Mps e Carige bocciate dagli stress test della Bce. Pronti nuovi aumenti di capitale per entrambe le banche

bce

Sono ben venticinque le banche bocciate in Europa, sulle centoventitre analizzate, grazie agli stress test effettuati dalla Banca Centrale Europea. La Bce ha messo sotto i riflettori gli istituti di credito del Vecchio Continente, con diversi test che sono durati circa 10 mesi. Da questi test l’attenzione per quel che concerne l’Italia, è stata posta su ben 9 banche, con il numero che scende solamente a 4 se andiamo ad eliminare quegli istituti di credito che hanno in precedenza rafforzato il patrimonio, entro la fine di settembre.

Andando ancora a spulciare i dati, le banche scendono addirittura a 2, se si vanno a considerare diverse altre operazioni che hanno inciso positivamente sul patrimonio. Secondo la nota diramata dall’European Banking Authority, 12 dei 25 istituti di credito europei che erano stati bocciati, hanno già coperto questo shortfall, grazie all’aumento di capitale per un totale di 15 miliardi nel 2014. Ora, quindi, rimangono ancora 13 banche, per un totale di 10 miliardi di euro di carenza di capitale.

mps

Questi 13 istituti di credito, ora, dovranno preparare piani di ricapitalizzazione entro e non oltre due settimane dall’annuncio ufficiale dei risultati, mentre saranno nove i mesi che avranno a disposizione per riuscire a rientrare, coprendo le carenze relative al patrimonio. E’ importante sottolineare che la Banca Centrale Europea richiedeva che il Cet1 fosse almeno dell’8%. Secondo i parametri degli stress test, gli scenari a disposizione erano ben due: il primo che chiedeva alle banche di dimostrare di avere almeno l’8% del capitale minimo, e l’altro peggiore, che richiedeva un grado di resistenza del 5,5%, sempre calcolato in base al patrimonio.

Le nove banche italiane che hanno ricevuto il semaforo rosso dalla Banca Centrale Europea sono: Banca MPS, Carige, Credito Valtellinese, Banco Popolare, Popolare dell’Emilia-Romagna, Popolare di Milano, Popolare di Sondrio, Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Come detto, di queste nove, cinque hanno già rimediato, andando ad intervenire sul patrimonio nel corso del 2014, come ha sottolineato la stessa Bce. Quelle che rimangono ancora in una situazione negativa sono: Banca MPS, Carige, Banca Popolare Milano e Pop. Vicenza.

Le ultime due, però, già nel 2014 hanno effettuato operazioni computate dalla Banca d’Italia, per andare a sopperire a queste mancanze, rafforzando appunto il patrimonio. Dunque, stando a quello che abbiamo detto sono solo due le banche italiane con un patrimonio in deficit, e sono: la Banca MPS per 2,111 miliardi (che scende a 1,35 al netto dei Monti bond) e la Carige per 814 milioni.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito Licenza CySEC - CONSOB Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC -CONOSB Conto demo
Opinioni 24Option
20€ gratis coupon Licenza CySEC - CONSOB - BaFin Conto demo
Opinioni eToro
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
20$ bonus Cash senza deposito Licenza CySEC - CONSOB - ASIC Conto demo
Opinioni XTrade
Conto demo gratuito Licenza FCA-CySEC-ASIC Conto demo
Opinioni Plus500
Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
10.000 $ CySEC - CONSOB Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC Conto demo
Opinioni BDSwiss
Conto demo CySEC - CONSOB Conto demo
Opinioni FaceOption

Luca M.

Lascia un commento

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com