Tina Anselmi: morta il primo ministro donna italiano

E’ deceduta ieri, Tina Anselmi, il primo ministro donna italiano; nominata nel luglio del 1976 titolare del dicastero del Lavoro e della Previdenza sociale nel governo Andreotti.

tina-anselmi-morta

Tina Anselmi: una leggenda politica

E’ morta la scorsa notte presso la sua casa di Castelfranco Veneto (Treviso) il primo ministro donna della storia Italiana, Tina Anselmi, la quale aveva coperto cariche istituzionale di notoria importanza come il dicastero del lavoro e della previdenza sociale.

Tina Anselmi, fu il primo ministro donna della storia politica Italiana; nominata nel luglio del 1976 titolare del dicastero del Lavoro e della Previdenza sociale fu eletta per la prima volta e poi a seguire presso le file del parlamento con il partito Democrazia Cristiana. Alla sua morte, Tina Anselmi aveva 89 anni.

Morta Tina Anselmi: il primo ministro donna italiano

E’ stato lo stesso presidente Renzi a ricordarla ed ad affermare che con la sua morte, è Scomparsa una figura esemplare della politica Italiana; una donna di altri tempi ma con una visione di larghe vedute. Renzi definisce Tina Anselmi, come una figura esemplare della storia repubblicana.

Tina Anselmi, non era solo una Partigiana, sindacalista, ma anche una donna impegnata nella dura vita politica e nelle istituzioni.

Nominata prima ministra della storia politica italiana, ha svolto le sue funzioni portando impegno e devozione nella lotto per le pari opportunità e contro la P2. La sua personalità forte e discreta ne hanno fatto una donna forte che la contraddistingue dalle altre e che ha svolto il suo lavoro come passione, facendo della politica una questione di libertà.

Tina Anselmi: il cordoglio del mondo della politica

Sono stati tanti e lo sono ancora oggi coloro che ricordano Tina Anselmi come una figura esemplare della storia politica Italiana. tanti anche i ministri in carica ed ex ministri che porgono le loro sentite condoglianze ai parenti della defunta.

Anche Maria Elena Boschi la ricorda come una donna forte ed esemplare e la ricorda citando proprio una frase:

Capii allora che per cambiare il mondo bisognava esserci

Tina Anselmi ha rispettato alla lettera le sue promesse; c’è stata ed ha cambiato il mondo politico Italiano e non solo. Questo è stato quanto affermato dalla ministra Maria elena Boschi in un suo Twitter:

L’Italia deve tanto a #TinaAnselmi” è invece il “tributo” del ministro Marianna Madia.

Laura Boldrini, invece, la presidentessa della camera, in un suo tWitter la ricorda così:

 #TinaAnselmi se ne va una madre della democrazia italiana” è invece il ricordo della presidente della Camera Laura Boldrini.

Chi era Tina Anselmi?

Tina Ansemi, ha dedicato la sua vita tra partigiani e ministeri.  Nacque il 25 marzo 1927 presso Castelfranco Veneto; [stato un elemento di spicco per tutti già nella sua fanciullezza, quando, cresciuta presso una famiglia cattolica e antifascista, decide di entrare nelle file della resistenza e a favore dei partigiani, dopo che fu costretta ad assistere all’impiccagione di 31 partigiani ritenuti traditori.

In tanti la conoscono anche come Gabriella, nome di fantasia, utilizzato nelle battaglie militante nelle brigate autonome di Cesare Battisti, e al comando di Gino Sartor, e successivamente anche al Comando regionale veneto del Corpo volontari della libertà.

Tina Anselmi: riassunto della carriera politica

Nel dicembre del 1944 aderisce ed entra nelle file politiche a fianco dei Democratici Cristiani. All’età di 32 anni poi, entra nel consiglio nazionale della Dc, nel congresso che nominò Aldo Moro segretario al posto di Fanfani, fino ad arrivare poi il 29 luglio del 1976 a divenire il prima ministro donna della storia politica Italiana. Venne scelta tra tante dal governo Andreotti III e ricoprì la carica di ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale.

In seguito divenne poi, sempre sotto il governo presieduto da Giulio Andreotti ministro della Sanità battendosi con tutte le sue forze, in maniera decisiva alla riformulazione della riforma sanitaria che porta poi alla nascita del Servizio Sanitario Nazionale. Nel 1981, venne nominata nel corso dell’VIII Legislatura, presidente della Commissione di inchiesta sulla loggia massonica P2 legata a Licio Gelli, i cui lavori si concluderanno dopo 4 anni dopo.

Infine, il 18 giugno del 1998 Tina Anselmi ricevette l’onorificenza di Dama di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana. Spicco e notorietà anche a livello internazionale, per tutte le sue campagne promosse tanto che nel Nel 2016 venne celebrata per via della sua forte figura con l’emissione di un francobollo. Infatti, è la prima volta nella storia d’Italia, che viene dedicato un francobollo a una singola persona ancora in vita.

Tutta la redazione di BlogFinanza, porge le più sentite condoglianze alla famiglia e a tutti i suoi cari 

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo