Pagamento tasse: guida per correggere gli errori

tasse

E’ possibile rimediare agli errori commessi nel pagamento delle tasse? La risposta è sì, visto che l’Agenzia delle Entrate ha comunicato che sarà disponibile su Internet una guida per orientare i contribuenti italiani a rimediare ad eventuali errori nei versamenti dell’Irap, dell’Ires e dell’Irpef.

Nei casi di un “ravvedimento” attivo o “accondiscendenza” le sanzioni infatti saranno più che agevoli. Sarà possibile per tutti gli italiani scaricare infatti la guida completa alla voce “Agenzia delle Entrate 27/E” del 2 Agosto 2013. Ma in cosa consistono queste misure di “tolleranza” nei confronti dei contribuenti?

Ritardo breve: si tratta dell’imposta sull’ammanco del saldo complessivo. Il contribuente che versa il saldo (Irpef, Irap o Ires) con un mese di ritardo dovrà corrispondere una mora dello 0,4% solamente sulla parte mancante del versamento e non sull’intero saldo complessivo. Quindi qualsiasi versamento verrà visto come incompleto, ma non in ritardo. La sanzione quindi si applica solo sulla differenza tra la somma debita e quella già versata.

Un esempio pratico: ipotizziamo che un contribuente debba pagare un Irpef di 500 euro, ma ne versa 200 entro i 30 giorni successivi alla scadenza del pagamento e, quindi, con ritardo. La sanzione sarà del 30% sui 300 euro – cioè sulla differenza tra l’importo totale (500 euro) e il versamento effettuato (200 euro) – a cui verranno aggiunti i rimanenti 300 euro dovuti con gli interessi.

Quindi il contribuente deve pagare la somma del 30% sulla differenza, la parte rimanente da versare e i relativi interessi. Ma in caso di un “ravvedimento” attivo da parte del contribuente la percentuale si abbassa al 3%, oppure può pagare con una percentuale del 3,75% entro la data per la pubblicazione della dichiarazione inerente all’anno in cui è stato commesso l’ammanco. Tutto questo, però, solo e soltanto se il Fisco non avanza nessuna imputazione al contribuente.

Ravvedimento attivo: se, invece, nulla è già stato pagato e quindi il ravvedimento è stato insufficiente, si ricalcola il tutto a partire dal 16 giugno. Qualora il contribuente calcoli bene tutte le sanzioni e gli interessi, la percentuale è sempre del 30%. Quindi in base all’esempio precedente, se l’ammanco è di 300 euro, la percentuale sarà del 30% sui 300 euro.

La verifica del saldo: se il contribuente paga una somma inferiore al saldo dovuto, e c’è un avviso da parte dell’Agenzia delle Entrate a cui non si è ovviato (caso di accondiscendenza) si potrà saldare la questione con un versamento a patto che la differenza dovuta non sia esagerata.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Social Trading CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito Licenza FCA-CySEC-ASIC Conto demo
Opinioni Plus500
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo