Detrazioni fiscali del 50% per ristrutturazioni e patrimonio edilizio

Molto spesso sentiamo parlare di detrazioni fiscali per ristrutturazioni, senza comprenderne effettivamente il significato. Di seguito cercheremo di comprendere meglio cosa vuol dire veramente. Analizzeremo per altro i soggetti che possono usufruire della detrazione fiscale del 50% sulle spese di ristrutturazione e di recupero degli immobili, inerenti al patrimonio edilizio.

Vediamo quindi, quali sono i soggetti che possono usufruire della detrazione fiscali del 50% per le spese di recupero del patrimonio edilizio.

detrazioni-fiscali-50

Detrazioni fiscali del 50%

Ai sensi dell’articolo 16-bis del Tuir, possono usufruire della detrazione fiscale per le spese di recupero del patrimonio edilizio, tutti i soggetti passivi IRPEF che sono considerati cittadini italiani, ovvero residenti e non residenti nel territorio dello Stato, ma che possiedono o anche che solo detengono un immobile sul quale sono stati effettuati degli interventi di recupero.

Soggetti ammessi alla detrazione fiscale del 50%

detrazioni-fiscali-50-convivente-familaire

Sono considerati soggetti ammessi ad usufruire della detrazione fiscale:

  • titolare del diritto di proprietà; rientrano in questa categoria, il proprietario o il nudo proprietario;
  • titolare di un diritto reale sull’immobile oggetto di intervento; rientrano in questo caso, i soggetti titolari di usufrutto, uso, abitazione o diritto di superficie;
  • inquilino;
  • comodatario;
  • socio di cooperative a proprietà indivisa che sia assegnatario di alloggio;
  • socio di cooperative a proprietà divisa che sia assegnatario di alloggio anche nel caso in cui ancora non è titolare di mutuo individuale;
  • imprenditore individuale, ma solo nel caso in cui l’immobile oggetto di intervento non sia considerato come bene strumentale per l’esercizio di impresa e che non sia considerato come immobile merce;
  • soggetti indicati nell’art. 5 del TUIR, ovvero coloro che producono redditi in forma associata; rientrano in questa categoria le SRL, SNC, SAS, o altri soggetti ad essi equiparati, comprese le imprese familiari;
  • imprenditori individuali.

Detrazioni fiscali: modulistica

Nel caso in cui ad usufruirne delle detrazioni fiscali del 50% non sia il titolare dell’immobile, ma sia ad esempio l’inquilino, poiché è esso ad effettuare lavori, questo deve presentare apposita dichiarazione, rilasciata dal proprietario che da il consenso al possessore di iniziare l’esecuzione dei lavori.

In questo caso la detrazione, spetta al proprietario, e al promissario acquirente ma solo se si evince da atto preliminare di vendita stipulato, il cosiddetto compromesso. Per tanto egli deve:

  • dimostrare il possesso dell’immobile;
  • eseguire a sue spese gli interventi di recupero;
  • deve registrare il compromesso di vendita.

Altri soggetti beneficiari delle detrazioni fiscali: familiare

Possono essere altresì beneficiari delle detrazioni fiscali, i familiari, secondo quanto previsto dal C.M. n.121/E/1998 che afferma che la detrazione compete anche per i familiari del possessore o detentore dell’immobile. Anche in questo caso, tutti i lavori che vengono effettuati devono essere certificati, come anche devono essere certificati i rapporti di parentela. Per tanto possiamo considerare come familiari, il convivente che sostiene le spese e che si evincono da fatture a lui intestate e pagate con bonifici.

A tal proposito precisiamo che sono considerati familiari, secondo quanto disposto dall’art. 5, comma 5, del TUIR:

  • coniuge;
  • parenti entro il 3° grado;
  • affini entro il 2° grado.

Per poter usufruire delle detrazioni, per tanto è necessario che vi sian un titolo che attesta la disponibilità dell’immobile, ovvero che vi sia la condizione reale di familiare convivente; in questo caso non è richiesta l’esistenza di un sottostante contratto di comodato. Affinché si possa poi usufruire delle detrazioni, deve sussistere la convivenza fin dal momento in cui iniziano i di ristrutturazione, così come stabilito dalla risoluzione n. 184/E/2002 e circolare n. 15/E/2005.

