Bonus video sorveglianza: requisiti – domande e detrazioni

Il governo Renzi, prima di presentare le sue dimissioni, all’interno della legge di stabilità 2017 ha approvato l’estensione del Bonus videosorveglianza anche nel 2017. In questa guida ci occuperemo di comprendere meglio di cosa si tratta e di capire chi può farne richiesta, tramite le istruzioni di seguito riportare.

bonus-videosorveglianza-2017

Bonus videosorveglianza

Secondo quanto confermato dalla legge di Bilancio 2017, anche per il prossimo anno sono confermati tantissimi bonus famiglia e bonus a sostegno dei redditi medio bassi. Tra questi vi è anche il bonus videosorveglianza inerente al periodo d’imposta 2017.

Questo bonus è un bonus di nuova introduzione. Infatti ha fatto la sua prima comparsa nel 2016, inquanto presentato nella legge di stabilità 2016.

Il bonus videosorveglianza consta in un credito d’imposta per tutti i cittadini che sostengono un costo inerente la spesa per l’acquisto di sistemi di videosorveglianza, videocamere di sicurezza e vigilanza di casa privata.

Questo tema è molto importante sopratutto in questo periodo visto e considerato che si parla spesso nei tg di terrorismo e caos immigrati. Ecco perché il governo viene incontro a tutti i cittadini per la loro sicurezza, introducendo il bonus videosorveglianza.

Vediamo meglio di comprendere nel dettaglio cos’è il bonus videosorveglianza e come funziona, a chi spetta e come fare domanda per richiederlo.

Bonus videosorveglianza 2017: cos’è e come funziona il credito d’imposta?

Il primo punto da esaminare è: cos’è, come funziona il bonus videosorveglianza 2017?

Possiamo intendere il bonus videosorveglianza 2017 come una misura che è stata introdotta dalla Legge di Stabilità 2016 e che è stato confermato per il 2017 grazie alla legge di stabilità 2017.

Il bonus videosorveglianza prevede un credito d’imposta per tutti i cittadini che installano presso la loro abitazione:

  1. sistemi di videosorveglianza;
  2. telecamere;
  3. registratori audio-video;
  4. sottoscrivono contratti con agenzie di sorveglianza.

Tutti i soggetti che vogliono usufruire di questi servizi possono richiedere il bonus. Ricordiamo invece che tale incentivo fino al 2015 era compreso solo nel bonus ristrutturazione il quale prevedeva un credito di imposta pari al 50% delle spese sostenute al fine di installare sistemi di videosorveglianza (di vario tipo) .

Le cose invece sono cambiate a partire dal 1° gennaio 2016, quando a tutti i cittadini, è riservata la possibilità di acquistare  sistemi di videosorveglianza, telecamere, registratori audio-video o sottoscrivere contratti con agenzie di sorveglianza e fruire di un credito d’imposta.

Ricordiamo che per l’anno a venire questo incentivo è confermato.

Credito d’imposta-bonus videosorveglianza 2017: a chi spetta?

Un altro punto molto importante è inerente ai soggetti che possono usufruire del bonus videosorveglianza.

Secondo quanto previsto dalla normativa fiscale, sono soggetti destinatari della presente norma, tutti i cittadini privati che non sono titolari di partita IVA e che sostengono spese per la mesa in sicurezza della propria famiglia e della propria abitazioni.

In pratica si tratta ancora una volta di un’agevolazione fiscale che non può essere utilizzata dalle imprese. La norma parla chiaro :

  • l’emendamento afferma testualmente che:

    il bonus videosorveglianza vale solo per “persone fisiche non nell’esercizio di attività di lavoro autonomo o di impresa.

Importi del credito d’imposta inerente al bonus videosorveglianza 2017: quanto spetta?

Purtroppo al momento non è dato sapere l’importo spettante. Per questo si devono attendere ulteriori delucidazioni in merito da parte del governo. In sostanza si deve attendere l’apposito provvedimento attuativo il quale precisa importi del bonus videosorveglianza 2017.

Al momento, in base a diverse segnalazioni e indiscrezioni, possiamo dire che il Ministro Padoan, intende riconfermare il bonus videosorveglianza basato, come per altro per il 2016 sui seguenti 3 pilastri:

  • limite massimo di spesa sostenuta per l’installazione di telecamere digitali e dei contratti per le agenzie di vigilanza;
  • importo massimo di spesa per singola famiglie beneficiarie del credito d’imposta;
  • rilascio della certificazione e conformità alla legge sulla privacy.

Per l’installazione di tali impianti dunque è necessario rivolgersi ad aziende specializzate.

Argomenti che potrebbero essere di vostro interesse:

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Fibo Group
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Termini di ricerca:

  • bonus per vidrosorveglianza
  • bonus 100% sorveglianza
  • Che tipo dimposta è lI V A ? quiz

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com