Affitto con riscatto: comprare la casa senza mutuo

La situazione economica non certo favorevole e la volontà delle banche di concedere pochi finanziamenti sta spingendo gli italiani che desiderano acquistare casa a trovare soluzioni alternative. In questo contesto complicato si sta facendo largo, in particolare, l’affitto con riscatto.

Il mercato del mattone segna un nuovo e più pesante crollo: nel secondo trimestre le convenzioni relative a compravendite di unità immobiliari risultano in calo del 23,7% su base annua. Lo rileva l’Istat con riferimento a dati sulla statistica notarile. Nel secondo trimestre si registrano così le variazioni tendenziali più sfavorevoli dal primo trimestre del 2008. Nel dettaglio, le compravendite di immobili residenziali diminuiscono del 23,6%.

Nel secondo trimestre 2012 i mutui, i finanziamenti e le altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare registrano una caduta annua del 41,2%, rileva ancora l’Istat.

Solamente nell’ultimo mese, rispetto allo scorso anno, l’attenzione verso questa soluzione è di molto aumentata anche in Italia. L’incremento medio è del 13% e la domanda cresce del 9%. Una diffusione che sta prendendo piede in particolare nel Nord Italia (Lombardia al primo posto seguita da Piemonte, Emilia Romagna, Veneto e Lazio).

In cosa consiste l’affitto con riscatto? La formula presuppone una contemporanea stipula di due accordi. Un contratto di locazione, ad un canone maggiorato rispetto a quello di mercato ed un contratto di opzione, in cui viene stabilito che l’inquilino, al termine del contratto precedente (generalmente tre anni) e ad un prezzo stabilito, avrà la possibilità di acquistare la casa in cui ha vissuto in affitto.

Il canone di locazione è accresciuto perché una metà viene accantonata, da impiegare nel caso in cui il soggetto stabilisca di esercitare l’opzione di acquisto. Il prezzo pattuito per il futuro acquisto è pari, infatti, alla differenza tra il prezzo di listino già concordato e la somma delle somme accantonate.

Ponderando bene costi e benefici e prendendo come tale il fatto che, fra tre anni, non si potrà avere la certezza di una maggiore disponibilità economica, l’affitto con riscatto può rivelarsi vantaggioso per chi non dispone di un acconto iniziale ed immediato per acquistare da subito l’immobile e non vuole o non può accendere un mutuo per un certo importo.

I vantaggi per affittuari e futuri compratori sono anche fiscali (l’Imu continua a pagarla il proprietario) e nel momento in cui decideranno di effettuare l’acquisto, poiché potranno farlo a un prezzo bloccato al momento della stipulazione del contratto. Anche se va detto, che in questa fase in cui più fonti indicano che è prevista una contrazione dei prezzi immobiliari bloccare oggi un prezzo da pagare fra tre anni potrebbe rivelarsi anche controproducente.

«L’affitto con riscatto è anche molto utilizzato da parte di coloro che bloccano l’immobile per un acquisto ma poi trovano la porta chiusa in banca per il mutuo – spiega Daniele Mancini, ad di Casa.it -. In questo caso possono temporaneamente rifugiarsi nell’affitto e contestualmente accumulare capitale per un futuro acquisto. È una formula molto gettonata anche da parte di coloro che hanno intenzione di acquistare una nuova casa ma solo dopo aver venduto quella vecchia. In questo modo c’è più tempo per vendere l’immobile a un prezzo adeguato, senza il rischio di doverlo svendere».

Se alla scadenza del contratto di affitto l’inquilino non desiderare esercitare l’opzione di acquisto, allora può proseguire a pagare il canone fissato nel contratto oppure dare disdetta e liberare l’immobile. In questi due casi, però, non avrà fatto un affare l’inquilino perchè si trova ad aver pagato un canone maggiorato, sostanzialmente per nulla.

Migliori Piattaforme di Trading Online

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC / FCA / ASIC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets.com Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: $250
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
DUKASCOPY EUROPE Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

IQ Option Deposito: 10 $
Licenza: CySEC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio
BDSwiss Deposito: 100 $
Licenza: CySEC - LLC - FSC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com