Rosatellum 2.0 – legge elettorale: il governo pone la fiducia. Caos in Aula e piazza

Il pressing in aula arriva dalla maggioranza che forte dell’appoggio di Fi e Lega continua la sua strada verso l’approvazione della legge.

In piazza invece scenderanno M5s e Sinistra. Una protesta che parte dalle fila dei Pentastellati. Ma cerchiamo di capire quello che è successo.

legge elettorale

Bagare in aula durante la questione sulla legge elettorale

Partito Democratico

Il governo ha posto ancora una volta la fiducia alla Camera in merito alla questione sulla riforma della legge elettorale.

I n aula si scatena il Caos che porsegue poi anche in piazza.

I deputati di maggioranza restavano immobili, al contrario invece dei penta stellati, i quali hanno urlato sventolando le copie del regolamento di Montecitorio.

Uno tra tutti è stato lanciato al centro dell’Emiciclo da Danilo Toninelli di M5S mentre i suoi colleghi gridavano e fischiavano.

Carla Ruocco sbatteva sul banco la ‘ribaltina’ di legno, al fine di fare rumore.

Dall’estrema sinistra, si alzano anche delle urla con i deputati MDP e Si tutti in piedi a battere sui banchi in segno di protesta.

Dal banco della commissione invece Ignazio La Russa (Fdi) ha alzato un cartello con la scritta “Hablamos”, parliamo, leitmotiv della campagna unionista della Catalogna.

Ecco dunque che in questi primi momenti, saranno 3 le fiducie poste dal governo sui primi 3 articoli dei 5 di cui si compone la legge elettorale, i quali saranno votate da oggi (2) nell’Aula della Camera.

La terza si voterà giovedì.

Questo almeno è quanto deciso dai capigruppo di Montecitorio.

La prima fiducia, inerente all’articolo 1 si voterà dunque oggi alle 15:45.

Le dichiarazioni di voto avranno inizio dalle 13:45.

La seconda fiducia, inerente l’articolo 2 sarà votata dalle 19:30 con le dichiarazioni di voto dalle 17:30.

La terza fiducia, sull’articolo 3 si voterà invece giovedì dalle 11 con le dichiarazioni di voto dalle 9.

Dalle 13 in poi di giovedì saranno esaminati invece da parte dell’Assemblea di Montecitorio gli altri 2 articoli del testo, su cui insistono una ventina di emendamenti, tutti da esaminare a scrutinio palese.

A seguire, forse sempre nella giornata di giovedì, si esamineranno gli ordini del giorno con le dichiarazioni di voto finali ed il voto finale.

Nota che l’ultima votazione in base al regolamento di Montecitorio, è “secretabile”.

Pisapia: fiducia grave strappo istituzionale

“Avevano il terrore che ci fossero voti a scrutinio segreto. Credo che mettere la fiducia sia un grave strappo istituzionale, soprattutto pensando al premier che aveva detto che il governo non si sarebbe occupato della legge elettorale”. Lo ha detto Giuliano Pisapia durante una trasmissione televisiva.

Di Maio, alle 13 tutti a Montecitorio

“Iniziano i voti di fiducia in Aula alla Camera. Poi il voto finale sarà segreto. Più faremo pressione in piazza, più quel voto segreto potrebbe far saltare la Legge. Noi dentro, voi fuori.

E’ il momento di fermare questa vergogna.

Pacificamente, ma come popolo”.

Questo è quanto affermato dal leader M5s Luigi Di Maio sul blog di Grillo, chiamando tutti i militanti a una manifestazione a Roma contro la legge elettorale.

L’appuntamento sarà per oggi alle 13 a piazza Montecitorio.

Sinistra in piazza contro fiducia

Anche la sinistra scende in piazza contro la fiducia che è stata posta dal governo al fine di approvare il Rosatellum Bis.

Questo è quanto affermato da Arturo Scotto (Mdp).

“Stiamo ragionando assieme a tante forze di sinistra per manifestare al Pantheon alle 17,30, contro questa decisione del governo di mettere la fiducia”.

All’iniziativa potrebbe anche partecipare Tomaso Montanari e Anna Falcone, animatori dell’assemblea del Brancaccio.

Anche Pier Luigi Bersani si dice pronto alla mobilitazione, e conferma su twitter, la sua mobilitazione contro la fiducia sulla legge elettorale affermando di partecipare alle 17,30 alla manifestazione decisa da Mdp al Pantheon “per la democrazia”.

Finocchiaro: Governo coerente

Secondo la ministra per i Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro, il presidente Gentiloni ha detto fin dal giorno del suo insediamento che questo Governo avrebbe cercato di facilitare la discussione tra i partiti e in Parlamento e di sollecitare l’approvazione di una legge elettorale e questo è quello che abbiamo fatto”.

“il Governo è stato coerente con il ruolo che ha svolto in tutti questi mesi”.

Berlusconi – Fi leale: sì a voto finale

Non è la legge che sognavamo, ma dato lo scenario attuale riteniamo che questo compromesso sia il miglior risultato possibile.

E proprio perché questo sistema scontenta un po’ tutti, pensiamo che questa volta si possa arrivare al traguardo”.

Silvio Berlusconi assicura la “lealtà” del suo partito che pur annunciando “di non partecipare ai voti che riguarderanno le fiducie chieste dall’esecutivo” dirà “sì, con convinzione, in modo compatto e leale, al voto finale”.

Marco Meloni (Pd), non voterò fiducia

Il governo ponendo la fiducia sulla legge elettorale, “ha compiuto un grave strappo istituzionale”.

Si tratta di una decisione, oltretutto assunta nell’imminenza delle elezioni e rivolta all’approvazione di una legge che per altro non è stata modificata e per tanto sottrae ai cittadini anche i residui spazi consegnati dalle sentenze della Corte Costituzionale di determinare direttamente la scelta dei parlamentari, dalla quale dissento profondamente.

Per queste ragioni non potrò votare la fiducia al governo.

Questo è quanto dichiarato da Marco Meloni, il deputato del Pd il quale è anche direttore della Scuola di Politiche fondata da Enrico Letta.

Di Battista in piazza, contro i sostenitori di Pappalardo

Alessandro Di Battista scenderà in piazza per protestare contro la legge elettorale anche se a Montecitorio ad attenderlo ci sono anche i sostenitori dell’ex generale Pappalardo, ovvero gli attivisti del Movimento liberazione Italia, i quali non gradiscono la sortita del deputato pentastellato.

Si attendono dunque Fischi e grida di cui il deputato è già stato vittima nel giorno in cui era uscito davanti a Montecitorio per incontrare i manifestanti che protestavano e tentare un dialogo.

risatellum 2.0 legge elettorale

Rosatellum 2.0: cosa prevede la nuova legge elettorale

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
Social Trading CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo