Quantcast
Primarie PD: Sfida tra i candidati - BlogFinanza.com

Primarie PD: Sfida tra i candidati

Domenica saranno oltre un milione i gazebo presenti in piazza per presentare i candidati alle elezioni come segretario del PD. La sfida è tra:

  • Roberto Giachetti;
  • Maurizio Martina;
  • Nicola Zingaretti.

Primarie Pd – da sinistra: Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giachetti

? Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

La sfida tv tra i candidati per la segreteria del Pd passa prima dagli studi televisivi di Roma in cui si affronteranno i candidati per l’ultima volta prima delle primarie di domenica 3 marzo.

Il tempa principale su cui tutti e tre i candidati sono concordi è la non alleanza con il M5S anche se Roberto Giachetti non vuole tornare al passato in nessun modo. Queste le sue affermazioni:

Qualcuno ci vuole riportare all’Unione, che una volta al governo vedeva i partiti litigare tutti i giorni. Voglio andare avanti, mantenendo l’aspirazione alla vocazione maggioritaria, offrire una proposta univoca al Paese.

Seguite in diretta il #ConfrontoSkytg24 tra i tre candidati alla segreteria del Pd: Roberto Giachetti, Maurizio Martina e Nicola Zingaretti. ??Il nostro Live: http://sky.tg/jr4H2

Gepostet von Sky TG24 am Donnerstag, 28. Februar 2019

Le parole di Nicola Zingaretti

Nessun alleanza con M5s e con la destra e la Lega; Serve un’alleanza con le persone, empatia con chi vive la sofferenza, che vuole produrre e studiare. Il popolo del centrosinistra c’è, ma è diviso. Con i fuoriusciti? Nelle alleanze sul territorio lo vedremo.

Il confronto televisivo gli ha visti contrapposti anche sul tema della giustizia dopo l’arresto dei genitori di Matteo Renzi. Ancora Giacchetti commenta il fatto:

La giustizia italiana è malata; l’ho pensato per certe cose capitate a Berlusconi, a Mastella, perfino per certe intercettazioni della Raggi.

Colpisce nomi illustri e se ne parla, ma tanta gente subisce ingiustizie.

Va riformata a prescindere di chi viene colpito.

In breve i tre candidati alle primarie del PD, nel caso in cui dovessero andare al governo, promettono di non ricorrere in nessun modo alla patrimoniale al fine di evitare l’aumento dell’Iva.

Tutti e 3 hanno insistito sulla necessità di investimenti nel paese al fine di far tornare ad alzare il Pil e rimettere in ordine i conti pubblici.

Infine Roberto Giachetti conclude affermando:

Io sono stato in minoranza nel Pd per anni e sono sempre stato in una cornice condivisa, e diversamente dagli altri mi sono adeguato anche quando non condividevo certe scelte. Dipende dove si vuole andare

Il partito è una comunità e non una caserma: non voglio posti, vado in minoranza. Se però si vuole andare con M5s o far rientrare i fuoriusciti allora non è più il mio partito.

Sull'autore

Tommaso Piccinni

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-72% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.