Giuseppe Conte: chi è? Premier eletto o non eletto del governo 5 Stelle-Lega?

Molte volte abbiamo sentito dire Luigi Di Maio: basta con i premier non eletti. E questa volta ci ritroviamo con un premier non eletto … o si tratta di un premier eletto dal Movimento 5 stelle considerando che era già stato presentato come possibile ministro in caso di vittoria assoluta del movimento 5 stelle?

Quello che oggi per certo sappiamo è che Giuseppe Conte sarà il Presidente del Consiglio del governo Movimento 5 Stelle-Lega. Tranne che Mattarella non decida diversamente.

Da Sinistra Luigi Di Maio Giuseppe Conte e Matteo Salvini

Da Sinistra Luigi Di Maio Giuseppe Conte e Matteo Salvini

Chi è Giuseppe Conte, futuro premier del governo 5 Stelle-Lega?

A questo punto non ci resta che comprendere chi è Giuseppe Conte, il futuro presidente del Consiglio. Questo è avvenuto a seguito dell’ufficializzazione del programma di governo che ancora una volta viene targato Lega-Movimento 5 Stelle.

A seguito dell’ufficializzazione del premier, non resta che attendere il Si del presidente della repubblica per mettere in atto questo nuovo governo, che secondo DI Maio, darà avvio alla terza repubblica.

Ma chi è il premier di questo storico esecutivo giallo-verde?

Dopo i diversi rumors della vigilia, a Palazzo Chigi è stato confermato il nome di Giuseppe Conte. Si tratta di uno dei leader più giovani della storia.

Vediamo allora di comprendere bene attraverso la sua biografia e la sua storia politica chi è davvero Giuseppe Conte, il premier scelto per guidare questa nuova maggioranza.

Giuseppe Conte: Biografia

Giuseppe Conte è nato nel 1964 a Volturara Appula, paese di meno di 500 anime, in provincia di Foggia.

Si presenta come un umo molto semplice, che come tanti ragazzi consegne la maturità classica per poi laurearsi in Giurisprudenza presso la Sapienza di Roma. In entrambi i casi egli riesce ad ottenere il massimo dei voti.

Diviene poi Borsista presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche, e in seguito approfondisce bene i suoi studi all’estero tra il 1992 e il 1993 presso l’Università di Yale e quella di Duquesne negli Stati Uniti, oltre che all’Istituto delle Culture Internazionali di Vienna.

1996

Sceglie di intraprendere la sua carriera ed insegnare Diritto Civile e Commerciale presso l’università LUMSA di Roma, proseguendo poi la sua attività di docente presso:

  • Università di Sassari
  • Roma Tre
  • Firenze
  • Malta

2002

Riceve l’idoneità a professore ordinario di Diritto Privato presso la facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università di Napoli.

Diviene in seguito anche condirettore della collana “Maestri del diritto” dell’editore Laterza.

Ad oggi fa parte del Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa, presiedendo anche la commissione speciale che ha decretato la destituzione del consigliere Francesco Bellomo.

2018

Nuovo Presidente del Consiglio

Viene nominato dai due leader di Lega e 5 stelle come presidente del consiglio per la nascita di questo nuovo governo POLITICO.

Diversi i nomi fino ad oggi presentati ma solo quello di CONTE sembra mettere d’accordo i due leader. Anche il Corriere della Sera aveva indicato come possibili candidati vincitori Giulio Sapelli o Giuseppe Conte.

In seguito ad una nota del Movimento 5 Stelle si è saputo che al Presidente Mattarella sarebbe stato fatto il nome di Sapelli, dato più vicina alla Lega che ai grillini. Ma come sempre accade, tra i 2 litiganti il terzo gode, ed ecco il nome di CONTE presentato come presidente del consiglio.

In campagna elettorale, Luigi Di Maio a Pescara svelò i nomi di quello che sarebbe stata la squadra di governo del Movimento 5 Stelle in caso di vittoria.

In quell’occasione il nome di Giuseppe Conte venne indicato come eventuale ministro della Pubblica Amministrazione.

Per altro si deve anche notare come questa alleanza di governo vede i pentastellati in vantaggio rispetto alla lega con un maggior peso parlamentare.

Di Maio ha spinto per imporre a Salvini un proprio nome come quello di Conte che è stato proposto a Mattarella come prossimo Presidente del Consiglio.

