Mutui Casa: entrato in vigore tetto massimo 4%

Continuano le buone notizie per chi possiede un mutuo o ha intenzione di aprirne uno nuovo.
Infatti proprio nella giornata in cui c’è stato un nuovo taglio del tasso Bce all’1,50%, che ha toccato anche il minimo storico, e con l’Euribor ormai in continua discesa da mesi, sono arrivate le disposizioni attuative del decreto anticirisi sui mutui che prevede un tetto massi del 4% sui tassi d’interesse.
Mutui Casa: in vigore tetto 4%

Sarà l’Agenzia delle entrate a stabilire chi avrà diritto all’integrazione delle rate da parte del Tesoro, ed invierà alle banche, e agli altri intermediari finanziari, un elenco con tutti gli intestatari di mutui che, sulla base delle informazioni disponibili presso l’Anagrafe tributaria, posseggono tutti i requisiti per usufruire dell’agevolazione.
Quindi le agevolazioni sono in vigore ma solo sotto stretto controllo fiscale e per chi ne ha veramente e necessariamente bisogno.

Come previsto dal decreto, l’integrazione è rivolta solo a tutte le rate dei mutui a tasso variabile da corrispondere nel corso del 2009.

Il tetto sarà calcolato applicando il tasso maggiore tra il 4% senza spread, spese varie o altro tipo di maggiorazione e il tasso contrattuale alla data di sottoscrizione del contratto.

In pratica l’agevolazione non riguarda i mutui per i quali il tasso iniziale contrattuale era già sopra il 4% al momento della firma del contratto, e ovviamente non si applica nel caso in cui le condizioni contrattuali determinano già una rata di importo inferiore.

Quindi solo chi si trovasse a fine marzo a dover pagare, ad esempio, una rata del 4,70%, potrebbe ora beneficiare del tetto al 4%, a patto che, però, al momento della sottoscrizione del mutuo il tasso non fosse
già al di sopra del 4%.

In ogni caso l’agevolazione spetta solo agli intestatari di un mutuo a tasso variabile aperto per l’acquisto, costruzione o ristrutturazione dell’abitazione principale.

Come per le altre agevolazioni prima casa sono esclusi i mutui destinati agli acquisti di immobili di categoria A1 (abitazioni signorili), A8 (abitazioni in ville) e A9 (castelli e palazzi di eminenti pregi artistici e storici).

Inoltre per avere l’agevolazione i contratti di mutuo devono essere stati sottoscritti entro il 31 ottobre 2008.

Operativamente sarà quindi l’Agenzia delle entrate a comunicare alle banche, nei prossimi giorni, i nomi dei mutuatari che hanno diritto all’agevolazione da parte dello Stato.

La comunicazione avverrà per via telematica dopo che la banca avrà designato un responsabile dedicato a questa operazione che dovrà garantire la privacy dei dati stessi.

Saranno le banche ad anticipare il contributo dello Stato, quando dovuto, e poi avranno diritto ad un credito d’imposta pari alla somma anticipata.

Chi ritiene di aver diritto all’intervento dello Stato per il suo mutuo ma non è nell’elenco dall’Agenzia delle Entrate, potrà comunque richiedere alla banca o all’intermediario finanziario di poter beneficiare dell’agevolazione.
In questo caso occorrerà presentare un’autocertificazione che attesti il possesso di tutti i requisiti necessari.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Luca M.

Lascia un commento

Termini di ricerca:

  • contributo dello stato per le rate di mutuo del 2009

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo