Da Banca Carige al Processo di Nazionalizzazione delle banche: conviene?

Valoreazioni

Vuoi un conto trading demo con 50.000€ gratis per fare pratica?In più anche segnali di Trading Gratis.Clicca qui

A seguito dell’operazione “Banca Carige” si è aperto il dibattito in merito ad una possibile nazionalizzazione di tutti gli istituti bancari. Ma davvero potrebbe essere la soluzione migliore? Quali sono i vantaggi e quali invece gli svantaggi relativi a questa operazione?

Purtroppo non sempre la nazionalizzazione è la risposta a tutte le difficoltà. L’ipotesi di nazionalizzazione di Banca Carige avanzata dal governo Lega-M5S ancora una volta ha aperto la questione sulla convenienza o meno legata alla nazionalizzare gli istituti bancari.

Vi è come sempre chi si aspetta dei risultati favorevoli. Allo stesso tempo però ci sono i critici che vedono in questo un ritorno al passato. Questi sono contrari all’operazione di nazionalizzazione le banche.

banca carige Nazionalizzazione

Banca Carige Nazionalizzazione

Nazionalizzare una banca: cosa vuol idre?

La nazionalizzazione di una banca avviene nel momento in cui lo Stato diventa l’azionista di maggioranza. In questo caso, se avviene la nazionalizzazione, è lo Stato che ne assume la direzione ed il controllo della banca, come anche le attività e le passività.

Si può nazionalizzare una banca?

Certamente deve avvenire sempre in conformità e nel rispetto della disciplina europea in materia di aiuti di stato. Ancor prima di ricevere il sostegno pubblico la banca è tenuta a presentare un piano di ristrutturazione da inoltrare alla Bce o Bankitalia. Certamente il sostegno pubblico deve essere preceduto sempre dal contributo degli azionisti e dai creditori subordinati.

Dal 2014 è poi in vigore la Direttiva Europea inerente ai salvataggi bancari la quale ha introdotto il bail-in ovvero il salvataggio interno delle banche. Al fine di evitare di diffondere il panico nel sistema bancario lo stesso istituto del bail-in è stato poco o per nulla utilizzato per risolvere le crisi bancarie.

Come avviene la nazionalizzazione di una banca?

Tutti i governi sovrani possono di uno Stato possono decidere unilateralmente di nazionalizzare un istituto bancario o meno.

La nazionalizzazione però della banca deve avvenire a seguito di alcuni eventi. Ad esempio potrebbe avvenire questo nel momento in cui l’istituto è prossimo a dichiarare il fallimento, con definitive e conseguenti perdite per tutti i risparmiatori. Si potrebbe rischiare un evento catastrofico a catena per tutto il sistema bancario.

La nazionalizzazione può aver luogo nel momento in cui gli istituzioni hanno operato in modo fraudolento. La nazionalizzazione di una banca potrebbe dunque avvenire per:

  • Protezione per i depositanti

In questo caso la logica alla base della nazionalizzazione è tale da include la protezione dei depositanti. In questo modo si cerca di evitare di far subire perdite ai risparmiatori più vulnerabili.

  • Sostituzione del management

Tutti i dirigenti della banca potranno essere sostituiti da funzionari governativi. Questa per molti è considerata come una prima mossa atta alla nazionalizzazione. Gli incaricati che andranno a prenderne il posto dei vecchi banchieri si impegnano ad attuare delle politiche e delle pratiche che sono volte a ripristinare la solvibilità e la fiducia del pubblico.

  • Riduzione dell’azzardo morale

Si potrebbe optare per punire i banchieri che hanno assunto dei rischi eccessivi ed hanno provocato il totale fallimento delle banca. Da qui ne deriva anche il compromettere della stabilità bancaria che permette di ridurre in futuro i comportamenti di azzardo morale.

  • Ridefinizione degli obiettivi

Attraverso la nazionalizzazione è possibile reindirizzare le politiche bancarie verso obiettivi socialmente desiderabili e lontano da cattive pratiche.

  • Evitare effetti a catena

Infine si potrebbe optare per la nazionalizzazione della banca in quanto essa potrebbe comportare un fallimento a catena. Si parla in questo caso di portata sistemica in quanto il suo fallimento innescherebbe effetti a catena su tutto il sistema bancario.

Ecco il motivo per il quale interviene poi lo Stato; esso interviene al fine di ristabilire la fiducia dei risparmiatori al fine di evitare il fallimento e la propagazione dei rischi.

Migliori Piattaforme di Trading Online

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC / FCA / ASIC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets.com Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: $250
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
DUKASCOPY EUROPE Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

IQ Option Deposito: 10 $
Licenza: CySEC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio
BDSwiss Deposito: 100 $
Licenza: CySEC - LLC - FSC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com