Mutui, Bersani: la portabilita’ deve diventare realtà!

La portabilità dei mutui deve pienamente diventare realtà. E’ la posizione espressa dal ministero dello Sviluppo economico nella giornata in cui il percorso di intesa tra consumatori, notai e Abi ha segnato una battuta d’arresto. Il ministero ricorda che “gli obiettivi dell’intervento legislativo della legge Bersani 40/2007 sono quelli di assicurare una maggiore mobilità dei consumatori da un istituto di credito all’altro al fine di ricercare prodotti e servizi più convenienti e, di conseguenza, stimolare la concorrenza tra gli operatori del settore dei mutui. Per andare incontro alle esigenze dei consumatori e per incentivare il mercato lo Stato ha fatto la sua parte anche esentando le operazioni di portabilità da imposte e tasse”.
E’ chiaro, dunque, che la portabilità dei mutui, che ad oggi viene offerta soltanto da pochissime banche, si potrà sviluppare secondo le aspettative soltanto se crea delle convenienze ai soggetti interessati. In primo luogo ai titolari di mutuo che hanno bisogno di ridurre l’impatto della rata sul proprio bilancio, senza sostenere nuovi oneri amministrativi; in secondo luogo alle banche, che hanno la possibilità di conquistare nuovi clienti e, per fare ciò, devono presentare offerte allettanti, senza generare nuovi costi a carico del cliente. Infine, anche la banca che rischia di perdere un cliente, e che comunque ha l’obbligo di collaborare con la banca subentrante per concludere l’operazione di surroga del vecchio mutuo, ha la possibilità di mantenere il proprio cliente offrendo una rinegoziazione o una sostituzione del mutuo a condizioni più vantaggiose del precedente, come peraltro sta già accadendo in migliaia di casi.
Bersani sottolinea che “La definizione di una procedura interbancaria può favorire lo sviluppo delle operazioni di portabilità dei mutui e consentire di superare i ritardi del mondo bancario nel dare corrette informazione e assistenza alla clientela, ma solo se soddisfa i criteri di economicità, certezza dei tempi della istruttoria e semplificazione amministrativa degli atti da compiere”.
Rotta la trattativa Abi-notai-consumatori sulla portabilità dei mutui casa, lo ha annunciato il Movimento difesa del cittadino. Si legge nel comunicato che “Le associazioni dei consumatori abbandonano il tavolo per il rifiuto dell’Abi di affrontare il problema dei costi”. Le trattative erano in corso con l’Abi e il Consiglio nazionale del notariato. Antonio Longo, presidente dell’associazione dei consumantori, dichiara che “Con rammarico siamo stati costretti a questa scelta dalla posizione dell’Abi, che non ha accettato quanto previsto dalla legge Bersani 40/2007, e cioè l’azzeramento dei costi per i sottoscrittori dei mutui che volessero passare da una banca a un’altra per ottenere migliori condizioni. Abbiamo apprezzato la disposizione dei notai che hanno proposto procedure molto semplificate per la surroga e il perfezionamento del passaggio da una banca all’altra. Come associazioni dei consumatori, siamo ferme nell’interpretare la normativa Bersani nel senso di azzerare i costi della portabilità per facilitare, in questo momento di enorme difficoltà per chi ha sottoscritto mutui a tasso variabile, la possibilità di ottenere condizioni migliori rinegoziando con la
propria banca quelle di partenza oppure scegliendo una nuova banca che offra condizioni più convenienti”.
L’Abi, Associazione bancaria italiana, sta ultimando la procedura raccomandata per la portabilità delle operazioni di mutuo, come previsto dalla legge Bersani. Si tratta di una procedura operativa finalizzata a garantire semplicità, certezza applicativa e velocità realizzativa per i clienti che intendano sfruttare le nuove opportunità dettate dalla legge. Secondo la nuova procedura di portabilità, il cliente potrà rivolgersi direttamente alla nuova banca la quale, sulla base di un sistema di colloquio interbancario, interagirà direttamente con la vecchia banca, avviando una procedura che garantirà il calcolo del debito residuo sul mutuo entro un tempo massimo di 15 giorni. La nuova procedura offrirà ai clienti tempi certi e vincolanti per la fase di comunicazione del debito residuo, semplificando il colloquio interbancario attraverso procedure elettroniche. Le condizioni economiche dell’operazione, nell’obiettivo della massima economicità per la clientela, saranno determinate competitivamente dalle singole banche.

Migliori Piattaforme di Trading Online

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC / FCA / ASIC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets.com Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: $250
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
DUKASCOPY EUROPE Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

IQ Option Deposito: 10 $
Licenza: CySEC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio
BDSwiss Deposito: 100 $
Licenza: CySEC - LLC - FSC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

Luca M.

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com