Guida mutui: ecco i requisiti per richiedere un mutuo

Dopo aver individuato la casa da acquistare, sono molte le famiglie italiane che finanziano l’acquisto tramite l’accensione di un mutuo. Tuttavia, tra la presentazione della richiesta di mutuo ed il pagamento della prima rata, la banca deve effettuare delle valutazioni sull’effettiva solvibilità del mutuatario.

Questa fase intermedia comporta, inevitabilmente, un certo lasso di tempo tra la richiesta del mutuo e l’erogazione effettiva del finanziamento. Tale percorso, con delle semplici annotazioni, sarà però sicuramente più semplice ed agevole.

Importante è sapere quali sono i requisiti, sia legali che economici, che bisogna avere per poter vedersi erogare le somme richieste.

Dal punto di vista legale bisogna essere cittadini italiani residenti in Italia, oppure cittadini di Stati membri della Comunità Europea o, ancora, cittadini extra Comunitari in possesso di regolare residenza italiana. Un altro vincolo riguarda l’età: bisogna essere maggiorenni. C’è però anche un limite massimo, normalmente sui 65 anni, che viene fissato dall’istituto erogante le somme.

Dal punto di vista economico, invece, i requisiti si sostanziano nella cosiddetta capacità di rimborso; è la parte più selettiva ed importante della richiesta dal momento che la banca deve essere consapevole che il futuro mutuatario avrà le possibilità per restituire le somme prese a credito nel lasso di tempo concordato all’atto della stipula del contratto.

Il richiedente ha quindi l’onere di dimostrare che il mutuo richiesto è sostenibile in relazone al suo reddito; per far ciò bisogna definire una rata mensile che non superi, al più, un terzo del proprio reddito mensile. Viene poi un’analisi ‘futura’ del cliente: si vede quindi se c’è buona fede, affidabilità e correttezza da parte del richiedente.

La valutazione di un mutuo è molto semplice ed agevole e, grazie ad Internet, sono molti i siti aggregatori che consentono di analizzare, paragonare e confrontare diversi preventivi. Informarsi su questi portali è completamente gratuito e facile dal momento che non è necessario recarsi negli sportelli delle banche o delle finanziarie. Inoltre, non capita raramente di imbattersi in risparmi che, in molti casi, arrivano addirittura al 6-8% rispetto ai mutui sottoscritti nelle filiali.

Migliori Piattaforme di Trading Online

[migliori-broker count='6' broker='forex' hidetitle='true']
[migliori-broker count='6' broker='opzioni' hidetitle='true']

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com