DI MAIO e SALVINI presentano Conte al Quirinale

Ma cerchiamo di ricapitolare quello che è successo ieri prima che Di Maio e Salvini al Quirinale presentassero il nome di CONTE come premier.

Infatti solo dopo tanta attesa e dopo tantissime voci e ipotesi, si è giocata nel pomeriggio di ieri la partita cruciale per la nascita del governo Lega-Movimento 5 Stelle.

Come sappiamo sono state ricevute dal Presidente Mattarella le delegazioni di Lega e 5 stelle.

Questo è stato il momento cruciale in cui è stato dato il nome del prossimo Presidente del Consiglio.

In pole come detto vi è Giuseppe Conte ma ancora oggi non è nulla dato per scontato e ci potrebbero essere delle sorprese anche per quanto riguarda la possibile squadra di governo.

Cosa è successo ieri pomeriggio, te lo riassumiamo di seguito in breve in ordine cronologico inverso.

Ore 18:31

Di Maio prima e Salvini poi confermano il nome di Giuseppe Conte come possibile presidente del Consiglio.

Ore 18:25

Uscito Salvini afferma di aver fatto il nome di Conte convergendo anche sul concetto sempre da lui promosso in campagna elettorale: prima gli italiani e crescita del paese.

Ore 18:21

Di Maio fuori dal Quirinale conferma: sarà Giuseppe Conte il premier.

Ore 18:10

Le voci confermano Giuseppe Conte come il possibile premier proposto a Mattarella come Presidente del Consiglio.

Ore 18:07

Tocca alla delegazione della Lega essere ricevuta dal presidente Mattarella.

Ore 17:52

Uscito Di Maio dalla sala di consultazione del Presidente Mattarella a cui propone il nome del possibile presidente del consiglio, ma all’uscita regna ancora il massimo riserbo.

Ore 17:45

La delegazione del Movimento 5 Stelle viene accolta da Mattarella

Ore 17:14

Finito l’incontro tra Matteo Salvini, e Giorgia Meloni dalla quale ne esce fuori la conferma che Fratelli d’Italia resterà fuori dal prossimo governo.

Ore 15:44

Guido Crosetto di FdI esclude una sua presenza nel governo affermando non sono un calciatore cui si può comprare il cartellino.

Ore 14:54

Prende avvio il colloquio tra Matteo Salvini e Giorgia Meloni, con Fratelli d’Italia ancora incerta se appoggiare o meno il governo.

Ore 13:38

Le borse prendono le distanze dal nuovo esecutivo. Si agitano i mercati e cresce anche lo spread.

Ore 13:00

Alcune voci affermano che Luigi Di Maio è ancora in corsa per Palazzo Chigi. Diversa ipotesi in cui si parla di Luigi Di Maio come super ministero scegliendo di unire il ministero del Lavoro e quello dello Sviluppo Economico.

Matteo Salvini invece appare certo ministro dell’Interno.

Ore 12:50

L’economista Paolo Savona viene dato per favorito al possibile ministero dell’Economia. Mattarella, però non lo vede di buon occhio e potrebbe fare resistenza viste le recenti posizioni anti-Europa del professore.

Ore 12:45

Si ha una sola certezza: i 5 Stelle faranno il nome di Giuseppe Conte come possibile premier.

Di Maio e Salvini da Mattarella: cosa succederà?

Viene ufficializzato anche il programma di governo, il quale viene approvato a maggioranza sia dagli attivisti della Lega sia anche da quelli del movimento 5 Stelle.

Sono passati oltre 2 mesi dal voto del 4 marzo quando l’Italia venne chiamata ad esprimersi con il voto per la formazione di un nuovo governo e con esso un nuovo esecutivo.

In principio i 2 leader erano separati correndo rispettivamente uno con il centro destra e l’altro come movimento riformista da solo.

Oggi invece sono uniti e si ritrovano ad essere accolti presso il Presidente Mattarella, dove devono indicare il nome del futuro premier.

Sarà il Presidente del Consiglio incaricato poi a salire a sua volta al Quirinale, il quale per altro deve anche portare con se la squadra dei ministri incaricati.

Solo nel caso in cui Sergio Mattarella non ha nulla da eccepire, potrà prendere il via il nuovo governo in maniera del tutto ufficiale.

La strada però non è così semplice come potrebbe apparire! Mattarella si dei ce contrario a questo nome anche perché sono tanti ancora oggi i nodi da sciogliere.

Ne sapremo di più ovviamente in questi giorni considerando anche che Mattarella ha richiesto del tempo per riflettere.

Il presidente del Consiglio Conte è un tecnico non eletto?

Sia il movimento 5 stelle sia anche lega hanno convenuto per il nome di Giuseppe Conte come possibile Presidente del Consiglio.

A questo punto ci si potrebbe chiedere: sarà un governo con a capo un tecnico?

E’ sempre possibile cambiare idea. Lo è anche in politica ovviamente. Anche Luigi Di Maio non sta finendo mai di smentirsi e di stupire.

Prima affermava:

  • mai con la Lega, da napoletano non dimentico quei cori;
  • basta premier non votati da nessuno.

Successivamente a poi sbandierato l’ipotesi di scongiurare un governo istituzionale se non si fosse trovata una maggioranza politica. Oggi siamo di fronte ad un tecnico proposto alla guida del governo, anche se poi non possiamo dire che è proprio un tecnico visto che comunque è presente ormai da diverso tempo nelle fila del movimento 5 stelle.

Oggi possiamo affermare che il movimenti 5 stelle e la lega hanno raggiunto dopo una lunga trattativa, l’accordo per indicare il premier di Palazzo Chigi: Giuseppe Conte, un tecnico non eletto da nessuno come quelli tanto odiati da Di Maio.

Di Maio e il ruolo di Presidente del Consiglio

Tralasciando questo piccolo particolare che resta ancora da chiarire perché era comunque uno dei nomi proposti come possibili ministri con un ipotetico governo di grillini.

Il Presidente del Consiglio allo stesso tempo, però non è eletto dai cittadini. Era proposto come ministro per il movimento, ma solo per competenze e non è stato votato. Oggi viene presentato come possibile presidente del consiglio al Presidente della Repubblica.

Questo è avvenuto per il semplice fatto che nessuna forza politica, visto il pessimo Rosatellum, è riuscita a ottenere una maggioranza assoluta alle urne: solo il leader dei 5 Stelle, ha ottenuto il 32% alle elezioni, tanto, ma non quanto basta per raggiungere il 40 % necessario per comandare da solo.

Ma oggi possiamo dire che questa è acqua passata e oggi si parla di un accordo storico definito estremista dall’opposizione che vede al comando 2 figure nuove della politica.

Dall’accordo con lega e 5 stelle ne deriva un nuovo governo, con una a figura esterna ai due partiti.

Di Maio ha designato Giuseppe Conte come possibile premier, il giurista che era sì era presente nella ipotetica squadra di governo pentastellata presentata in campagna elettorale. Allo stesso tempo, però deve essere ribadito il concetto che egli non era ma che non era tra i candidati alle elezioni, e quindi non è stato votato da nessuno.

Luigi Di Maio comunque si è già difeso da queste accuse, scrivendo sul blog:

“a chi dice che non è stato eletto, rispondo che Giuseppe Conte era nella mia squadra, lo hanno votato 11 milioni di italiani”.

Questo non lo possiamo negare! Lo ha presentato ancor prima di essere eletto. Quindi tutti sapevano che Giuseppe Conte era considerato dai Grillini come un uomo capace. Quello che rimane è però che non è stato eletto direttamente dai cittadini in quanto CONTE è un estraneo alla politica e il suo nome non era scritto su nessuna scheda elettorale.

Ma questo poco importa. Oggi quello che conta sono i fatti. Non ci resta che sperare in un nuovo governo che possa risollevare le sorti di questo paese.

Migliori Piattaforme di Trading Online

[migliori-broker count='6' broker='forex' hidetitle='true']
[migliori-broker count='6' broker='opzioni' hidetitle='true']

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Lascia un Commento

Termini di ricerca:

  • giuseppe conte 5 stelle
  • giuseppe conte biografia
  • premier conte biografia
  • conte premier biografia
  • quando è nato giuseppe conte
  • presidente consiglio conte data di nascita
  • biografia giuseppe conte governo
  • conte presidente eletto o non
  • conti nominato dai 5 stelle
  • data di nascita di Giuseppe Conte premier

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com