Conto Corrente VS Conto deposito: quale scegliere? Guida completa – differenze

Molto spesso sentiamo parlare di Conto corrente e di conto deposito. Non tutti però sanno che questi 2 strumenti sono le soluzioni migliori e più facili per il proprio risparmio.

In questa guida ci occuperemo di capire quale tipo di conto conviene aprire sopratutto se si tratta di un piccolo risparmiatore, come ad esempio un giovane lavoratore che ha iniziato da poco a lavorare ed avere il proprio stipendio. In questo momento, girare con tanti soldi in tasca non è conveniente, ecco perché è molto importante capire innanzitutto come aprire un conto corrente

Molti risparmiatori oggi,  non vogliono tenere centinaia di euro nel comodino della camera e magari sperare di risparmiare qualcosa al fine di comprarsi qualcosa affidando momentaneamente i soldi ad un istituto di credito. Anche in questo caso scegliere il giusto investimento e la giusta banca è molto importante. Ecco perché consigliamo di approfondire l’argomento in questione seguendo i nostri consigli all’interno della categoria Investire OGGI.

Sono in tanti gli italiani che vogliono investire diversificando il proprio portafoglio, sopratutto negli ultimi anni, facendo crescere la coscienza critica dei risparmiatori. in molti stanno puntando al trading online e all’investimento nel trading Forex o nel trading binario, ma noi in questa goda ci occuperemo solo dei conti depositi e dei conti correnti, rinviando ad altra sezione tale approfondimento.

conto-deposito-migliore

Conto corrente o conto deposito: quale scegliere?

In breve, al fine di valutare se convenga aprire un conto corrente o un conto deposito, possiamo dire che un conto deposito conviene aprirlo solo quando si pensa di mettere lì i soldi e non prenderli per piccole operazioni.

Al contrario invece è conveniente aprire un conto corrente quando si prevede di effettuare delle piccole operazioni come ad esempio:

  • accredito dello stipendio;
  • accredito pensione;
  • pagamento utenze;
  • pagamento tramite bancomat o carta di credito.

Oggi giorno 1 italiano su 2 ne possiede uno; in pratica è divenuto essenziale per ognuno di noi grazie anche alla diffusione capillare della rete e alle banche online, le quali offrono anche conto correnti a canone zero o Conto Deposito online, come ad esempio conto arancio e conto deposito arancio, conto deposito mediolanum, ecc.

Conto Corrente VS Conto Deposito: differenze

In base alle operazioni che si devono effettuare è opportuno scegliere un tipo di conto piuttosto che un altro. In questo caso, è opportuno distinguere 2 funzioni differenti ma molto importanti in termini di uso e di operazioni che si possono eseguire:

  1. il conto corrente è operativo: ovvero si possono gestire i propri soldi al fine di disporre pagamenti, o anche vedersi addebitate le bollette e ricevere stipendio o pensione;
  2. il conto deposito è destinato a fruttare nel tempo, in quanto rappresenta una modalità di investimento a basso rischio e che propone un tasso di interesse sul capitale investito corposo rispetto al conto corrente.

L’apertura di un conto corrente permette di:

  • emettere assegni a favore di un altro beneficiario;
  • disporre bonifici a favore di terzi con addebito direttamente sul conto corrente;
  • pagare utenze;
  • pagare tasse grazie anche alla domiciliazione bancaria (RID);
  • usare Carte di debito e Carte di Credito;
  • richiedere un finanziamento;
  • richiedere un fido per una certa somma pattuita;
  • chiedere un prestito da restituire a rate;
  • utilizzare cassette di sicurezza o custodia in depositi chiusi;
  • investire i risparmi attivando un dossier titoli dando mandato alla banca per gestirli.

Il conto deposito, invece si differenza da conto corrente per:

  • strumento di risparmio;
  • non permette di prelevare con carta o bancomat;
  • non permette di effettuare pagamenti con bonifico o tramite assegni;
  • prevede operazioni di versamento di denaro;
  • prevede il prelievo del denaro tramite addebito sul conto corrente d’appoggio, ma mai in contanti o presso lo sportello della banca.

Conto corrente e conto deposito: garanzie sul conto

In Italia, in base anche agli ultimi sconvolgenti scandali legati alle banche, i risparmiatori hanno perso fiducia negli istituti di credito e quindi si è cercato di correre ai ripari.

