Quantcast
Banche: le famiglie sono sempre più indebitate - BlogFinanza.com

Banche: le famiglie sono sempre più indebitate

? Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Di fronte all’evidente indebitamento delle famiglie italiane, Adusbef e Federconsumatori rilasciano un comunicato al vetriolo rivolgendosi all’Antitrust.

Secondo l’Adusbef ”rappresenta l’ennesimo scandalo di cui nessuno parla, l’erogazione di 203 miliardi di euro alle banche italiane al tasso dell’1% da parte della Bce, non finalizzati a far ripartire l’economia con tale abbondante liquidità, per assecondare le richieste di credito alle piccole e medie imprese strozzate o alle famiglie indebitate, ma per compiere lucrose plusvalenze con il riacquisto delle proprie obbligazioni bancarie, già garantite per 7 anni,dal decreto Salvabanche”.

Adusbef e Federconsumatori “chiedono quindi alla Banca d’Italia, maggiore vigilanza sulla ingente massa di liquidità erogata dalla Bce per far ripartire l’economia, non per far conseguire ingenti guadagni alle banche,ed un monitoraggio attento sulla politica dei tassi e delle commissioni, in vertiginoso aumento per evitare che i grandi sacrifici delle famiglie e delle piccole e medie imprese,volano dell’economia,possano rappresentare l’ennesimo,grande affare per i banchieri”.

“I tassi che contribuiscono a formare il costo del denaro per prestiti e mutui -prosegue il comunicato- sono fermi, anche grazie alla decisione della Bce di lasciare invariati i tassi all’1%. Nonostante ciò, però, lo spread (vale a dire il guadagno delle banche) relativo a mutui e finanziamenti sta salendo vertiginosamente. In una situazione in cui i finanziamenti diminuiscono a vista d’occhio, le banche hanno escogitato un modo per non intaccare i propri introiti, aumentando i propri margini su ogni mutuo o prestito concesso”.

In particolare, ”per quanto riguarda i nuovi mutui, ci troviamo di fronte a degli aggravi delle rate pari a circa 150 euro nell’arco degli ultimi 4 mesi. Una spirale di aumenti del tutto ingiustificata. Ma come, lo spread tra Bund tedeschi e Btp italiani diminuisce ed aumenta quello applicato dalle banche?” si chiedono ancora le due associazioni di consumatori.

Infine l’accorato appello “Chiediamo all’antitrust di verificare i comportamenti scorretti delle banche alla luce della correttezza di mercato. Alla Banca d’Italia ed al Governo, inoltre, chiediamo di intervenire immediatamente per controllare questo inaccettabile comportamento delle banche, e prendendo i necessari provvedimenti per contrastare ogni volontà speculativa”.

Sull'autore

Luca M.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.