Prestiti Protestati

I prestiti protestati sono una forma particolare di finanziamento che viene incontro alle esigenze di coloro che hanno subito un protesto o un pignoramento.
Il problema si può presentare anche se a subire l’insolvenza è stato un familiare o un parente, in questi casi l’istituto di credito potrebbe rifiutare il prestito con il rischio di essere iscritto nel registro dei cattivi pagatori.

Le sanzioni a tal proposito sono rigorose e molto severe, basta tardare il pagamento di una rata (o non effettuarla) per incorrere in pesanti more e vedersi rifiutate le successive richieste di prestito.

Il protesto viene segnalato all’Ufficiale Giudiziario che si curerà della sua pubblicazione nei registri delle insolvenze e della successiva notifica presso il Presidente del Tribunale e la Camera di Commercio per espletare l’iter associato. La pubblicazione degli elenchi dei protesti avverrà entro 10 giorni dalla ricezione della segnalazione e verranno inviate le relative spese legali e di mora al richiedente che ha subito il protesto.

Se il debito non viene saldato entro un anno la banca può richiedere il pignoramento dei beni e l’iscrizione nel registro dei cattivi pagatori sarà convalidata per altri 5 anni. Se invece il debito viene saldato entro un anno si potrà richiedere la cancellazione dal registro compilando un apposito modulo da inviare al Presidente del Tribunale.
I registri dei protesti possono essere visionati in qualsiasi momento dai terminali della Camera di Commercio o dai circuiti ad essa collegati; tutte le ricerche sono memorizzate in appositi file di log (cronologia degli accessi) ed opportunamente registrate.

E’ proprio per evitare tutto ciò che si ricorre spesso alla Cessione del Quinto, un ottimo sistema di garanzia per il pagamento delle rate, sarà infatti lo stesso datore di lavoro ad effettuare il versamento. In questo modo l’istituto di credito ha la certezza del pagamento ed il richiedente non deve preoccuparsi di incorrere in situazioni spiacevoli. E’ proprio per questo che tale forma di finanziamento viene concessa anche a chi ha subito protesti o pignoramenti in quanto costituisce comunque una garanzia di rimborso.

I prestiti protestati possono raggiungere importi variabili che arrivano anche a 50.000 euro, sono riservati a chi ha un lavoro (dipendente o libero professionista) ed in genere non hanno spese di istruttoria. Inoltre viene sempre sottoscritta un’assicurazione per coprire i rischi legati ad eventuali invalidità, morte e licenziamenti.

Prima di richiedere il preventivo è sempre possibile compilare un apposito modulo online che indirizza il richiedente verso un prestito adatto alle proprie esigenze ed appositamente studiato.
Le voci interessate includono la cifra da richiedere, l’e-mail, un recapito telefonico facoltativo, il tipo di lavoro, il sesso, la data di nascita, l’anzianità lavorativa e la tipologia del preventivo (cessione o delega). Compilate tale voci si riceverà (in genere entro 24 ore) un preventivo personalizzato.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
Social Trading CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Luca M.

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo