Mutui subprime: le tipologie di credito

Nella giornata di ieri abbiamo definito cosa si intende per credito subprime; si tratta di finanziamenti erogati a quei soggetti che, in condizioni normali, non potrebbero ottenere somme a debito nel mercato del credito.

Il credito subprime è quindi associato a basse garanzie, a volte persino nulle, da parte dei debitori. Le stesse, molte volte, non sono nemmeno chieste dagli istituti di credito. Alla concessione del credito subprime contribuiscono un mercato del lavoro flessibile caratterizzato da una certa libertà di licenziamento, il ricorso all’indebitamento e la presenza di coperture finanziarie dei rischi alternative alle garanzie fornite dal cliente.

Tra le diverse tipologie di credito subprime troviamo, innanzitutto, i mutui ipotecari subprime. Stando alla guideline del Dipartimento del Tesoro Americano, “i debitori subprime hanno tipicamente una storia creditizia che include insolvenze, o addirittura problemi più gravi, come avvisi di garanzia, pignoramenti, e bancarotta. Tipicamente hanno anche una bassa capacità di rimborso, così come essa viene misurata dai punteggi di credito e dal rapporto debiti/reddito, o da altri criteri che riescono a supplire un profilo di credito incompleto”.

I mutuatari subprime, quindi, hanno bassi redditi o dei punteggi di credito inferiori alla soglia di 620 in una scala che va da 300 ad 850. I mutui subprime hanno un più alto tasso di insolvenza dei mutui prime e il loro prezzo dipende dal rischio che il mutuante si assume.

Nonostante la maggior parte dei mutui per la casa non rientri in questa categoria, i mutui subprime hanno proliferato a partire dai primi anni del XXI secolo. John Lonski, economista di Moody’s, afferma che all’incirca il 21% dei mutui contratti dal 2004 al 2006 si sono classificati come subprime, mentre dal 1996 al 2004 la percentuale si assestava al 9%.

Un’altra componente del credito subprime sono le carte di credito subprime, sviluppatesi a partire dagli anni ’90 e offerte dalle compagnie di carte di credito a quei debitori che hanno un basso punteggio di credito ed un passato fatto di insolvenze, pignoramenti o bancarotta.

Spesso queste carte iniziano con bassi limiti di credito, accompagnati da tariffe estremamente alte e tassi di interesse che posso essere anche superiori al 30%. Ora, invece, gli interessi per le carte di credito subprime partono dal 9,9% ed arrivano, in talune circostanze, addirittura oltre il 24%.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Fibo Group
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Luca M.

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com