La ricchezza mondiale: come staremo nel 2030? Peggio della Turchia e della Nigeria

Come sarà distribuita la ricchezza mondiale tra vent’anni? Chi sarà il Paese più ricco, in termini di Parità di potere d’acquisto (Ppp)? Nel 2030 a dominare le scene mondiali sarà la Cina. Gli Stati Uniti, pur perdendo il primato, resteranno stabilmente al secondo posto, che dovrebbero mantenere fino al 2050. Sempre che, nel frattempo, non intervengano pesanti fattori di instabilità macro economica e politica.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Ricchezza-mondiale

Nel 2030, comunque, le classifiche dovrebbero essere riviste: il G7, infatti, dovrebbe venire sostituito dall’E7 con la riscossa dei paesi emergenti. Il Brasile sarà al sesto posto, davanti alla Germania ed a seguito della Russia. Mentre il Messico salirà davanti a Gran Bretagna e Francia.

L’Indonesia e la Turchia saranno davanti all’Italia, che invece nel 2011 era ancora al decimo posto, davanti al Messico e subito dopo la Gran Bretagna. Stabile, al terzo posto, l’India: è il punteggio che aveva già nel 2011 e che manterrà almeno fino al 2050.

Certo, misurare la ricchezza di un paese è un’operazione molto complessa e le classifiche possono variare in modo anche radicale, a seconda dei parametri usati. La Pwc ha scelto di usare, per misurare le aree in cui si vive meglio dal punto di vista economico, il criterio del Pil calcolato come Parità di potere d’acquisto. Evidententemente consapevole delle possibili obiezioni a qualsiasi metodo, la Pwc spiega nelle note che “in generale, il Pil a Parità di poter d’acquisto è un miglior indicatore del tenore di vita medio o dei volumi di produzione o di importazione”.

Ebbene, secondo questo criterio, il declino dell’Italia è abbastanza continuo: si passerà dal decimo posto del 2011 al tredicesimo del 2030 al quattrodicesimo del 2050, quando secondo lo studio della Pwc saremo superati anche dalla Nigeria (probabilmente in questo caso valgono molto i volumi di esportazioni).

Ultima della classe l’Argentina, che passerà dal diciannovesimo al ventesimo posto già nei prossimi venti anni, mentre l’Arabia Saudita scalerà al rialzo qualche posizione. E il Giappone? Ad onta delle statistiche che danno in stagnazione semi-perenne il paese del Sol Levante, il Giappone manterrà il quarto posto, per scendere al quinto solo tra quarant’anni.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • 100% Azioni – 0 Commissioni
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni
ROInvesting
  • Licenza: CySEC / MiFID II
  • A.C. Milan PARTNER
  • Investi con Paypal
Formazione Trader Prova Gratis ROInvesting opinioni
101Investing
  • Licenza: CySEC
  • Gran numero di valute e criptovalute
  • Deposito min: 100 €
Gran numero di valute e criptovalute Prova Gratis 101Investing opinioni

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

X
BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.