Quantcast
Scissione Pd: via D'Alema e Bersani. Nasce il nuovo partito: "ConSenso" o "Rivoluzione Socialista"? - BlogFinanza.com

Scissione Pd: via D’Alema e Bersani. Nasce il nuovo partito: “ConSenso” o “Rivoluzione Socialista”?

Il pretesto della rottura è sempre lo stesso Il PD non è Renzi! Il primo ad opporsi è Massimo D’Alema che insieme a Bersani, segna il passo della scissione dal PD.

? Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Secondo quanto previsto dal patto di via Barberini si è siglato un accordo tra Michele Emiliano, Enrico Rossi e Roberto Speranza il quale fanno il punto alla fine dell’assemblea in merito alla scissione.

Per Renzi il problema maggiore sarebbe legato a Massimo D’Alema, in merito all’inversione di Emiliano, il quale nel pomeriggio aveva dato già l’impressione di non essere d’accordo su alcuni temi, anche se non si proliferava nessuna rottura.

Ma tutto cambia! Oggi, infatti assistiamo al duetto D’alema-Bersani, i quali scindendo dal PD danno vita ad un nuovo partito. In bilico quindi anche il futuro del governo perché non avrà più i numeri per governare.

Purtroppo all’interno dello stesso PD vi è il timore di un candidato forte capace di togliere consensi a Renzi e si scagliano contro Emiliano, il quale ancora non ha preso una decisione chiara in merito. Una cosa è certa. Fuori Bersani e D’Alema, rimane solo Emiliano come candidato alla segreteria del PD insieme a Renzi.

A questo punto, quindi non resta che prendere atto della scissione nel PD. Il problema è solo il marchio e un nuovo leader! Problemi che devono essere risolti per altro in fretta!

Secondo la Geloni, il marchio ed il nome, dovrebbe avere semplice e non lungo. Prende la parola anche Federico Fornaro, il quale conferma che:

Non c’è ancora, è la dimostrazione che non avevamo deciso da un anno come dicono, perché quello di oggi poteva essere uno scenario diverso e saremmo rimasti nel Pd.

E se Emiliano viene considerato il leader in pectore, sarà dura da digerire per Speranza e Rossi. Problemi che «i compagni» sanno bene. Pure il resto, nome e marchio, oltre al leader, «è tutto da inventare».

Inoltre, non è stata ancora contattata nessuna agenzia di comunicazione, non vi è nessun grafico al vaglio ancora al fine di disegnare un nuovo logo, e non vi è neanche il nome del nuovo partito. Al momento al vaglio vi è ConSenso per i sostenitori di D’Alema o Rivoluzione socialista, il titolo del summit del Vittoria.

Sull'autore

Tommaso Piccinni

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.