PD – M5S – FI: chi vincerà le prossime elezioni?

E’ lotta alla corsa per la presidenza del consiglio tra i vari partiti oggi presenti in parlamento. Tra Pd e M5s la sfida è aperta in quanto si contendono il posto da premier e i sondaggi al momento li danno alla pari, con stesse percentuali. Ma Forza Italia? Dove è finita?

Anche Forza Italia, sembra stia recuperando terreno anche se deve colmare il vuoto che in 10 anni si è fatto sentire. Alla guida ancora una volta Silvio Berlusconi, che sembra stia riunendo sotto il suo partito diversi sostenitori e che sembra al momento l’unico che abbia realizzato un programma concreto.

Se analizziamo le primarie che si sono tenute nel partito democratico per la carica di segretario, e se analizziamo quello che avverrà nelle votazioni del Partito democratico il 30 aprile 2017, possiamo azzardare che il prossimo segretario sarà ancora una volta Matteo Renzi. Quindi a nostro avviso sarebbe ora che si iniziasse già a puntare sul programma che si intende portare avanti in campagna elettorale. A meno di imprevedibili sorprese, Renzi dovrebbe restare segretario, anche se si dovrebbero anche analizzare le percentuali che riusciranno a raccogliere gli altri candidati. Per altro, Renzi dovrebbe anche fare i conti con una nuova possibile scissione.

silvio berlusconi

Se questo si verificasse, RENZI CON CHI SI ALLEA?

Purtroppo in base a quelle che sono oggi le informazioni in nostro possesso non possiamo delineare una line apolitica diversa tra i 3 candidati. Renzi propone in un unico piatto, diverse pietanze. Tutto alla rinfusa, senza un vero e proprio programma politico. Una confusione unica che sta destabilizzando l’elettore.

A nostro avviso un altro problema che deve affrontare il PD è l’avanzare del movimento 5 stelle che molti hanno già ribattezzato il partito del NO, il quale non ha idee e non propone. Si limita solo a fare opposizione, senza una concreta risposta politica attuabile.

Stando alle ultime elezioni amministrative che si sono avute, il movimento capitanato da Beppe Grillo, ha riscosso grandi successi, rubando città storiche della sinistra come Torino e prendendo anche la capitale. Un voto di protesta come in molti lo hanno definito, ma sta di fatto che il Movimento 5 stelle oggi è una dura realtà politica, che si presenta anche a governare L’Italia con un partito unico.

Il problema di Renzi, sarà dunque quello di comprendere con chi e come si vuole alleare. Non è pensabile che si presenti da solo, in quanto oggi il PD non ha neanche i numeri per comandare visto e considerato che perde pezzi continuamente.

Intanto Alfano, che al momento è ministro dell’interno per il governo Gentiloni, di stampo PD, scioglie il suo partito “Nuovo centro destra ” per formarne uno nuovo di matrice centrista e conferma di non appoggiare nelle prossime elezioni il governo di Centro sinistra.

Dal lato opposto, invece, Berlusconi sta cercando di richiamare a se tutti i partiti politici non solo di ispirazione centrista ma anche di quelli che condividono con Berlusconi alcune linee politiche come ad esempio la Lega di Matteo Salvini.

Purtroppo, vi è anche da considerare il forte assenteismo dell’elettorato Italiano, il quale si sente offeso e preso in giro dai politici. Questo sopratutto a seguito del referendum del Dicembre scorso che ha visto la vittoria del No al referendum e le dimissioni di Renzi, che non ha portato a nuove elezioni come speravano gli Italiani, ma ad un nuovo Governo tecnico, che in altri tempi poteva anche essere chiamato governo dittatoriale.

Ecco quindi che Grillo potrebbe anche raccogliere i voti di protesta popolare. Il populismo ormai sembra essere abbastanza alto tra i vari elettori. Il distacco delle forze politiche dai problemi del Paese aiuterà tutti i movimenti di tipo populista.

Di questo ancora una volta si è accorto per primo Berlusconi, il quale a differenza di molti altri leader che fanno politica dai palazzi e standosene seduto sulla poltrona, ha il coraggio di scendere in piazza ed affrontare con la gente comune i problemi veri. In questo senso, Berlusconi:

corteggia gli animalisti, dà il tormentone ai vecchi, si sta ritagliando uno spazio in quelle aree che appaiono marginali ma che sono un bel bacino di voti.

Ecco quindi che tra Pd e Movimento 5 stelle potrebbe anche vincere il candidato outsider: Berlusconi

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Fibo Group
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Termini di ricerca:

  • il partito democratico con chi si deve alleare alle nuove elezioni politiche

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com