Quantcast
Aumento salari Governo Letta - BlogFinanza.com

Aumento salari Governo Letta

La crisi economica la si affronta e la si supera non solo riformando le pensioni, ma garantendo anche uno stipendio più alto agli italiani. Sembra essere questa l’idea del governo Letta che, oltre ad impegnarsi sulla questione esodati e sui problemi sociali italiani, ha deciso di concentrarsi sull’aumento delle retribuzioni, sempre meno adeguati ed allineati al reale costo della vita.

? Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

euro

Ecco quindi che il premier del PD vuole redigere un piano dettagliato per venire incontro alle esigenze degli italiani. L’azione principale del nuovo esecutivo a guida Pd, Pdl e Scelta Civica, verterà sul taglio al cuneo fiscale, ossia sulla differenza tra lo stipendio lordo dato dalle imprese e quello netto che viene effettivamente percepito dai lavoratori.

La forbice, come ben sappiamo, è molto elevata ed è molto dannosa per il contribuente e, quindi, l’esecutivo a guida Letta vuole fare di tutto per ridurla e far si che i lavoratori possano guadagnare di più senza che le aziende debbano versare un solo centesimo di più. Il tutto, però, a spese dello Stato che, riducendo il cuneo fiscale, andrebbe di fatto a ridurre le entrate fiscali.

Un altro punto importante è quello che riguarda i salari minimi. In Italia, a differenza del resto d’Europa, questo fattore viene regolato dai contratti collettivi di lavoro che spesso però non riescono a soddisfare le esigenze di tutti e risultano a volte inadeguati.

L’impegno del Governo Letta deve quindi concentrarsi sul salario minimo e, secondo uno studio condotto da LaVoce.info anche su altri tre fattori che comportano un’inevitabile discesa degli stipendi. Il primo riguarda il lavoro in nero, una piaga sociale apparentemente comoda nel breve termine ma nel complesso molto dannosa.

Inoltre ci sono anche contratti anomali e precari che non sono coperti dagli accordi collettivi di lavoro e, infine, molte aziende pagano un salario minimo inferiore al normale. Questi tre punti non sono facili da affrontare e l’impegno del Governo dovrà essere assiduo e imponente.

Sull'autore

Luca M.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.