Decreto Dignità: Il Governo attacca l’Inps.

🥇 Non farti scappare questa opportunità, il tempismo è tutto. I mercati volatili forniscono un’ottima opportunità di guadagno quando tutti sono impegnati a vendere. ⭐  Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito su Avatrade >>
🥇 Non farti scappare questa opportunità, il tempismo è tutto. I mercati volatili forniscono un’ottima opportunità di guadagno quando tutti sono impegnati a vendere. ⭐  Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito su Avatrade >>

Al momento quasi tutto il governo si schiera contro Tito Boeri. E’ giallo in merito ai numeri del decreto dignità che finisce con un attacco diretto e senza precedenti al presidente dell’Inps. Esso viene malvisto dai leghisti per le aperture sui migranti e anche dai Cinquestelle per le stime negative sulle ricadute occupazionali del primo atto del governo.

Emerge che è stato proprio l’Istituto previdenziale a ritoccare la relazione tecnica in merito al provvedimento sui numeri sul calo dei contratti così poco graditi al ministro del Lavoro.

Adesso, per ricomporre il diverbio tra il Movimento 5 Stelle da una parte e il Tesoro e la Ragioneria generale dello Stato dall’altra, per altro minacciati dai pentastellati di un repulisti generale, Di Maio ha specificato di non aver mai accusato né il ministero dell’Economia né tanto meno la Ragioneria e allo stesso tempo, Tria scarica la responsabilità sull’Inps.

Secondo il titolare dell’Economia, i calcoli dell’Istituto riportati nella relazione sono “privi di basi scientifiche e in quanto tali discutibili”.

Si tratta di un attacco vero e proprio anche da parte di Matteo Salvini che non esita a cavalcare l’onda affermando se Boeri non è d’accordo si dimetta.

Allo stesso tempo Di Maio, tornato sull’argomento ed osserva che “non possiamo rimuovere Boeri ora, quando scadrà il mandato ne terremo conto anche perché il presidente non è minimamente in linea con le idee del governo.

In pratica è già successo che il presidente dell’INPS Boeri è entrato in rotta di collisione con il governo gialloverde a causa delle diverse vedute sui ritocchi alla legge Fornero e sull’apporto positivo in termini previdenziali dei flussi migratori. Boeri era abituato a muoversi controcorrente anche nei rapporti con i precedenti esecutivi, non ci sta.

Tito Boeri, presidente dell’INPS

Le parole di Matteo Salvini

I dati non si fanno intimidire! Non sono quelle che devono spaventare! Spaventa invece questa campagna contro chi cerca di porre su basi oggettive il confronto pubblico!

Quello del governo è negazionismo economico.

Il presidente ammette che stabilire esattamente quale sarà l’impatto sul mercato del lavoro delle nuove norme nate per contrastare la precarietà non è facile, ma il suo segno negativo è fuori discussione.

Tanto che la stima dell’Inps sugli 8 mila contratti in meno è addirittura relativamente ottimistica.

La previsione è che il 10% dei contratti a tempo determinato che arrivano a 24 mesi non vengano trasformati in altri contratti, ma diano luogo a flussi verso la disoccupazione riassorbiti dalla Naspi, quindi da coprire finanziariamente con risorse pubbliche.

In pratica si tratta di stime e non di dati, puntualizza il ministero dell’Economia. Allo stesso tempo si noti che il decreto approvato il 2 luglio, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 13, richiede un monitoraggio ad hoc per valutare l’impatto nel tempo delle misure.

All’articolo 14 del provvedimento, dedicato solo alle coperture ed assente nelle prime bozze del decreto, che per altro è comparso solo prima della bollinatura della Ragioneria, prevede una verifica trimestrale delle maggiori spese e minori entrate derivanti dalle norme che riducono la durata dei contratti a termine, affidata proprio all’Inps il quale istituto deve informare il ministero del Lavoro e ministero dell’Economia.

Carlo Cotarelli, si schiera con Boeri affermando:

Assisteremo ad un impatto negativo sui contratti, ma la preoccupazione è soprattutto per il possibile tentativo di rendere meno tecnica e meno obiettiva la valutazione di chi dovrebbe dare un giudizio obiettivo e tecnico dei provvedimenti del governo.

>>Leggi anche: Si al taglio dei Vitalizi: Di Maio – li dedichiamo ai danneggiati dalla Fornero

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
Plus500
  • Licenza: CySEC
  • Vasta scelta di CFD
  • Deposito min: 100 €
Piattaforma per professionisti - Vasta scelta di CFD Prova Gratis Plus500 opinioni
ETFinance
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova Gratis ETFinance opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Lascia un Commento

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74/89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

 

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

 

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19