Veneto Banca – Popolare di Vicenza – MPS: nuovi salvataggi in arrivo da partedel governo

Da diverso tempo ormai siamo soliti sentir parlare di salvataggio delle Banche Italiane.

Questa volta toccherà a Veneto Banca e Popolare di Vicenza, e nuovamente alla Monte dei Paschi di Siena.

Per quanto ne sappiamo adesso, il salvataggio, potrebbe arrivare entro l’estate.

Al momento vi sono diverse ipotesi al vaglio del governo e diverse tattiche che stanno per essere messe in atto. Vediamo di cosa si tratta in questo nostro approfondimento.

VENETO BANCA

VENETO BANCA

Veneto Banca – Popola di Vicenza: salvataggio delle banche venete

banca-popolare-di-vicenza

Banca popolare di Vicenza

Non è delle migliori la situazione di Veneto Banca e della Popolare di Vicenza.

Non è neanche un buon momento per la MPS, che è già stata oggetto di salvataggi negli scorsi anni.

Questi 3 istituti hanno in comune il: “possibile salvataggio ” anche se al momento sono ancora in attesa di conoscere le decisioni dell’Europa che potrebbero chiarire gli esiti in merito.

In sostanza, ancora una volta spetta alla Commissione Europea esprimersi in merito alla richiesta di ricapitalizzazione precauzionale avanzata nuovamente dalla MPS e anche dalle banche venete.

Oggi, sulla base di quelle che sono stata le richiesta di ricapitalizzazione da parte di Veneto Banca e Popolare di Vicenza, la BCE ha stimato il capitale necessario al salvataggio in 6,4 miliardi di euro.

Spetta dunque alla Commissione europea valutare il caso di un possibile salvataggio di queste banche. Si dovrà anche pronunciare sulla richiesta di ricapitalizzazione avanzata e sull’ammanco di capitale necessario al loro salvataggio.

In breve Veneto Banca e Popolare di Vicenza si trovano oggi nelle stesse condizioni di MPS.

Veneto Banca e Popolare di Vicenza: salvataggio in arrivo?

banca_popolare_vicenza

Sulla base di quelle che sono le notizie in merito, un possibile salvataggio di Veneto Banca e Popolare di Vicenza dovrebbe essere definito entro l’estate.

Di questo ne è pienamente convinto, Fabrizio Viola il numero uno di Vicenza,  il quale ha cercato di mettere in evidenza l’attività svolta fino ad oggi per entrambi gli istituti veneti.

Al momento però non ci sono date certe in merito ad una possibile pronuncia da parte della BCE sulla questione in oggetto.

Anche Viola ha ribadito che al momento non è stato definito alcun calendario dei lavori in merito. Al contrario, si dice speranzoso che la Commissione europea si pronuncerà sulla richiesta di ricapitalizzazione entro l’estate.

Ecco quindi che la svolta tanto attesa di una nuova ricapitalizzazione degli istituti potrebbe arrivare nel giro di pochi giorni o comunque di poche settimane. Una volta ottenuto i via libera da parte della BCE, commenta ancora Viola, si potrebbe anche procedere alla fusione dei 2 Istituti.

Non ci resta dunque che attendere la pronuncia da parte della Commissione Europea.

Veneto Banca – Popolare Vicenza – Cattolica Assicurazioni

veneto-banca

Molto importante per gli investimenti finanziari è la fusione che abbiamo visto prima in merito ai due istituti.

A nostro avviso, sarebbe opportuno anche tenere sotto controllo Cattolica Assicurazioni.

Questa potrebbe giocare un ruolo decisivo per il salvataggio di Veneto Banca e di Popolare di Vicenza. Perché?

Per il semplice fatto che una alleanza tra Cattolica e Popolare di Vicenza ha diverse chance che consentirebbe all’istituto di credito di mantenersi in vita.

