Incentivi Inps Assunzioni al Sud

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

A chi spettano gli incentivi INPS per le assunzioni al SUD? Come fare per presentare domanda? In questa guida cercheremo di dare risposta a tutti i tuoi interrogativi.

INPS: Istituto Nazionale Previdenza Sociale

Ricordiamo che con il nuovo governo Giallo-Verde Sono disponibili dei nuovi incentivi al fine di favorire le assunzioni inerenti ai lavoratori disoccupati presenti all’interno delle Regioni del Sud Italia.

Secondo quanto stabilito dalla Legge di Bilancio 2019 il bonus per le aziende che assumono nel Mezzogiorno introdotto lo scorso anno è stato prorogato.

L’Anpal infatti ha pubblicato un apposito decreto al cui interno istituisce un nuovo Incentivo Occupazione Sviluppo Sud.

Tutte le agevolazioni possono essere riconosciute a seguito della stipula di contratti di lavoro a tempo indeterminato o di apprendistato.

Possono essere erogati questi benefici solo seguendo le istruzioni emanate dal ministero. Se ne occupa dell’erogazione dei fondi l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ovvero l’INPS.

Ecco dunque il nostro scopo; spiegarti e farti comprendere come presentare domanda e quelli che sono gli incentivi Inps 2019 inerenti alle assunzioni per il Sud.

Se vuoi scoprire come fare domanda, continua con la lettura di questo approfondimento.

INPS INCENTIVI 2019 PER ASSUNZIONI AL SUD

Secondo quanto stabilito dal comma 247 dell’articolo 1 della Legge 30 dicembre 2018, n. 145 (Legge Bilancio 2019) proroga, per il 2019 e per il 2020, sono stati disposti incentivi inerenti l’Occupazione nel Mezzogiorno.

Come nel caso degli anni precedenti, si tratta di un bonus per agevolare le assunzioni in alcune aree del Meridione italiano. Il tutto è stato resto operativo dall’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro (Anpal) a partire dall’anno 2018.

L’Anpal, per tramite del decreto direttoriale n. 178 del 19 aprile 2019, ha provveduto ad istituire una nuova misura atta per il 2019 che è stata denominata Incentivo Occupazione Sviluppo Sud.

L’agevolazione, riguarda le assunzioni effettuate dal 1° maggio al 31 dicembre 2019. In pratica l’incentivo consiste nello sgravio totale dei contributi a carico dei datori di lavoro che si trova nella possibilità di assumete disoccupati.

L’incentivo viene rivolta a tutte le aziende che decidono di assumere persone disoccupati e che si trovano nelle seguenti regioni interessate dal provvedimento e che sono:

  1. Abruzzo;
  2. Molise;
  3. Sardegna;
  4. Basilicata;
  5. Calabria;
  6. Campania;
  7. Puglia;
  8. Sicilia.

Le agevolazioni previste sono esclusive e riguardano solo contratti di lavoro a tempo indeterminato e apprendistato professionalizzante.

Attenzione però ai limiti imposti dalla legge. Secondo quanto disposto dalla legge 145 / 2018 il limite massimo dell’incentivo è di 500 milioni di Euro.

Il bonus risulta anche cumulabile con altri esoneri e sgravi previsti dalla normativa vigente.

Secondo quanto disposto dalla gestione, l’incentivo è stata affidata all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, il quale provvederà ad emanare un’apposita circolare atta a fornire tutti i chiarimenti inerenti alle modalità operative della misura.

Chi sono i destinatari dell’incentivo?

Al momento le agevolazioni per assumere disoccupati possono essere richieste solo e soltanto dai datori di lavoro privati, anche non imprenditori, che assumono personale anche senza esservi tenuti, ma che sono in regola con il DURC e tutti gli altri adempimenti fiscali previsti dalla legge.

L’assunzione, infatti, non deve scaturire da un obbligo di natura legale o contrattuale.

Tutti gli incentivi possono essere concessi al fine di assumere persone disoccupate secondo quanto riportato dall’articolo 19 del d. lgs. n. 150/2015.

Ma chi sono i disoccupati?

I disoccupati sono tutti quei soggetti privi di impiego e che dichiarano, in forma telematica e secondo quanto previsto dall’articolo 13 del citato decreto, l’immediata disponibilità al lavoro e quindi a partecipare alle misure di politica attiva del lavoro concordato con il centro per l’impiego.

Per i giovani che hanno un’età compreso tra 16 e 34 anni, viene richiesto il requisito unico della disoccupazione.

Se invece trattasi di lavoratori dai 35 anni in su, essi devono essere anche privi di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi al momento dell’assunzione agevolata, secondo quanto appunto stabilito dal Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del 20 marzo 2013.

Cosa significa questo?

