Bossi non molla ne la lega ne Salvini: priorità il popolo italiano

Umberto Bossi non lascia la Lega. Questo lo ha ribadito ancora una volta soprattutto in merito al suo arrivo al congresso federale del Carroccio presso Parma.

Con queste parole ha risposto a chi gli chiedeva se intendesse annunciare il suo addio.

Al contrario, ha affermato che si ferma ma non se ne va. Questo lo ha affermato a gran voce.

Molto dipende dal programma! Ma siamo qui per migliorarlo! C’è ancora qualcosa che possiamo salvare e lo faremo con tutte le nostre forze.

Con Matteo Salvini siamo per altro in pena sintonia: non più prima il Nord ma in questo momento è importante che il nostro impegno si rivolge a tutti gli Italiani. Sono loro i primi che devono essere messi in salvo.

Anche le risposte del segretario sono in linea con quele di bossi.

Per il momento non molla nessuno, compreso Bossi! Sullo scontro con il fondatore del Carroccio il leader leghista ha anche detto che non stiamo lavorando per mettere in atto un partito delle correnti, non abbiamo speranziani, dalemiani marziani e vesuviani. Abbiamo la lega come nostro partito e basta.

I militanti hanno scelto ed è chiaro che queste sono state le loro decisioni. Non molla nessuno, neanche Bossi!

Cerchiamo sempre più consensi e speriamo che entri tanta gente nuova.

Non siamo il Pd che ha scelto gli immigrati!

Non siamo i 5 stelle che con  Grillo promette soldi a chi sbarca domani mattina.

Noi abbiamo un’idea chiara: ridare l’Italia agli Italiani e L’Europa deve essere impostata in altro mondo. Si deve tornare a dare lavoro e Italia al popolo italiano.

Basta chiacchiere!

In merito al rapporto contrastato con il fondatore del movimento Salvini ha annunciato che

“Bossi mi insultava 15 anni fa e quindi può farlo anche oggi, non proverò mai rancore. Sono abituato ai suoi insulti da 15 anni e vorrei continuare anche per i prossimi 15″.

Per quanto riguarda invece la questione scissioni,e tiene a precisare Salvini che:

“Ognuno ha le sue sensibilità, la patria è dove uno sta bene. Non sta a me stabilire confini di Comuni e Regioni. I temi dell’autonomia sono temi cardine a livello mondiale. Ribadisco che la battaglia è a livello nazionale, da Nord a Sud. Tornerò a Palermo, a L’Aquila, in Puglia e in Calabria: solo così l’Italia può vincere, per poi articolarsi in senso federale come anche la resistenza chiedeva a Chivasso”.

L’intervento di Bossi

Bossi si dice però sempre convinto che la Lega è il partito del Nord! Se diventa la Lega del Sud non mi interessa più”

Queste sono le sue parole in risposta a Salvini che vuole riunire sotto un’unica bandiera la Lega tutti gli Italiani, da Nord A Sud.

Bossi ricorda che ha dato il via al movimento leghista per determinati obbiettivi. Queste le sue parole:

“contro il centralismo e lì io continuerà a stare, io vado dove c’è da fare questa battaglia, se la Lega Nord diventa Lega Sud non m’interessa, ma non ho abbandonato la speranza. Se vado via o no è una cosa che hanno inventato i giornalisti”. E ha aggiunto: “Non era mai capitato che votasse solo il 50%, bisogna studiare il perché, ci deve essere la voglia di partecipare, non possiamo rassegnarci”.

Non tutti però oggi sono d’accordo con Bossi tanto che pretendono unn ‘Salvini premier’.

La parola a Salvini

Salvini invece si dice pronto a dare battaglia contro il governo nazionale, in merito al lavoro.

La nostra battaglia si concentra sul lavoro che ormai in Italia non esiste più. Priorità sono i nostri giovani, le loro famiglie ed il loro futuro.

La nostra battaglia in questo momento storico riguarda tutta Italia, tutti gli italiani. Per tutto: lavoro, case popolari,legittima difesa.

Noi vogliamo rappresentare chi in Italia produce, chi lavora, chi non campa di immigrazione e di assistenza.

Da battaglia nazionale oggi ci spostiamo alle battagli internazionali, e combatteremo i disastri della sinistra italiana, della legge Fornero, dell’immigrazione clandestina fuori controllo e della disoccupazione, sono disastri a Milano e a Reggio Calabria”.

In merito poi alla leegge elettorale,Salvini si dice favorevole al maggioritario.

Per Mateo, l’avversario da battere è Renzi e noi abbiamo le idee chiare: se qualcuno vuole fare una coalizione e vuole veramente vincere ci vuole un sistema elettorale maggioritario dove l’eletto è scelto dall’elettore e dove chi vince la sera del voto va a governare.

Chi vuole invece il proporzionale non vuole vincere e non vuole la coalizione.

Questo è l’appello che Salvini lancia al centrodestra, in particolare a Berlusconi sul tema della legge elettorale.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Fibo Group
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com