Caro Mutui aumentano pignoramenti e ipoteche

🥇 Con AvaProtect fai trading senza preoccupazioni! Temi di perdere con una posizione? AvaTrade ti protegge…Riduci il rischio, aumenta i vantaggi. Scopri di piu’ ⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito >>

🥇 Con AvaProtect fai trading senza preoccupazioni! Temi di perdere con una posizione? AvaTrade ti protegge…Riduci il rischio, aumenta i vantaggi. Scopri di piu’ ⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito >>

Il numero di pignoramenti, ipoteche ed esecuzioni immobiliari è in continua crescita in Italia e dovrebbe arrivare entro la fine del 2007 al 19% in più rispetto all’anno precedente.
Questa in sintesi è la denuncia contenuta in un documento pubblicato da Adusbef, l’associazione italiana dei consumatori specializzata nella difesa degli utenti dei servizi bancari e finanziari, dove viene annunciato che la crisi dei mutui subprime americani non ha messo in ginocchio solo i cittadini americani ma anche quelli europei e italiani molto più esposti al rialzo dei tassi.
Adusbef ha preso in analisi tutti i dati ufficiali forniti da otto tribunali di città del centro-nord, compresi Roma e Milano e ha notato che già fino ad agosto sono stati in netto aumento i pignoramenti di case e abitazioni. Se l’andamento dovesse essere confermato anche nell’ultima parte dell’anno, si andrebbe dal +27% di Macerata al +16% di Venezia, mentre Roma e Milano salirebbero rispettivamente del 21 e del 22%.
Questa per ora è solo una stima empirica ma anche i tribunali vanno denunciando da qualche anno l’aggravarsi di questa situazione: il livello di indebitamento degli italiani sta aumentando a livelli pericolosi. E l’indebitamento per la casa è sicuramente quello che pesa di più. Secondo dati di Assoedilizia, i mutui immobiliari coprono l’8% del valore del patrimonio residenziale e il 15% del totale delle abitazioni; con la cifra complessiva di 250 miliardi di euro rappresentano il 17% del Pil.
Il presidente di Adusbef Elio Lannutti chiama si rivolge alle banche e dice: “Questo non accadrebbe se molti italiani non fossero stati costretti a sottoscrivere mutui a tasso variabile quando i tassi di interesse erano ai minimi storici”. I mutui a tasso variabile erogati in Italia sono pari al 91% del totale, sempre secondo Adusbef, mentre nel resto dell’Europa sono il 50%. A sostegno, Lannutti cita dati elaborati dal centro studi Nomisma, secondo cui sarebbero 3,6 milioni le famiglie italiane in difficoltà per il caro casa: di questi 1,7 milioni avrebbero problemi per pagare l’affitto, gli altri 1,9 milioni la rata del mutuo.
Le banche e gli istituti di credito però non ci stanno a sentirsi incolpati e secondo Abi, l’Associazione Bancaria Italiana, “quelle dell’Adusbef sono cifre a noi ignote, che non hanno alcuna relazione con i tassi di interesse sui mutui. Di recente, un’indagine rapida del centro studi dell’Abi, su un campione rappresentativo del 90% delle banche italiane, aveva rilevato
che il livello di rate non pagate si aggira intorno all’1% del totale erogato”.
Abi mette in dubbio anche la veridicità della ricerca dell’associazione dei consumatori dicendo che “bisogna tenere conto che in Italia i tempi per le esecuzioni forzose in caso di insolvenza vanno dai 2 ai sette anni, di conseguenza, i dati dell’Adusbef si riferirebbero come minimo a procedure avviate nel 2005”.
A supporto della denuncia dei consumatori sono invece intervenuti esponenti politici della sinistra. Per il ministro all’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio “l’allarme lanciato da Adusbef non è da sottovalutare”, mentre il vicepresidente di Rifondazione Comunista al Senato Tommaso Sodano e il presidente Giovanni Russo Spena chiedono che in Finanziaria “ci siano gli strumenti per intervenire
sulle banche e mettere in moto meccanismi di protezione per le famiglie”

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
IG
  • Licenze: CONSOB, BaFin
  • Conto CFD, Barrier&Options, Turbo24
  • No deposito minimo
Con IG puoi fare trading sui primi certificati turbo al mondo H24 Prova Gratis IG opinioni
ETFinance
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova Gratis ETFinance opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Luca M.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

 

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

 

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19