Quantcast
Gentiloni a Cernobbio: "Alle spalle la crisi più dura del dopoguerra" - BlogFinanza.com

Gentiloni a Cernobbio: “Alle spalle la crisi più dura del dopoguerra”

Il premier Gentiloni ironizza sull’andamento dell’economia Italiana, affermando :

? Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE? Investimenti a partire da 10 € ? Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

? Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE? Investimenti a partire da 10 € ? Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

“l’Italia vincerebbe premio su dati positivi”.

Di diverso avviso invece l’opposizione, che con Di Maio afferma: “Noi l’ultima speranza”!

decreto vaccini approvazione della camera

Anche se al momento l’Italia vive un contesto tutto sommato positivo, cavalcando l’onda di un momento favorevole, non ci vuol tanto per ricadere in una crisi.

Oggi è vero che l’Italia si sta lasciando alle spalle una crisi acuta, forse la peggiore dal secondo dopoguerra, ma possiamo affermare che per il momento la crisi è solo un ricordo.

Il premier, Paolo Gentiloni, parlando, a Cernobbio,  al Forum Ambrosetti si dice ottimista.

“Tra i tanti indici – ha aggiunto Gentiloni – per me il più importante è l’indice di fiducia, che oggi è l’indice più impalpabile.

Se cresce, nonostante le ansie comprensibili e anche le paure seminate ad arte, è uno degli elementi più incoraggianti per chi governa.

“L’Italia è ovvio che deve ancora affrontare 1000 difficoltà ma non per questo è considerato un paese fallito, al contrario, ha risolto il problema del debito pubblico e ha diminuito di molto il ritardo del Mezzogiorno.

Tuttavia andando all’essenziale ci sono almeno 3 punti evidenti su cui puntare ed è ovvio che il primo è il ritorno della crescita”.

L a direzione di fondo?

Una forte correzione in positivo.

In merito alla ripresa del lavoro è possibile fare di più! Anche se una ripresa sembra esserci grazie alle riforme oggi si contano 1 milione 90 mila posti di lavoro persi tra il 2014 al 2017.

Secondo il presidente del consiglio, oggi l’Italia “non è la pecora nera in un gregge europeo caratterizzato da una grande stabilità di governo.

Il premier infine è anche intervenuto sul tema dei migranti. Su questo, abbiamo puntato ed investito molto.

Abbiamo dimostrato che possiamo ridurre i flussi senza rinunciare ai principi di umanità e di solidarietà.

Il PD al governo, punta a difendere l’onore dell’Europa e contemporaneamente abbiamo ottenuto risultati notevoli nella riduzione di sbarchi affidati ai trafficanti di essere umani e di vittime”.

Sull'autore

Tommaso Piccinni

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.