Prestiti ai lavoratori

I prestiti per i lavoratori sono delle forme di finanziamento agevolate concesse a chi possiede un lavoro statale o a chi è libero professionista. I prestiti possono essere richiesti con un preventivo gratuito e vengono calcolati sulla base di un piano di ammortamento concordato.

Eventuali limitazioni in termini di importi erogati, documentazione richiesta e modalità di pagamento, sono legati al singolo istituto di credito che può adottare pacchetti differenti in base alle proprie esigenze; vi è tuttavia una base comune di riferimento. I prestiti per i lavoratori si suddividono in forme di prestito specifiche, proponiamo a tal proposito un elenco ed una breve spiegazione per ognuna di esse:

• Prestiti dipendenti privati: concessi ai lavoratori d’impresa o a dipendenti di attività private. Questa categoria è regolamentata dagli articoli 137 e 138 (finanziaria 2005) e dalla legge 80 del 14 maggio 2005. In base a tali normative anche il dipendente privato può richiedere finanziamenti personali adottando la cessione del quinto per la restituzione delle rate (quest’ultima opzione era un tempo prerogativa dei soli dipendenti statali). I prestiti per dipendenti privati vengono incontro a differenti forme di contratto (part-time, tempo parziale, contratti a progetto, contratti a tempo determinato ed indeterminato) e le trattenute vengono applicate direttamente sulla busta paga del lavoratore, tenendo conto anche del TFR (Trattamento di Fine Rapporto) maturato.

• Prestiti dipendenti statali: interessano gli impiegati pubblici o di strutture poste sotto la tutela dello Stato. Sono supportate varie tipologie di finanziamento che sono concesse previa autorizzazione del responsabile d’istituto (dirigente scolastico, presidente amministrativo ecc.). Gli importi erogati sono differenti in base al piano di prestito concordato e godono di una elevata flessibilità per venire incontro alle esigenze del richiedente. La durata del piano di ammortamento varia in genere dai 24 ai 120 mesi e può essere effettuato secondo varie tipologie di pagamento (pagamento tramite moduli RID – Rapporti Interbancari Diretti, cambiali, o versamento dell’importo tramite bonifico). La cessione del quinto è una delle possibili opzioni adottate e prevede la detrazione della rata dalla busta paga del lavoratore per un importo massimo pari ad 1/5 dello stipendio complessivo. I finanziamenti richiesti possono essere più di uno e vengono concessi anche a chi subito pignoramenti o iscrizioni nel registro dei cattivi pagatori.

• Prestiti pensionati: rivolti essenzialemnte a coloro che hanno maturato contributi per poter andare in pensione. Vengono suddivisi in prestiti per pensionati INPS (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) e prestiti INPDAP (Istituto Nazionale Previdenza Dipendenti Amministrazione Pubblica), e possono essere richiesti in qualsiasi momento. I loro importi variano da 3.000 a 50.000 euro ma sono ammesse quote maggiori in base alla società finanziaria erogatrice. Non sono previste spese di istruttoria, i tassi applicati sono fissi ed in caso di estinzione anticipata del prestito si ha diritto ad una riduzione degli interessi applicati sull’intero pacchetto. La somma pattuita viene resa disponibile pochi giorni dopo aver sottoscritto il contratto (in genere 3-4 giorni) ed è immediatamente fruibile.
Prestiti a lavoratori atipici e giovani precari: si tratta di un prestito pensato per chi non ha un posto di lavoro fisso ma possiede un contratto a tempo determinato. Questa forma di finanziamento è in genere concessa a chi ha meno di 35 anni ed ha accumulato lavori per un totale di 30 mesi negli ultimi 3 anni. L’importo del prestito non deve essere superiore al 35% del reddito dichiarato e non è possibile richiedere finanziamenti per più di due richiedenti atipici. Molte banche inoltre prevedono dei pacchetti appositamente dedicati ai giovani (mutui per la prima casa, investimenti per un’attività imprenditoriale, prestiti per master o corsi di specializzazione, prestiti per l’acquisto di beni di consumo ecc.) con tassi di interesse agevolati e senza la richiesta di particolari garanzie. Le domande vanno compilate presso la filiale

Migliori Piattaforme di Trading Online

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC / FCA / ASIC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets.com Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: $250
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
DUKASCOPY EUROPE Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

IQ Option Deposito: 10 $
Licenza: CySEC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio
BDSwiss Deposito: 100 $
Licenza: CySEC - LLC - FSC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com