Dichiarazione dei redditi 2019: Modello 730/2019 o Redditi PF/2019? Differenze -caratteristiche – scadenze

Tempo di dichiarazione dei redditi? Non sai quale modello scegliere per la tua dichiarazione dei redditi? Non perderti questo nostro approfondimento grazie al quale potrai trovare tutte le differenze tra il modello 730 e il modello unico Redditi PF.

Li analizzeremo per te al fine di comprendere quelle che
sono le differenze e le caratteristiche dell’uno e dell’altro modello e quale
utilizzare per effettuare la dichiarazione
dei redditi per il 2019
.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

A questo punto, ti potresti chiedere quale modello potrò utilizzare per la mia dichiarazione dei redditi? Modello 730 o modello Redditi PF?

Il primo passo importante da compiere è capire quelle che
sono le differenze tra i due modelli.

Il modello 730 è un
modello conosciuto come la dichiarazione
dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati.

Il modello Redditi PF
(ex modello Unico) viene solitamente
inteso come il modello utilizzato dai possessori di partita IVA.

A seguito poi della pubblicazione della dichiarazione dei redditi precompilata 2019, che puoi trovare online a partire dal 15 aprile 2019, puoi analizzare dettagliatamente chi sono i
soggetti interessati al modello 730
e quelli che invece sono i soggetti interessati al modello Unico 2019.

Ricorda anche che tutti i contribuenti fiscalmente residenti in Italia sono obbligati a presentare,
annualmente, la dichiarazione dei redditi percepiti; vi sono però alcuni casi
di esonero i quali sono funzionali a determinare l’importo delle imposte dovute
e richiedere detrazioni e deduzioni fiscali riconosciute per legge.

Ecco il nostro scopo; analizzeremo sulla base dei redditi da dichiarare, quelli che sono i contribuenti obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi 2019 tramite il modello 730 e quelli che invece devono utilizzare il modello Redditi PF 2019 (Unico 2019).

>>Leggi anche: Modello 770 semplificato – ordinario: differenza

Dichiarazione dei redditi 2019: chi deve usare il modello 730

Per definizione il modello 730 è quel modello definito come la
dichiarazione dei redditi di lavoratori
dipendenti 2019 e pensionati 2019.

Il 2019 prevede la possibilità per le categorie di seguito
riportate, di utilizzare il modello 730
precompilato
o ordinario. Esse sono:

Pensionati e lavoratori dipendenti

Rientrano in questa categoria anche i lavoratori italiani che operano all’estero per i quali il reddito è determinato sulla base della retribuzione convenzionale che viene definita
annualmente con apposito decreto ministeriale.

Disoccupati e inoccupati

Tutti i soggetti che percepiscono l’indennità sostitutiva di reddito di lavoro dipendente; essa è
rappresentata da integrazioni salariali,
indennità di mobilità, ecc.

Soci di cooperative

Rientrano in questa categoria tutti i soci inerenti a cooperative
aventi ad oggetto:

  • Produzione e lavoro;
  • Servizi;
  • Agricoltura;
  • Trasformazione dei prodotti agricoli;
  • Piccola pesca;
  • Sacerdoti della Chiesa cattolica;
  • Giudici costituzionali;
  • Parlamentari nazionali;
  • Soggetti e altri titolari di cariche pubbliche
    elettive come:
    • Consiglieri:
      • Regionali;
      • Provinciali;
      • Comunali; ecc.
  • Persone impegnate in lavori socialmente utili.

Lavoratori a tempo determinato

Tutti i lavoratori precari, ovvero lavoratori con contratto
a termine con contratto inferiore a 12 mesi.

Questi contribuenti possono rivolgersi al sostituto d’imposta nel caso in cui il rapporto di
lavoro dura dal mese di aprile al mese
di luglio 2019.

Possono rivolgersi al centro
Caf-dipendenti
o presso un libero professionista
abilitato
, nel caso in cui il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di giugno al mese di luglio 2019 e
solo se si conoscono i dati del sostituto d’imposta che dovrà effettuare il
conguaglio.

Dipendenti delle amministrazioni pubbliche

Tutto il personale della scuola con contratto di lavoro a
tempo determinato. In questo caso i soggetti possono rivolgersi al sostituto d’imposta o anche ad un Caf-dipendenti o professionista abilitato, nel caso in cui il contratto dura almeno
dal mese di settembre dell’anno 2018
al mese di giugno dell’anno 2019.

Lavoratori con contratto co.co.co.

Tutti i lavoratori che posseggono un contratto di lavoro co.co.co.
collaborazione coordinata e continuativa
secondo quanto stabilito dall’art.art.
50, comma 1, lett. c-bis, del TUIR, per un periodo di tempo compreso tra il mese di giugno e il mese di luglio 2019 e conoscono i dati
del sostituto devono effettuare il conguaglio, presentando il Mod. 730 a un Caf-dipendenti o a un professionista abilitato.

Dipendenti agricoli

Tutti i produttori agricoli che sono esonerati dalla
presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta – Mod. 770, IRAP e
IVA.

In questo caso, possono presentare il modello 730 precompilato o ordinario, solo nel caso in cui lo
scorso anno, 2018, si sono percepiti i
seguenti redditi:

  • Redditi da lavoro dipendenti;
  • Reddito assimilato;
  • Redditi da terreni o fabbricati;
  • Reddito da capitale;
  • Redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta partita IVA;
  • Redditi diversi;
  • Reddito soggetto a tassazione separata.

In questi casi, i seguenti soggetti possono presentare il modello 730/2019 direttamente su Fisconline o tramite CAF e commercialisti.

Tutti i soggetti che provvedono a far questo, possono
usufruire di alcuni importanti vantaggi come ad esempio la possibilità di ricevere i rimborsi Irpef direttamente
in busta paga o nella rata di pensione.

Lo stesso dicasi per la dichiarazione
dei redditi
in cui emerge un debito; in questo caso, le imposte dovute
saranno trattenute direttamente dallo
stipendio o alla pensione.

Chi deve usare il modello Redditi PF 2019 (ex Unico)?

Il modello unico PF 2019 è un modello che possono presentare
tutti i soggetti che sono in possesso di partita IVA. A differenza del modello
730, il modello Redditi PF 2019 deve essere presentato da tutti i soggetti che nel
corso del 2018 hanno percepito i seguenti redditi:

  • Produzione di agroenergie oltre i limiti
    previsti dal decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66;
  • Da impresa, anche in forma di partecipazione;
  • Lavoro autonomo (per i quali è richiesta la
    partita IVA);
  • Lavoro autonomo secondo cui ai redditi, si
    applica l’art. 50 del Tuir (soci delle cooperative artigiane);
  • Diversi che non sono compresi all’interno di
    quelli indicati nel quadro D, righi D4 e D5;
  • Da plusvalenze, derivanti dalla cessione di
    partecipazioni qualificate o anche derivanti dalla cessione di partecipazioni
    non qualificate in società residenti in Paesi o territori a fiscalità
    privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati;
  • Provenienti da «trust», in qualità di
    beneficiario.

Sono soggetti anche alla presentazione della seguente
dichiarazione, tutti i soggetti che devono effettuare i seguenti versamenti:

  • IVA;
  • IRAP;
  • Mod. 770 (sostituti d’imposta);
  • Utilizzano crediti d’imposta per redditi
    prodotti all’estero diversi da quelli di cui al rigo G4.0

Sono altresì obbligati a presentare tale dichiarazione tutti
i soggetti che devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti
deceduti.

Quando chi presenta il modello 730 deve inviare anche il modello Redditi PF 2019?

E’ possibile inoltrare prima il modello 730 e successivamente anche il modello Redditi PF 2019 ma solo in alcune specifiche condizioni. In
particolare si tratta di soggetti obbligati a compilare alcuni quadri del modello Redditi 2019, inerente
al quadro RM
tutti i contribuenti che nel 2018 hanno percepito:

  • Redditi
    di capitale
    derivante da fonte estera sui quali non risultano applicate ritenute
    a titolo d’imposta secondo ci casi previsti dalla normativa italiana;
  • Interessi,
    premi e altri proventi derivanti da obbligazioni
    e titoli similari, pubblici e privati, per i quali non sia stata applicata
    l’imposta sostitutiva;
  • Indennità
    di fine
    rapporto da soggetti che
    non rivestono la qualifica di sostituto d’imposta;
  • Proventi
    derivanti da depositi a garanzia
    per i quali è dovuta un’imposta
    sostitutiva pari al 20%;
  • Redditi
    derivanti dall’attività di noleggio
    occasionale di imbarcazioni e navi da
    diporto assoggettati a imposta sostitutiva del 20%.

Compilazione del quadro RM

Ricordiamo anche che il quadro
RM
deve essere presentato al fine di indicare tutti i dati inerenti alla rivalutazione del valore dei terreni
operata nel 2018.

