Quantcast
Un'altra idea di Washington sul caso dei mutui

Un’altra idea di Washington sul caso dei mutui

bollaimmobiliare
Gli analisti statunitensi sono di nuovo in subbuglio, per quella che definiscono un’altra “buona” idea dei geni al governo. Quindi sarcasticamente sostengono che l’amministrazione Obamarama voglia “davvero” aiutare i proprietari le cui case non valgono ciò che hanno preso in prestito per acquistarle. Il problema è sempre quello legato ai mutui elargiti ai proprietari di case che si trovano sommersi dal loro mutuo e che erano assicurati dagli istituti Fannie Mae e Freddie Mac, sponsorizzati dal governo. Questi istituti di assicurazione per i mutui immobiliari fanno parte delle imprese che il governo degli Stati Uniti ha dovuto prendere in consegna, quando nel 2008 è scoppiata la bolla dei mutui.

In realtà, continuano, questi geni possiedono o assicurano quasi la metà di tutti i mutui per l’acquisto degli immobili negli Stati Uniti. Ovviamente, a loro piace scommettere in grande. Solo che non hanno puntato da soli, ma hanno giocato tutto il paese e l’intero sistema.

Gli ideatori, manco  dirlo, sono sempre le banche, quei creditori ipotecari dei mutui prime e subprime,che stavano distribuendo prestiti su prestiti. Gli istituti Fannie e Freddie piano piano li hanno acquistati tutti dalle banche. Per non dimenticare, è proprio da questo giro che tutti i soldi provenivano per svanire nel turbinio che ha alimentato la bolla dei mutui, complice le politiche dei tassi di interesse bassi.

Quindi, Fannie e Freddie si sono ritrovati con mutui in sofferenza ed i geni del governo hanno pensato di rifinanziarli tutti ad un tasso inferiore. Ma il problema è che e persone non riescono a starci dietro. Le banche non consentono di accendere prestiti da loro. Sarebbe stupido da parte loro, dare del denaro sapendo che probabilmente faranno molta fatica per farselo rendere. E tutti sappiamo le banche non sono stupide.

Ma, a quanto pare, questo discorso va bene per Fannie e Freddie a fare. Perché? Perché non si prendono un rischio aggiuntivo. Sono già reparti governativi insolventi. Quindi sono i contribuenti che si stanno assumendo il rischio aggiuntivo, aiutando i mutuatari a ridurre i pagamenti, consentendo loro il rifinanziamento.

? Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Sull'autore

Luca M.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.