In Europa è concorrenza fiscale: ecco dove si pagano meno tasse

La Francia non si è fermata alla volontà di tassare al 75% i ricchi ed ha deciso di avviare una modifica agli accordi fiscali con la Svizzera. Una volontà che il ministro delle finanze di Berna, Vaud Broulis Pascal, ha definito “una dichiarazione di guerra”.

La Francia, infatti, non intende più offrire ai transalpine che abitano in Svizzera il beneficio della “doppia imposizione”, una possibilità sancita da una convenzione siglata nel 1966. Con quell’intesa, la Francia permetteva ai propri cittadini residenti in Svizzera di pagare le tasse nel Paese d’adozione, a patto di sborsare un tasso fisso sui dividendi.

Quello tra Svizzera e Francia è solo la dimostrazione più evidente del crescente divario fiscale che sta emergendo nei Paesi europei. Il dibattito, anche se in modo un pò grottesco, è stato lanciato da Depardieu, in fuga dalla sua Francia verso la Russia. Questo processo, però, lo stanno attuando milioni di cittadini in tutto il Vecchio Continente.

Kpmg ha stilato una classifica degli Stati dove si pagano meno tasse prendendo in considerazione esclusivamente i redditi imponibili e, quindi, escludendo le imposte sui patrimoni. La Svizzera è sempre imbattibile ed il podio è completato da Olanda e Lussemburgo.

Oltre a questi, però, sono Francia e Germania i più convenienti, anche se solo per chi ha redditi inferiori ai 100 mila euro. Per quelli più alti l’eldorado è rappresentato da Svizzera, Slovacchia e Lussemburgo. I Paesi più cari per le imposte sulle persone fisiche sono invece Svezia e Danimarca, anche se c’è da sottolineare come il modello “nordico” è caratterizzato da un livello altissimo di welfare.

I tentativi di attirare nuovi facoltosi contribuenti non mancano di certo: la Spagna, prima del crollo finanziario dello scorso anno, assicurava a chi guadagnava più di 600 mila euro un’aliquota del 24-25% per i primi 5 anni. Ed è ciò che ha favorito i mega acquisti delle società di calcio iberiche, Real Madrid con Cristiano Ronaldo e Kakà su tutti.

Una strada simile è stata scelta dalla Gran Bretagna: Londra ha abbassato l’aliquota sulle imprese di 2 punti (al 24%) e mira a tagliarla di un ulteriore punto percentuale all’anno. La tassazione irlandese al 12,5% ha fatto scuola: le mini-aliquote sulle imprese di Cipro e Bulgaria hanno attirato molte aziende greche, in fuga dalla recessione.

Atene, in compenso, sta valutando la possibilità di azzerare i prelievi fiscali sulle pensioni degli stranieri che decidono di trasferirsi in Grecia.

Migliori Piattaforme di Trading Online

eToro Deposito: 200 $
Licenza: CySEC / FCA / ASIC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets.com Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: $250
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
DUKASCOPY EUROPE Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

IQ Option Deposito: 10 $
Licenza: CySEC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio
BDSwiss Deposito: 100 $
Licenza: CySEC - LLC - FSC
Profitto:
FAI TRADING
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com