Già qualche tempo fa Cattolica Assicurazioni aveva espresso il suo parere favorevole a vendere a Popolare di Vicenza quote detenute nelle tre joint venture in partnership nella bancassurance.

cattolica-assicurazioni-

Questa mossa, potrebbe ha destato non poche preoccupazioni da parte della Banca vicentina.

Oggi, si parla nuovamente di un possibile accordo sul salvataggio di Veneto Banca e Popolare di Vicenza, con l’intenzione di Viola di ricucire lo strappo con Alberto Minali che dovrebbe essere a breve il nuovo presidente della Cattolica Assicurazioni.

Purtroppo tutto questo non ci è dato saperlo in tempi brevi.

Dovremmo aspettare ancora un po’ al fine di conoscere gli ultimi e definitivi sviluppi della vicenda.

In sostanza, in merito al salvataggio delle venete, la speranza è che si arrivi ad un accordo entro l’inizio dell’estate ormai alle porte.

Se l’accordo non arriva, se non vi sarà una decisione della BCE entro l’estate, Veneto Banca e Popolare di Vicenza non potranno sopravvivere se non per pochi altri mesi.

Veneto Banca, Popolare di Vicenza e MPS: quanto manca al salvataggio?

veneto_banca_

Queste 3 banche hanno in comune tra di loro:

  1. Il possibile salvataggio da parte delle BCE;
  2. In caso contrario, il fallimento totale.

Monte dei Paschi o banche venete ormai la situazione on cambia. Sono tutte in attesa e speranzose della pronuncia positiva da parte della Commissione europea.

Il salvataggio di MPS è molto importante per gli Italiani, i quali continuano a seguirlo con molto interesse anche perché, se unito a quello delle banche Venete, interessa l’intero sistema bancario italiano.

La domanda che ci poniamo ora è quella in merito al salvataggio. Quando arriverà?

Questo avvenimento è seguito con molta attenzione da tutti gli investitori, non solo Italiani, ma anche internazionali.
Da queste banche ne deriva anche l’oscillazione dei titoli della Borsa di Milano.

Purtroppo nel caso specifico della MPS ci troviamo a 5 mesi dal fallimento della soluzione privata, ad una possibile soluzione da parte dello Stato Italiano.

Veneto Banca, Popolare di Vicenza e MPS: salvataggio entro l’estate

banca-popolare-di-vicenza-

Quindi si sta già pensando alla ricapitalizzazione della Banca. Per questo però si deve attendere l’esito della Commissione Europa, che secondo indiscrezioni non dovrebbe arrivare oltre la fine di Maggio.

Allo stesso modo per le banche Venete. Non dobbiamo far altro che attendere le pronunce degli esperti in merito.

Non possiamo pronunciarsi su di una data certa come invece per la MPS che ormai è solo questione di giorni.

Per le banche Venete, la tempistica necessaria al salvataggio sembrano essere più delle speranze che delle notizie certe.

Al momento una cosa è certa: la situazione di:

  • MPS;
  • Veneto Banca;
  • Popolare di Vicenza;

continuano a tenere in ansia tutto il comparto finanziario italiano.

Non ci resta che attendere la prossima manovra finanziaria, dove potrebbe essere presente anche un aiuto alle banche in difficoltà da parte del Governo Italiano.

Veneto Banca, Popolare di Vicenza e MPS: salvataggio da parte del governo Italiano?

Pagani ha affermato nelle ultime ore che la decisione sul salvataggio di MPS dovrebbe giungere dall’Europa nelle prossime settimane.

Non vi sono novità in merito alle linee guida da parte della Commissione europea sugli aiuti di Stato che sarà poi seguita, dalla ricapitalizzazione della banca.

Ecco quindi il possibile salvataggio della Monte dei Paschi, che intanto è stata messa in sicurezza.

Non possiamo dire lo stesso invece per Veneto Banca e Popolare di Vicenza.

MPS: a quando il salvataggio? Parola a BCE

Passiamo ora ad esaminare nello specifico il caso della MPS.

