Bonus condizionatori 2018 con e senza ristrutturazione: proroga per il 2018

In questo approfondimento cercheremo di comprendere come muoversi all’interno del districati mondo degli incentivi e delle agevolazioni fiscali legate al bonus ristrutturazione.

Nel caso specifico tratteremo del bonus condizionatori, e delle diverse agevolazioni ad esse connesse con e senza legame alle ristrutturazioni.

Possiamo sin da subito dirvi che questo è stato possibile solo e soltanto a seguito della proroga voluta dal governo e valida per il 2018.

bonus condizionatori 2018

bonus condizionatori 2018

Cosa prevede il bonus condizionatori?

Il bonus condizionatori come anche la sua relativa detrazione fiscale per spese di ristrutturazione o risparmio energetico, è un bonus che è stato confermato per tutto il 2018.

Per usufruire di questo bonus, però si deve provvedere solo e soltanto con il pagamento tramite bonifico bancario parlante.

Ecco quindi che in questa guida cercheremo anche di comprendere tutte quelle che sono le indicazioni in merito, su cui si è espressa anche l’agenzia delle entrate, in merito alla detrazione fiscale sui condizionatori.

Ecco che sulla base di questo elemento e sulla volontà voluta dal governo di proseguire sul passo delle agevolazioni, non possiamo non considerare il risparmio energetico 2018, ed in particolare non possiamo non prendere in considerazione il bonus condizionatori.

Si potrebbe anche prendere in considerazione il fatto che le detrazione fiscale inerenti all’acquisto di condizionatori, avviene tramite rimborso in 10 rate di uguale importo per le spese opportunamente inserite nella Dichiarazione dei Redditi.

Devi quindi prendere in considerazione il fatto che l’acquisto, può avvenire sia a seguito di lavori di ristrutturazione, ma anche in seguito a lavori di innovazione e di efficienza energetica.

Attenzione, però perché il tutto deve avvenire tramite pagamento con bonifico bancario.

Al fine di richiedere il bonus spettante per l’acquisto di condizionatori, si deve distinguere il tipo di spesa eseguita entro e non oltre la data del 31 dicembre 2018.

Nello specifico:

Bonus condizionatori senza ristrutturazione

In questo caso, si deve prendere in considerazione il riferimento a lavori di ristrutturazione.

In pratica, puoi richiedere un primo bonus del 50% anche per l’acquisto di condizionatori.

La stessa percentuale, invece, potrà essere utilizzata per l’acquisto contestuale di mobili ed elettrodomestici per lavori di ristrutturazione, ma sempre e solo se il condizionatore appartenga ad una classe energetica A+.

Bonus condizionatori 2018 riqualificazione energetica

In questo caso, si parla di un bonus che spetta in merito alla proposta dell’ecobonus e che riguarda una detrazione maggiore del 65%, ma solo nel caso in cui esso viene considerato all’interno di un piano di riqualificazione energetica.

Laddove l’acquisto del condizionatore avviene a seguito di lavori eseguiti nell’immobile per favorirne una maggiore efficienza energetica e senza spese di ristrutturazione si potrà anche ottenere un bonus fiscale pari al 65% delle spese sostenute.

In questo caso, si deve prendere in considerazione tutte le spese che devono poi essere riportate all’interno del modello 730 del prossimo anno.

Tutti gli acquisti, potranno essere eseguiti anche sulla base del fatto che il contribuente esegue i lavori ed i pagamenti tra il 1° gennaio 2018 e il 31 dicembre 2018.

Su questo viene poi calcolata una diversa detrazione fiscale al 50% o al 65% in base alle spese eseguite.

Ecco che per far questo si devono prendere in esame le casistiche differenti che di seguito analizziamo:

  • Lavori di ristrutturazione;
  • Acquisto mobili ed elettrodomestici;
  • Lavori per bonus efficienza energetica.

Detrazioni fiscali acquisto condizionatori solo tramite bonifico parlante

Attenzione, però al fatto che le detrazioni fiscali sono valide fino al 31 dicembre 2018 ma solo per l’acquisto di condizionatori con pompa di calore e solo se lo si utilizza in questo periodo.

In breve esse sono pari al 50%, fino ad un massimo di spesa pari a 96.000 euro.

Le spese, dovranno essere opportunamente documentate e quindi devono prendere in considerazione il fatto che si devono conservare tutte le fatture, anche la fine di una eventuale verifica.

Anche se non sono eseguite all’istante le verifiche, il soggetto, potrà ottenere il rimborso, per un massimo di 10 quote annuali, ma solo laddove vi sia la richiesta da parte del contribuente in fase di dichiarazione dei redditi.

Un altro requisito obbligatorio che si deve possedere per accedere al suddetto bonus, è la predisposizione del pagamento solo mediante bonifico parlante.

Solo in questo modo, sarà possibile usufruire del bonus e deve essere previso sul bonifico la causale bonifico per detrazione installazione condizionatore.

Non vi sono invece ammissioni alcune in merito ad altri metodi di pagamento utili al fine di ottenere il nuovo bonus condizionatori 2018, in quanto tale tipologia è considerata valida ai fini della tracciabilità della transazione.

Acquisto condizionatori 2018 anche per lavori di efficienza energetica

Si consideri che il bonus è utile anche per l’acquisto dei condizionatori con una aliquota del 50% a seguito di lavori di ristrutturazione che potrà essere utilizzata in detrazione e solo su richiesta ed in presenza di specifiche condizioni.

Nel caso specifico, il condizionatore deve appartenere ad una classe energetica A+ o superiore.

In questo caso, il tetto massimo di spesa consentito per la detrazione, è pari a 10.000 euro.

Se invece non ci si trova in fase di lavori di ristrutturazione, tutti i contribuenti potranno richiedere ugualmente le detrazioni fiscali per l’acquisto di condizionatori nella misura del 65%.

In questo caso, si deve però necessariamente trattare di acquisti per migliorare l’efficienza energetica dell’immobile.

Si noti attentamente che in questi ultimi 2 casi, è necessario indicare le spese sostenute entro il 31 dicembre 2018 all’interno della prossima dichiarazione dei redditi.

Noi consigliamo anche di conservare ogni utile documento attestante l’acquisto ed eseguito dopo lavori di ristrutturazione o per il risparmio energetico.

Attenzione, infine ad eseguire tutti i pagamenti solo e soltanto tramite bonifico bancario, ovvero con la tracciabilità della transazione.

Se questo non avviene non si avrà diritto al bonus.

Potrebbero anche interessarti i seguenti approfondimenti:

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Social Trading CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Conto demo gratuito CySEC, MiFID Conto demo
Opinioni ITRADER
Conto Demo ECN gratuito - data feed completo FCMC - MiFID Conto demo
Opinioni DUKASCOPY EUROPE
Conto demo gratuito KNF (licenza polacca) Conto demo
Opinioni XTB
Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Conto demo gratuito CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Lascia un Commento

Termini di ricerca:

  • bonus condizionatori senza ristrutturazione agenzia entrate
  • bonus condizionatori 2018 senza ristrutturazione
  • causale bonifico condizionatori 2018 senza ristrutturazione
  • detrazioni condizionatori senza ristrutturazione 2018
  • detrazione condizionatore senza ristrutturazione
  • bonus condizionatori senza ristrutturazione
  • bonus climatizzatori senza ristrutturazione
  • bonus climatizzatori 2018
  • detrarre condizionatore senza ristrutturazione e riqualificazione
  • incentivi condizionatori 2018

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo