Quantcast
Berlusconi VS Salvini: clima illiberale, anticamera e dittatoriale - BlogFinanza.com

Berlusconi VS Salvini: clima illiberale, anticamera e dittatoriale

Continua il botta e risposta tra Berlusconi e Salvini il giorno dopo l’assoluzione della sindaca Viginia Raggi e a seguito delle polemiche del M5s contro la stampa.

Matteo Salvini e Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi (Forza Italia) e Matteo Salvini (Lega)

? AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

? AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

E’ Berlusconi a prendere la parola e ad affermare:

C’e’ un’aria di illibertà, siamo in una democrazia illiberale, anticamera della dittatura, se continua così. La Lega si accorgerà che non può tradire i suoi elettori e il governo cadrà. A quel punto ci sono due possibilità o un mandato di governo al centrodestra che cerchi i voti in parlamento per una maggioranza, oppure nuove elezioni.

Non si è fatta attendere la replica di Matteo Salvini, il quale afferma:

Io vado in fondo e sto qua per 5 anni, con il 30% o con il 50%; Siamo a metà classifica come il Milan. Milioni di persone hanno fiducia in noi. Ma mai montarsi la testa quando le cose vanno bene, perché chi si loda si sbroda.

Anche il vicepremier Luigi di Maio replica alle accuse mosse contro di Lui affermando:

Quando ci vuole ci vuole! Queste le parole utilizzate a ‘Non è l’arena’ su La7, a seguito delle accuse lanciate ieri ai giornalisti dopo l’assoluzione della sindaca di Roma, Virginia Raggi.

Alla domanda se volesse fare retromarcia, Di Maio ha risposto: “Assolutamente no”.

Con la sentenza di assoluzione della sindaca Virginia Raggi la stampa italiana torna nel mirino del M5S. I veri colpevoli del processo alla sindaca di Roma sono i giornalisti è il messaggio che i vertici del M5S lanciano sui social ad una manciata di minuti dalla sentenza.

Sulla questione Virginia Raggia interviene anche il segretario agli Affari Esteri Manlio Di Stefano (M5s):

Occorre abolire il finanziamento pubblico all’editoria.

Troppi giornali sono ormai in chiaro conflitto di interessi e per decenni hanno preso milioni di soldi pubblici tramite le tasse dei cittadini per poi fare propaganda politica per i loro editori tesserati o proprietari di partiti politici.

Quasi tutti i giornali hanno raccontato la vicenda Raggi condannandola già prima della sentenza. Ieri la sindaca di Roma è stata assolta e finalmente la macchina del fango innescata contro di lei ha avuto una battuta d’arresto, perché questa è la pazza realtà in Italia: una stampa che per anni è stata accondiscendente con chi ha commesso le peggiori nefandezze e che si risveglia solo quando governa chi non è di ‘suo’ gradimento.

Vogliamo una stampa indipendente e obiettiva perché questo non è giornalismo.

Sull'autore

Tommaso Piccinni

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.