Compilazione del quadro RT

Devono invece compilare il quadro RT del modello Redditi
PF 2019
tutti i contribuenti che nel corso del 2018 hanno realizzato
plusvalenze derivanti da partecipazioni non qualificate ad esclusione di quelle
derivanti dalla cessione di partecipazioni in società residenti in paesi o
territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati
regolamentati e altri redditi diversi di natura finanziaria, qualora non
abbiano optato per il regime amministrato o gestito.

Si ricorda anche che lo stesso quadro potrà essere presentato,
in aggiunta al modello 730/2019, per
tutti i soggetti che nel 2018 hanno realizzato delle minusvalenze derivanti da
partecipazioni qualificate e/o non qualificate e dalle perdite relative ai
rapporti da cui possono derivare altri redditi diversi di natura finanziaria e
intendono riportarle negli anni successivi.

Questo quadro deve anche essere presentato al fine di indicare
i dati relativi alla rivalutazione del valore delle partecipazioni operata nel
2018 (art. 7 della legge n. 448 del 2001 e art. 2 del D.L. n. 282 del 2002 e
successive modificazioni).

Quadro RW

Sono obbligati a presentare il quadro RW inerente al modello
Redditi 2019
tutti i contribuenti
che nel 2018
hanno detenuto investimenti all’estero o attività estere di
natura finanziaria, come anche i contribuenti che sono proprietari o titolari
di altro diritto reale su di un immobili
situati all’estero
o che possiedono attività finanziarie all’estero ai fini
del calcolo IVIE e IVAFE.

In particolare, i quadri
RM, RT e RW
inerente al modello Redditi 2019 sono presentati, insieme al
frontespizio, tramite modalità telematica ed entro e non oltre la scadenza di presentazione
della dichiarazione.

Modello 730 e modello Redditi PF 2019: le scadenze della dichiarazione dei redditi

Altra importante differenza tra il modello 730/2019 ed il modello
redditi PF 2019
riguarda proprio la scadenza.

A tal proposito si deve ricordare che il modello 730/2019 potrà essere inoltrato
entro il 23 luglio 2019, a
prescindere che si utilizzi il modello 730
precompilato
e/o modello ordinario.

La scadenza viene anticipata
al 9 luglio
nel caso in cui si inoltra a dichiarazione dei redditi tramite
il sostituto d’imposta.

Per quanto riguarda invece la scadenza per la presentazione
del modello Redditi PF 2019 e dei
quadri aggiuntivi (RW, RM e RT) essa è fissata al 30 settembre.

In questo caso, si tenga presente che l’invio dovrà essere
effettuato esclusivamente in modalità telematica ad eccezione solo di quei
soggetti che preferiscono inviare la dichiarazione dei redditi presso gli
uffici postali a partire dal 2 maggio ed
entro il 1° luglio 2019.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni
ROInvesting
  • Licenza: CySEC
  • Sponsor A.C. Milan
  • Investi con Paypal
Formazione Trader Prova Gratis ROInvesting opinioni
Markets.com
  • Trading CFD con Marketsx
  • Metatrader 4 e 5;
  • Negoziazione di azioni con Marketsi
Ampia scelta di asset e piattaforme Prova Gratis Markets.com opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Lascia un Commento

Termini di ricerca:

  • 730 CON PLUSVALENZE
  • dichiarare il capital gain quadro unico pf 2019
  • 730/2019 PLUSVALENZA CESSIONE AZIONI
  • quadro rw 730 2019
  • redditi anno 2019 prodotti allestero e 730

Trading da mobile in sicurezza? Prova l'app AVATRADE GO con un conto demo gratuito.

Scopri di più
X
BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

etoro

Investi con fiducia sulla piattaforma leader mondiale di social trading

Unisciti ai milioni di trader che hanno scoperto il modo piu’ intelligente per investire copiando automaticamente i trader piu’ esperti.

Unisciti alla rivoluzione del social trading di eToro.

Condividi sulla community le tue strategie di trading e utilizza la funzione di CopyTrader™.

Ricevi $100.000 per fare pratica e migliorare le tue capacità di trading

Su ogni nuovo account eToro verrà accreditato $100.000 in un portafoglio virtuale, che ti consente di fare pratica senza rischi.

75% of retail investor accounts lose money when trading CFDs with this provider. You should consider whether you can afford to take the high risk of losing your money.