Quantcast
Renzi: elezioni a Luglio con la nuova legge elettorale. Accordo PD - FI - M5S alla soglia di sbarramento del 5% - BlogFinanza.com

Renzi: elezioni a Luglio con la nuova legge elettorale. Accordo PD – FI – M5S alla soglia di sbarramento del 5%

Renzi si dice pronto a tornare alle urne anche nel mese di Luglio, ma solo se verrà accettata la nuova legge elettorale con la soglia minima di sbarramento del 5% basata sul modello tedesco.

? Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Molti parlano di un nuovo inciucio tra il segretario del PD e Silvio Berlusconi, ma Renzi smentisce e prosegue dritto per la sua strada.

Dunque l’accordo a 3 sulla legge elettorale sta quasi per essere siglato. Un accordo a tre sul modello “Tedesco”, che però non piace ad Alfano il quale sa bene che una eventuale legge elettorale lo condannerebbe a restare fuori dal parlamento tranne che non confluisca sotto un un’inca grande bandiera.

sondaggi elettorlai renzi-grillo-berlusconi

Partito Democratico

La direzione del Pd ha approvato il sistema tedesco inerente alla legge elettorale.

Solo in 33 si sono astenuti compresi i seguaci di Orlando, i quali si professano contrari alla proposta di legge.

Questi ritengono vincolante la decisione della direzione e chiedono un maggior approfondimento dei gruppi.

Il partito democratico punta al modello tedesco perché conferma:

  • la soglia al 5% come elemento inamovibile del sistema tedesco;
  • la scheda deve avere i nomi.

Questi 2 elementi sono molto importanti al fine di portare avanti una legge elettorale seria!

Infine, Renzi, conferma che:

La banale semplificazione dell’inciucio con Berlusconi è talmente stancante da aver perso anche l’elemento di divertimento iniziale.

Il giorno delle elezioni potrebbe essere Luglio come anche Settembre o nel 2018. Non è la data il problema, ma come si andrà a votare!

Il nostro problema per il momento rimane come andare a votare! Si deve affrontare la questione  quando si vota la legge elettorale e non quando si vota per il governo!

Al momento i capigruppo tra Pd e FI hanno concordato l’ok sulla legge elettorale entro il 7 luglio.

Secondo la visione di Renzi, accettare il sistema tedesco con i 2 punti su elencati vincolanti è molto importante.

Non si dice contento di un sistema proporzionale con soglia al 5% ma conferma che la serietà del PD offre al Paese un sistema che abbia un consenso il più ampio possibile.

Infine, conferma che il sistema tedesco non è il suo modello.

Il punto su cui ci dobbiamo concentrare non è scegliere questa o quella legge elettorale, ma scegliere un sistema che vada bene ad oltre l’80% del parlamento.

Solo questo potrebbe portare ad una soluzione pacificazione istituzionale, che permetterebbe al paese di svolgere le proprie attività in modo ordinato, con la possibilità di svolgere elezioni e che si torni al governo con il consenso di tutti i cittadini.

Infine, afferma che sostenere il governo Gentiloni vuol dire anche sostenere noi stessi.

Quando si vota lo si decide nei luoghi competenti.

Fare la legge elettorale è condizione di serietà del patto con il Capo dello Stato e con i cittadini.

Sull'autore

Tommaso Piccinni

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.