No al voto anticipato! Paolo Gentiloni sostituisce Matteo Renzi dopo il referendum costituzionale

Paolo Gentiloni è il nuovo presidente del Consiglio. Lo ha deciso poche ore fa il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha ufficializzato Paolo Gentiloni a succedere a Matteo Renzi.

Gentiloni governo

Chi è Paolo Gentiloni?

Paolo Gentiloni è il nuovo presidente del Consiglio, dopo che Matteo Renzi ha confermato le sue dimissioni. Questo è quanto emerso a seguito delle consultazioni con i pricnipali leader dei partiti. E’ stato pubblicato poche ore fa il nome di Gentiloni, dal capo dello Stato Sergio Mattarella. Sarà proprio questo a dover formare il nuovo Governo.

Gentiloni, ha accettato di formare il nuovo governo, m a ha anche dichiarato che intende muoversi nel quadro del governo e della maggioranza uscenti.

Il tempo per formare il nuovo governo, però non è tanto, anzi è molto stretto poiché Mattarella vorrebbe Gentiloni alla guida del nuovo governo già dal prossimo 15 dicembre. In questa data, infatti, è programmato il Consiglio Europeo.

In definitiva P.Gentiloni, sarebbe il nuovo incaricato per sciogliere anche la riserva entro martedì, per poi salire al Colle al fine di eseguire il giuramento il giorno successivo (mercoledì).

Mattarella: no ad elezioni anticipate! Il governo sarà senza scadenze

Oltre ad affermare il nuovo premier, il capo dello Stato afferma che non vi sarà nessuna elezione anticipata, anzi, si dovrà prima modificale l’attuale legge elettorale ed effettuare la ricostruzione post sisma. Ecco perché ho scelto di affidare l’incarico del nuovo governo a Gentiloni.

Non si può perdere tempo con le nuove elezioni in questo periodo. C’è fretta, spiega, e l’Italia ha bisogno in tempi brevi di un governo nella pienezza delle sue funzioni.

Al via quindi il 4 governo non eletto per gli Italiani. Un governo che secondo quanto definito dai grillini, sarà un governo Avatar. Senza Renzi vi sarà un governo istituzional.

Per Grillo, invece non ha senso non poter andare al voto. Mattarella invece preme affinché cambi la legge elettorale, perché in queste condizioni è impossibile andare al voto.

Gentiloni quindi sembra essere l’ultima spiaggia, il premier che a detta di Mattarella potrebbe essere il punto di mediazione al fine di risolvere il rebus senza far deflagrare i contrasti e le nette divergenze di visione tra Quirinale e Nazareno.

Al momento le uniche certezze in merito sono:

  • Premier Gentiloni;
  • Nuove consultazioni per l’incarico dei nuvi ministri;
  • Niente elezioni anticipate;
  • Nessuna data certa sulla durata del governo Gentiloni.

Priorità del governo Gentiloni

Matarella preme affinché si formi nell’immediato un esecutivo, un esecutivo di pieni poteri che dovrà affrontare alcune priorità di carattere nazionale ed internazionale. Tra le principali proirità vi sono:

  • sofferenza delle banche;
  • vicenda fallimento Monte dei Paschi;
  • conti pubblici ancora una volta sotto il mirino della Ue;
  • turno di presidenza italiano del G7, con termine a Luglio 2017 a Taormina;
  • sostegno ai terremotati e ricostruzione dei loro paesi.

Secondo Renzi, questo governo non dovrebbe durare oltre la sentenza della Corte sull’Italicum che si dovrebbe tenere il 24 gennaio 2017. Mattarella Invece non sembra di quest’opinione.

Alfano e Verdini, al momento sono gli unici che sono contrari a un esecutivo a tempo. Secondo loro la legislatura dovrebbe arrivare fino alla primavera del 2018.

Al momento, l’unica certezza che abbiamo è che la Corte Costituzionale deve pronunciarsi in merito e solo successivamente si potranno prendere decisioni. Queste le parole del presidente Mattarella:

Ho ascoltato tutte le voci in Parlamento e registrato con attenzione e rispetto. Nei miei incontri è emersa come prioritaria un’esigenza generale di armonizzazione delle 2 leggi per l’elezione della Camera e del Senato, condizione questa indispensabile per procedere allo svolgimento di elezioni».

Il secondo obbiettivo del capo dello Stato è quello di riuscire a ricucire un Paese avvelenato. «Mi auguro che il clima politico possa articolarsi e svolgersi con un rapporto dialettico, com’è necessario per la nostra democrazia, ma sereno e costruttivo».

Opposizioni: NO al governo Gentiloni

Secondo quanto affermato dalle opposizioni, non sarebbe corretto e sopratutto non è democratico imporre per 4 volte di fila un governo tecnico, un governo che rischierebbe di mandare in delirio tutti gli Italiani. Il Governo Gentiloni, non sarebbe altro che un governo Prestanome del governo Renzi. Vediamo quindi quali sono state le critiche da parte delle opposizioni.