Secondo quanto riportato dalle ultime notizie di stampa, la Nouy (BCE) avrebbe chiesto:

  • Tempi certi per il salvataggio di MPS;
  • discussioni aggiuntive;
  • nuovi dettagli in merito ai conti.

In breve la BCE vuole capire se le perdite registrate da MPS (169 milioni nel trimestre) sono o no realmente coperte da capitali privati.

Questo dato è molto importante proprio perché lo strumento della ricapitalizzazione precauzionale prevede una copertura statale solo su un ammanco ipotetico in uno scenario avverso.

Lo stato secondo quanto riportato dalle linee guida della BCE non potrebbe coprire perdite previste o prevedibili.

In merito a questo, le nuove discussioni sul Monte dei Paschi sono necessarie perché, gli stress test Eba su cui si basa lo shortfall di MPS non comprendevano un asset quality review pre-test.

Questo comporta per fora di cose la necessità di discutere in merito alle perdite subite dal Monte dei Paschi.

Se esaminiamo gli stress test, è possibile notare come la BCE ha stimato 8,8 miliardi di euro di capitale necessari al salvataggio di MPS.

La cifra ammonta invece a 6,4 miliardi per le banche venete.

Questi 3 istituti si trovano più o meno nella stessa situazione. Tutti e 3 gli istituti di credito stanno aspettando che l’Europa si pronunci sul proprio salvataggio.

Purtroppo la situazione creditizia e finanziaria dello stato Italiano non è delle migliori. Non è bella neanche la situazione delle Banche e non è dato sapere con certezza i tempi di attesa e di pronuncia per un possibile salvataggio.

Se le ultime indiscrezioni parlano del 24 maggio come data cruciale per le banche venete, per la MPS non ci sono date certe.

Veneto Banca, Popolare di Vicenza e MPS: investire con il trading online

mps-banche-

A nostro avviso uno dei migliori modi per non perdere i propri capitali è investire su questi 3 Istituti.

Attenzione

L’investimento di cui noi ti parliamo non riguarda il deposito di capitali su queste banche ma di fare trading online sui titoli bancari.

In questo modo, puoi investire sul rialzo o sul ribasso dei titoli bancari legati a questi 3 istituti e guadagnare sia quando il titolo perde e quindi al ribasso, sia quando il titolo è al rialzo.

Non sai come fare?

Nessun problema! Ti basta aprire un conto di trading online con una delle piattaforme di seguito riportate. Queste ti permettono di investire al rialzo o al ribasso anche con un conto demo o se preferisci con un conto reale.

Ti proponiamo questi broker, perché sono:

  • affidabili;
  • sicuri;
  • protetti;
  • garantiti;
  • regolamentati da organi di vigilanza internazionale.

Grazie al conto demo, puoi investire sui titoli di Veneto Banca, Popolare di Vicenza e MPS senza soldi.

etoro-social-trading-cfd

In pratica il conto demo è definito anche come simulatore di trading che ti permette di fare trading senza soldi, testare le strategie e capire il movimento dei mercati finanziari.

Solo dopo decidi se passare o meno al conto reale.

Se sei un trader principiante e vuoi imparare a fare trading allora, ti consigliamo di utilizzare il broker eToro.

Questo broker offre non solo un conto demo ma anche la possibilità di imparare a fare trading con un centro di formazione adeguato al tuo livello.

Infine, eToro ti permette di ottenere il massimo del trading online con il copy trader e il social trading.

Questi strumenti ti permettono di investire sugli altri trader e lasciare che loro facciano trading per te.

Approfondimenti sul trading online eToro

APRI UN CONTO

Apri un conto Demo eToro

Fai trading sui titoli bancari con il conto demo illimitato di eToro; eToro ti permette di guadagnare con il copy trading e il social trading.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Fibo Group
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Termini di ricerca:

  • banca popolare di vicenza e veneto banca salvataggi

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo