Aumento tassi mutui fa crollare Mercato immobiliare italiano

L’aumento dei tassi d’interesse sui mutui con conseguenti rate più care e la crisi nel mondo finanziario ed economico fa crollare anche il mercato immobiliare italiano.
Gli italiani hanno pochi soldi e la domanda è fiacca così il mercato del mattone va giù.
I dati pubblicati da Tecnocasa e Gabetti immobiliare fotografano una realtà italiana congelata al ribasso.
L’offerta di immobili aumenta ma i compratori sono sempre meno e molto più prudenti prima di accollarsi un mutuo immobiliare.
Ne consegue che in Italia si comprano sempre meno case e il prezzo degli immobili scende di quasi il tre per cento.
Gli italiani così frenano gli acquisti e, solo quando non ne possono proprio fare a meno, sono molto più selettivi e prudenti. Prima di procedere all’acquisto ed accollarsi un mutuo gli italiani ora analizzano per bene e nei dettagli costi e qualità e scelgono dopo lunghe trattative, non di rado strappando qualche sconto.
Il mattone diventa così lo specchio della crisi economica che è generale: ci sono pochi soldi e la domanda è fiacca.
E se i primi sei mesi del 2008 hanno confermato un certo ristagno, le previsioni per l’intero anno sono ancora peggiori.
Il primo semestre del 2008 è stato proprio da dimenticare per il mercato immobiliare.
Secondo i dati diffusi da Tecnocasa e Gabetti quella immobiliare italiana è una realtà congelata al ribasso: gli acquisti calano del 15%. L’offerta c’è, anzi è in aumento specie in periferia. I compratori invece no sono in continua diminuzione.
Ottenere un mutuo è sempre più difficile e soprattutto sempre più costoso.
Il tasso di interesse per i mutui immobiliari è volato oltre il 6%, toccando il livello record dal 2002.
La crisi dei mercati finanziari, originata dalla bolla scoppiata negli Stati Uniti proprio nel mercato delle case, ha ristretto i rubinetti dei prestiti e paralizzato le compravendite.
La stagflazione ha fatto il resto: crescita negativa e carovita.
Comprare casa in questo momento conviene solo a chi ha i soldi a disposizione e da investire.

Infatti i prezzi sono calati ovunque, nelle grandi città (-2,7%) e nell’hinterland (-1,9%), così come nei capoluoghi di provincia
(-2,3%). A guidare i ribassi, secondo Tecnocasa, sono Genova (-4.5%), Firenze (-3.3%) e Bologna (-3%). Per Gabetti, Torino (-6,3%), Bologna (-4,2%) e Napoli (-4,1%).
Cifre simili, riscontrate anche per Milano e Roma con una discesa del 2,2%, mentre Torino e Palermo (-2,2%) sono in negativo per la prima volta dal 1997. Immobili meno costosi dunque (gli usati meglio dei nuovi) al Nord e al Sud (-3%) e soprattutto al Centro (-3,8%).
A soffrire di più nell’acquisto della prima casa sono i nuclei monoreddito, le giovani coppie e gli immigrati: chi può chiede aiuto ai genitori, chi non può si arrangia con gli affitti, che nel frattempo sono calati (-0,8% per i bilocali, -1% per i trilocali). Gli altri, dal profilo economico più solido, spendono oltre i 250 mila euro, con un occhio al rapporto prezzo-qualità.
L’appartamento tipo ha il box o il posto auto, piano alto, luminoso, riscaldamento autonomo, stanze ben disposte, terrazzi o giardini, condominio affidabile. E, a sorpresa, è spazioso. Crescono le domande per i grandi tagli (quattro e cinque locali). Nel mese di luglio i trilocali hanno raccolto il 37,1% delle preferenze, seguiti dai bilocali con il 26,7%. A Milano, Napoli e Bari la tipologia più apprezzata è il due-stanze. A Roma per la prima volta il sorpasso: più tri che bilocali. Non a caso: i tagli piccoli rappresentano una parte ridotta dell’offerta nazionale, per un terzo concentrata sulle tre stanze.
Le trattative dunque si allungano e così i tempi di vendita (stabili ma alti per Gabetti, sei mesi in media).
Chi cede l’immobile è disposto a fare sconti pur di assicurarsi liquidità. Chi subentra guarda i dettagli, non compra a caso. L’acquisto per investimento è sempre più un ricordo. Gli italiani d’altronde, tra mutui e prestiti per i piccoli acquisti, sono indebitati per 311 miliardi di euro.
Le banche erogano prestiti e mutui con il freno tirato.
Il passaggio dal mutuo a tasso variabile al fisso non è così indolore come annunciato. E allora meglio essere prudenti e selettivi.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Social Trading CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni ALVEXO
Conto Demo ECN gratuito - data feed completo FCMC - MiFID Conto demo
Opinioni DUKASCOPY EUROPE
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Luca M.

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo