Dopo Cipro toccherà all’Italia? Ecco il prelievo forzato

Come ben sappiamo, nella serata di venerdì, si è sparsa la voce che la troika (Bce, Ue e Fmi) ha approvato un pacchetto di aiuti a Cipro che ammonta a 10 milioni di euro. La richiesta iniziale era di 17, ma i tre “tenori” hanno ridotto l’esposizione di 7 miliardi. Dove saranno presi questi soldi non dati? Semplice, dalle tasche dei correntisti.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

500 euro

E questa volta non si tratta di far polemiche o di ipotizzare soluzioni indirette. Quello che sta avvenendo a Cipro, ricordiamo che oggi è attesa la decisione del Parlamento cipriota, è una misura senza precedenti che, in più, rischia proprio di causare un precedente dannoso e molto lesivo alla libertà di uno Stato. Nell’Eurozona c’è, a malapena, un’unione economica e qui, invece, si va già verso una dittatura fiscale-finanziaria.

La scelta della troika, infatti, è quella di imporre a Cipro, per ottenere gli aiuti, un prelievo una-tantum sui depositi con aliquota differenziata tra chi ha sopra e chi ha sotto i 100 mila euro. Insomma, uno stupro economico in piena regola. Un conto in banca non va confuso con un investimento. E’ la proprieta’ a cui tutti abbiamo diritto.

Il quotidiano tedesco Handelsblatt avanza già uno scenario aggiuntivo: quello di estendere l’obbligo di questa misura all’Italia. Secondo il chief economist di Commerzbank, la mediana dei patrimoni italiani è di 164mila euro, mentre nell’economia austriaca la mediana è del 76mila euro. Noi, nel nostro piccolo, ricordiamo che la mediana non è sinonimo di ricchezza, come può essere la media, ma semplicemente di più o meno uguaglianza.

Questo significa che in Italia, in teoria, con un’aliquota del 15% sul patrimonio la crisi del debito potrebbe rientrare. Basti pensare che i beni netti degli italiani sono equivalenti al 173% del Pil, paragonati al 124% della Germania. Avrebbe insomma senso, secondo l’economista, “imporre in Italia una tassa sul patrimonio una tantum”.

“Un’aliquota del 15% sugli asset finanziari sarebbe sufficiente a spingere il debito governativo sotto la soglia critica del 100% del Pil”.

Eccolo il ‘new deal’ in salsa europea. Testare la capacità di sopportazione dei ciprioti (e dei russi che hanno depositi ingenti nell’isola) nel nome della messa in ordine i conti. Sempre nella speranza che lo scontento e rabbia della gente non sfoci in guerre civili.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTrade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Broker con più regolamentazioni
Copy trading
Segnali di Trading
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

X
BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.