Vuol dire che nei 6 mesi precedenti a quest’ultima, i soggetti interessati non devono aver avuto rapporti di lavoro subordinato per una durata di almeno 6 mesi e non devono aver svolto attività di lavoro autonomo o parasubordinato percependo quindi un reddito superiore a quello minimo annuale che prevede l’esclusione dalle imposizioni.

L’eccezione vale solo nel caso di trasformazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, per tutti i lavoratori che però non hanno avuto, nei 6 mesi precedenti l’assunzione, un rapporto di lavoro subordinato con il datore di lavoro che richiede l’incentivo per assumerli.

Quali sono le condizioni ammissibili per l’assunzione?

Al fine di incentivare le assunzioni e quindi per usufruire degli sgravi fiscali i datori di lavoro devono effettuata un contratto di lavoro a tempo indeterminato o un contratto di lavoro come apprendistato professionalizzante, anche part time, tra il 1° maggio e il 31 dicembre 2019.

L’agevolazione viene concessa anche nel caso di trasformazione a tempo indeterminato di contratti di lavoro, anche a scopo di somministrazione. Questa agevolazione viene applicata anche ai soci lavoratori di cooperative ma solo se sono assunti con contratto di lavoro subordinato.

L’attività lavorativa deve quindi svolgersi in un dei territori previsti per l’applicazione dell’incentivo.

Al momento restano invece esclusi dal bonus assunzioni al Sud tutti i lavoratori assunti con contratto di lavoro domestico, occasionale o intermittente.

Quali sono i benefici?

Al momento l’incentivo riguarda solo i contributi previdenziali che sono a carico del datore di lavoro. Sono esclusi i premi e i contributi dovuti all’Inail. Possono essere fruibili mediante conguaglio sui contributi Inps, per un periodo non superiore a 12 mesi a partire dalla data di assunzione.

L’incentivo potrà essere erogato fino ad un massimo di 8.060 Euro l’anno, per ogni lavoratore assunto, con un contributo su 12 rate mensili.

Nel caso di orario di lavoro part time, il massimale viene ridotto in maniera proporzionale.

L’Incentivo Occupazione Sviluppo Sud deve essere fruito, pena decadenza, entro il 28 febbraio 2021.

Come detto in precedenza possono beneficiare di questo incentivo tutti i soggetti che sono residenti in uno degli ambiti territoriali del Sud Italia inerenti alle regioni su indicate, indipendentemente dalla residenza dei lavoratori assunti.

Nel caso in cui la sede lavorativa viene trasferita al di fuori degli ambiti regionali indicati, tutti gli incentivi in corso non sono più concessi a partire dal mese di paga successivo a quello di trasferimento.

Come presentare domanda?

Possono richiedere le agevolazioni Inps tutti i datori di lavoro che vogliono assumere dipendenti. Questi però devono presentare una domanda preliminare di ammissione all’incentivo, tramite un apposito modulo presente all’interno del sito web dell’Inps, tramite l’area Portale delle Agevolazioni (ex DiResCo).

Solo nel caso di accoglimento della domanda di prenotazione dell’agevolazione, il datore di lavoro deve (se ancora non l’ha fatto) effettuare l’assunzione del lavoratore entro 10 giorni dalla data di comunicazione da parte dell’Inps dell’accoglimento e allo stesso tempo deve confermare la prenotazione effettuata.

Solo nel caso in cui quest’ultima viene autorizzata dall’Inps, il richiedente potrà definitivamente essere ammesso al beneficio.

Altre informazioni utili

Al fine di avere ulteriori dettagli inerenti agli incentivi per le assunzioni al Sud è possibile usufruire del testo integrale del DECRETO ANPAL relativo all’Incentivo Occupazione Sviluppo Sud.

Ricordiamo anche che la Legge di Bilancio 2019 ha introdotto diverse agevolazioni e diverse misure a favore dell’occupazione, dei lavoratori e delle imprese.

Puoi avere tutte queste informazioni inerenti alle misure previste dal provvedimento contattando il servizio di assistenza clienti dell’INPS.

Vi segnaliamo, infine, che il provvedimento conferma anche quanto disposto dal bonus Renzi, ovvero il credito di circa 80 Euro al mese a favore di tutti i lavoratori dipendenti o assimilati, aumentando le soglie di reddito previste per accedere al beneficio.

Migliori Piattaforme di Trading Online

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC / FCA / ASIC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: $250
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IC Markets Deposito: 200€
Licenza: AFSL/ASIC - FSA
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IG Markets Deposito: 0€
Licenza: FCA / CONSOB
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
DUKASCOPY EUROPE Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

IQ Option Deposito: 10 $
Licenza: CySEC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio
BDSwiss Deposito: 100 $
Licenza: CySEC - LLC - FSC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Lascia un Commento

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.