ATTENZIONE: sulla base di quanto fin qui detto, non possiamo considerare come familiare del titolare dell’immobile, un soggetto che non abbia quei determinati requisiti. Nel caso in cui, un soggetto, sostenga le spese per gli interventi in questione potrebbe però, beneficare della detrazione secondo quanto stabilito dall’art. 16-bis del TUIR, solo e soltanto se se risultasse detentore dell’immobile in base ad un contratto di comodato.

Altri soggetti beneficiari delle detrazioni fiscali: convivente

E’ considerato, invece, titolare di detrazione fiscale anche il convivente, secondo quanto stabilito dalla risoluzione n. 64/E/2016 da cui si evince che il convivente more uxorio, il quale detiene le spese di recupero del patrimonio edilizio, (sempre e comunque certificate con fatture e bonifici) nel rispetto di quanto previsto dall’art. 16-bis del TUIR.

Di conseguenza, possiamo considerare il convivente come un familiare, che può usufruire delle detrazioni anche in assenza di un contratto di comodato. Il tutto è stato già specificato all’interno della Legge n. 76/2016 recante appunto la Regolamentazione delle unioni civili tra le persone dello stesso sesso e la disciplina delle convivenze che ha radicalmente mutato il quadro normativo di riferimento.

Sulla base della Legge n. 76/2016 possiamo equiparare al matrimonio le unioni civili ma non le convivenze di fatto, ovvero quelle costituite tra 2 soggetti maggiorenni che si sono unite stabilmente sulla base di legami affettivi di coppia e reciproca assistenza morale e materiale e che sono coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune.

Detrazioni fiscali: differenza tra convivente e coniuge

Precisazioni devono anche essere fatte in merito alle convivenze ed ai conviventi. In questo caso, possiamo precisare che sono stati riconosciuti alcuni specifici diritti spettanti ai soli coniugi; tra questi ricordiamo il diritto di visita, di assistenza e di accesso alle informazioni personali in ambito sanitario e nello specifico del nostro caso, il riconoscimento al convivente superstite del diritto di abitazione per un periodo determinato. Aggiungiamo anche che a questo è riconosciuta la successione nel contratto di locazione della casa di comune residenza nel caso di morte del conduttore o di un eventuale suo recesso dal contratto per cause diverse.

Sempre sulla base di quanto previsto dalla legge 76/2016, possiamo ricavarne che anche se non sono equiparate le convivenze di fatto alle unioni basate sul matrimonio, gli è stata attribuita specifica rilevanza giuridica a tale formazione sociale e per tanto si evidenzia l’esistenza di un legame concreto tra convivente e immobile destinato a dimora comune.

Detrazioni fiscali: opinioni conclusive

Infine, per concludere, possiamo dire che in base a quanto previsto dalla risoluzione n. 64/E/2016 la disponibilità dell’immobile da parte del convivente anche senza un reale contratto di comodato. Di conseguenza, il convivente che sostiene le spese di recupero del patrimonio edilizio, sempre che siano rispettati i criteri e le condizioni previste dall’art. 16-bis, può fruire della detrazione fiscali del 50% alla pari di un qualsiasi altro familiare convivente. Le spese ricordiamo devono essere sostenute solo e soltanto per interventi sull’abitazione di residenza, ovvero nella quale si esplica il rapporto di convivenza anche se diversa da quella di abitazione principale.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Termini di ricerca:

  • DETRAZIONE FISCALE PER STRADA DI ACCESSO ALLA PROPRIETà
  • detrazione fiscale 50% srl
  • blog detrazioni ristrutturazioni
  • bonifico parlante ristrutturazione appartamento cooperativa proprietà indivisa
  • detrazioni fiscali per ristrutturazione soci cooperativa divisa
  • imprenditore detrazioni e deduzioni ristrutturazione
  • investire oggi itisco detrazione 50

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo