ⭐  Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito su Avatrade >>

L’acquisto della casa, per gli italiani, è sempre stato una priorità. La prima casa, in particolare, rappresenta l’investimento base per ogni famiglia. Lo strumento fondamentale per l’acquisto della casa è il mutuo sulla prima casa, che permette il finanziamento parziale della spesa per l’acquisto dell’immobile, acquisibile oggi anche online.

Negli anni recenti, a fronte della crisi economica, in abbinamento al calo degli acquisti d’immobili, nel nostro paese sono diminuite anche le concessioni di mutui da parte delle banche. Dalle ultime rilevazioni, però, sembra che qualcosa si stia muovendo, in questa prima metà del 2014. Vediamo in quali termini.

Secondo le rilevazioni dell’ABI (associazione degli istituti bancari), nel primo quadrimestre del 2014 si è registrato un aumento nelle concessioni di mutui per l’acquisto di case rispetto al 2013, anno caratterizzato, invece, da una flessione a due cifre dei nuovi mutui.
Difatti un’indagine campionaria condotta tra gennaio e aprile su un campione composto da 83 istituti bancari (che rappresentano l’80% circa del mercato), ha rilevato nuovi mutui per un ammontare di 7,3 miliardi di euro, corrispondente a un +26,5%, rispetto ai 5,8 miliardi di euro del primo quadrimestre 2013, questi ultimi corrispondenti, a loro volta, al -14,7% rispetto al primo quadrimestre 2012.
L’aumento dei mutui viene confermato anche dalla Banca d’Italia che, pur registrando una diminuzione del complesso dei prestiti alle famiglie nell’ultimo anno, calati dell’1%, calcola una crescita, invece, del +9,3% su base annua del settore mutui, che rappresenta una parte consistente dei prestiti, nel primo trimestre del 2014.
Un’interessante notazione viene dall’Osservatorio sul mercato mutui di MutuiOnline.it, che rileva, nei primi 5 mesi del 2014, un + 63,7% delle richieste di mutuo riguardanti mutui prima casa.

qualcuno che firma un contratto per ricevere un paio di chiavi

per comprare la prima casa quasi tutti hanno bisogno di un mutuo

Per quanto riguarda i tassi d’interesse, invece, la Banca d’Italia a inizio giugno ha rilevato una diminuzione contenuta dei tassi d’interesse applicati ai mutui. Difatti il Taeg medio (comprendente costi fissi e tasso nominale) è ora del 3,6%, a fronte del 3,9% del 2013.
Questi ultimi dati potrebbero far ritenere che si sia giunti finalmente a un punto di inversione del trend negativo dell’economia italiana.
In realtà, l’esame delle offerte delle banche e delle finanziarie mette in luce che le agevolazioni e le proposte vantaggiose sul mercato, soprattutto sui mutui prima casa, sono destinati a coloro che possono sostenere autonomamente il 50-60% del prezzo dell’immobile da acquistare, ovvero a una fetta di clientela che dà una certa garanzia di solvibilità alle banche.
Invece, quasi due terzi delle domande di mutuo presentate, circa il 63%, sono finalizzate a coprire una parte del prezzo di acquisto dell’immobile oscillante tra il 60 e l’80%.
Appare quindi evidente come gli interessi delle banche e quelli delle famiglie non coincidano affatto.
Del resto, il migliore spread relativo a mutui con tasso variabile, per un mutuo di 140.000 euro rimborsabile a 20 anni (valore dell’immobile di 220.000 euro), negli ultimi 9 mesi in realtà si è ridotto molto limitatamente, scendendo dal 2,60% (ottobre 2013) al 2,45% (giugno 2014).
Tale riduzione, pur apprezzabile, è ancora lontana dal costituire un vero taglio sui prezzi dei mutui alle famiglie.

Diritti foto: http://pixabay.com/it/mano-chiave-chiavi-di-casa-tasti-101003/, rights: Public Domain CC0

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
Plus500
  • Licenza: CySEC
  • Vasta scelta di CFD
  • Deposito min: 100 €
Piattaforma per professionisti - Vasta scelta di CFD Prova Gratis Plus500 opinioni
ETFinance
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova Gratis ETFinance opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74/89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

 

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

 

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19