Matteo Salvini (Lega)

Il primo a criticare il nuovo presidente è Matteo Salvini della Lega, il quale scherzosamente afferma:

Renzi almeno faceva ridere, Gentiloni ha la faccia triste. È un fantasma triste.

A prendere la parola è anche Alessandro Pagano il quale definisce il Governo Gentiloni, il primo caso di governo nato con la pratica dell’utero in affitto applicata alla politica. In pratica, si hanno tanti padri, da Renzi a Napolitano, che senza averne legittimità continuano a prevaricare sul popolo. Sono questi che privano giornalmente i cittadini di un governo eletto. Il loro interesse non è l’Italia, ma la poltrona.

La lega insieme ad altre forze politiche, continua la sa battaglia democratica al fine di poter tornare al voto il più presto possibile.

Movimento 5 Stelle

A prendere al parola per il movimento 5 stelle è Luigi Di Maio il quale afferma:

Gentiloni arriva a Palazzo Chigi come se nulla fosse, come se questa richiesta dei cittadini di incidere nelle scelte politiche non esistesse.

Gentiloni è il prestanome di Renzi che gli tiene la sedia calda. Non cambierà nulla finché non si ridarà la parola ai cittadini italiani con il voto.

È un governo che non possiamo pensare faccia qualcosa di buono. Ricorderemo a questo governo che è illegittimo, che si basa sul tradimento degli elettori.

Forza Italia

Per Forza Italia, a prendere la parola è invece Maurizio Gasparri, il quale afferma di conoscere Gentiloni sin dai tempi del liceo. Gasparri si esprime in maniera chiara e determinata a non appoggiare questo governo, affermando:

Gentiloni, guidava gruppi dell’estrema sinistra. Poi si è moderato al punto che oggi è uno dei protagonisti di una politica di importazione di clandestini che ha raggiunto in Italia livelli record.

Il basso profilo di Gentiloni può essere un problema in più per l’Italia. Da ministro degli Esteri ha avallato tutte le scelte sbagliate di Renzi.

Sotto il profilo democratico, ricordiamo che arrivò terzo alle primarie del Pd per la carica di sindaco di Roma, superato da Marino e Sassoli.

La sua ascesa a Palazzo Chigi dimostra che tutti possono avere una speranza e che non sempre il consenso è il metro con cui si attribuiscono incarichi.

A maggior ragione è opportuno che siano gli elettori il prima possibile in questo Paese ad esprimersi con chiarezza

Fratelli d’Italia

Anche fratelli d’italia, con Giorgia Meloni si schiera contro la nomina di Gentiloni, affermando che con questo governo, tutto cambia perchè nulla cambi. Anche per la Meloni, Gentiloni non è altro che il prestanome di Renzi, un uomo suo, senza tener conto dell’opinione degli italiani.

Alla guida del governo ci ritroviamo ancora una volta con una marionetta, per altro comandato dall’Europa e che per altro non ha neanche parlato di legge elettorale nel suo primo discorso da incaricato.

Paolo Gentiloni ed il nuovo consiglio dei ministri

Già a partire da oggi, il nuovo presidente dl consiglio, ha l’incarico di formare il nuovo governo. Inizia anche per lui toto-nome per i ministri, scelti per competenza e capacità e che dovrebbero far parte della squadra di governo.

La questione della scelta dei ministri è molto delicata; gira voce anche che Alfano potrebbe andare agli esteri.

Il problema principale, ovvero il nodo da sciogliere è il contatto tra i partiti, che dovrebero formare la squadra di Governo. Infatti, lascinado il posto d i ministro degli Esteri, Gentiloni lascia un vuoto alla Farnesina, che deve essere subiuto rimpiazzato, e ancora una volta si pensa al nome di Piero Fassino o Angelino Alfano il quale poi traslocherebbe dal Viminale.

Tra gli altri nomi alle cariche degli altri ministeri abbiamo Luca Lotti, attualmente sottosegretario alla presidenza del Consiglio, il quale potrebbe ottenere i Servizi segreti, mentre Marco Minniti, passerebbe all’interno nel caso in cui Alfano lasci la carica.

Irrisolto invece lil tema delle rifme. Sembra certa la non riconferma di Maria Elena Boschi, la quale al massimo potrebbe conservare la delega ai Rapporti con il Parlamento e alle Pari opportunità, nel caso in cui non diventi sottosegretario. Al suo posto potrebbe arrivare Emanuele Fiano.

All’economia, invece sembra certamente riconfermatoPier Carlo Padoan, uomo di spicco politico a cui Mattarella inizialmente guardava come presidente del consiglio,amico di Draghi e della politica economica europea. Al momento sembra essere l’unico in grado anche di risolvere il problema di Monte dei Paschi di Siena, in quanto conosce perfettamente i dossier economici.

Tra i ministri confermati oltre a Padoan, sicuramente ci saranno:

  • Andrea Orlando alla Giustizia;
  • Roberta Pinotti alla Difesa;
  • Maurizio Martina all’Agricoltura;
  • Beatrice Lorenzin ed Enrico Costa come rappresentanti della minoranza di Governo.

Per la formazione decisiva del governo, non ci resta che attendere le prossime ore.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo