Quantcast
Prescrizione per Berlusconi e Lavitola: nessuna accusa più per la compravendita dei senatori - BlogFinanza.com

Prescrizione per Berlusconi e Lavitola: nessuna accusa più per la compravendita dei senatori

Come è noto, la seconda sezione della Corte di Appello di Napoli ha dichiarato la prescrizione per Silvio Berlusconi e Valter Laviola in merito al reato di corruzione al termine del processo.

? Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE? Investimenti a partire da 10 € ? Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

? Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE? Investimenti a partire da 10 € ? Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

Questa volta, i 2 erano imputati per la presunta compravendita dei senatori.

Silvio Berlusconi

I soggetti in questione, per il 1° grado erano stati condannati a 3 anni di reclusione.

La sentenza inerente invece la seconda sezione della Corte d’Appello, la quale era presieduta da Patrizia Mirra, è stata emessa dopo oltre 3 ore di camera di consiglio.

I giudici avevano  in più occasioni ribadito che sussisteva l’ipotesi di corruzione che li aveva portato alla condanna in primo grado.

I legali di Berlusconi: Niccolò Ghedini e Michele Cerabona, avevano chiesto l’assoluzione in quanto sottolineavano l’insindacabilità del voto dei parlamentari prevista dalla Costituzione e ritenendo non veritiere le dichiarazioni di accusa che aveva avanzato il senatore Sergio De Gregorio.

A seguito poi delle indagini sulla vicenda avviate dai pm di Napoli Henry John Woodcock e Vincenzo Piscitelli i quali sostennero l’accusa in primo grado.

L’accusa mossa riguardava la seguente ricostruzione, per altro condivisa dal tribunale:

De Gregorio era eletto nelle file dell’Italia dei valori e avrebbe ricevuto ingenti somme di denaro.

Il denaro arrivò tramite finanziamenti al suo movimento “Italiani nel Mondo“, al fine di indurlo a cambiare schieramento e determinare dunque la caduta del governo Prodi che si reggeva all’epoca, al Senato su una esigua maggioranza.

Oggi il tutto è caduto in prescrizione.

Sull'autore

Tommaso Piccinni

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.