Il governo ha messo in atto infatti, un Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi del Credito Cooperativo, utile a tutelare i soldi versati sui conti correnti e sui conti deposito sino ad un massimo di 100.000 € per intestatario, che scende a 50.000 € in caso di conto cointestato per cointestatario.

Nel caso in cui il conto ammonta a 200.000 € a ciascun soggetto spetta una garanzia di 100.000 € ma solo se i correntisti non abbiano altri rapporti presso la stessa banca.

Maggiori approfondimenti sono disponibili in: Bail-in: crisi bancaria (MPS) Monte dei Paschi di Siena, ATLANTE, decreto salva banche, consigli per salvare i risparmi

Leggi anche: Banche a rischio in Italia 2017: quali sono a rischio bail in?

Conto deposito: cos’è?

Dalla metà degli anni novanta in Italia il conto deposito ha subito un forte aumento delle sottoscrizioni, grazie ad internet che tramite i conti bancari online, ha contribuito a far crescere questo fenomeno.

Oltre ai conti correnti tradizionali, infatti, gli istituti bancari offrono anche la possibilità aprire un conto deposito che rappresenta un vero a proprio contratto stipulato con la banca in cui chi lo apre ci può versare somme di denaro più o meno ingenti.

Differisce dal conto corrente bancario in quanto i servizi che offre includono solo il deposito e il versamento di denaro, a differenza del conto corrente che permette di effettuare pagamenti, bonifico e giroconto.

A differenza di come pensano molte persone, il conto  deposito, denominato anche conto di liquidità, non è un sistema d’investimento a breve termine, ma permette di ottenere un’alta rendita senza rischio.

Il conto deposito non può essere aperto da solo, ma dev’essere abbinato, ad un conto corrente attraverso cui è possibile effettuare il trasferimento di denaro, sia in entrata che in uscita, tra uno e l’altro.

conto-deposito-mediolanum

Conto deposito: tipologie diverse

Vi sono 2 tipi di conti di deposito:

  1. il conto di deposito libero, in cui la somma depositata è disponibile in qualsiasi momento:
  2. il conto di deposito vincolato, in cui la somma depositata può essere ritirata dal titolare del conto al termine del periodo prestabilito da contratto (in genere il periodo è compreso tra 1 mese e i 3 anni).

Inutile dire che qualora si voglia rescindere il contratto in anticipo rispetto alla scadenza è previsto il pagamento di una penale.

Il conto deposito permette di aumentare il proprio capitale depositato grazie agli interessi che gli istituti bancari applicano sulle somme.

Utilizzando il conto di deposito vincolato, è facilmente calcolabile la cifra che sarà a nostra disposizione al termine del periodo prestabilito, basterà infatti fare un breve calcolo matematico in base al tasso di interesse applicato dalla banca.

Gli istituti bancari che offrono conti di deposito online, avendo meno spese rispetto agli istituti bancari che con l’apertura delle filiali ha costi del personale presente in agenzia e allo sportello, propongono servizi più vantaggiosi economicamente, accollandosi tante volte le imposte di bollo ed eventuali spese che le banche in genere accollano al cliente.

Miglior conto deposito 2016 – 2017: quale scegliere?

Proprio per questo motivo, chi ha intenzione di aprire un conto di deposito dovrebbe fare attenzione ai tassi d’interesse proposti dai vari istituti bancari come Conto Arancio, Ing Direct, che è un conto di deposito libero completamente gratuito e a zero spese che propone un tasso d’interesse pari a 1,20% per i primi 12 mesi, ed essendo libero i soldi sono disponibili in qualsiasi momento.

CheBanca invece propone un conto di deposito vincolato fino a 12 mesi in cui i tassi d’interesse erogati dalla banca possono raggiungere l’1%.

Altra buona opportunità per un conto deposito Mediolanum che fa arrivare i propri interessi fino al 1,40% lordo sulle somme vincolate, offrendo zero spese di gestione conto.

Il conto deposito si può sottoscrivere anche presso le banche che si trovano nel vostro paese. Se quindi già siete in possesso di un conto corrente bancario e pensavate di creare una sorta di investimento per il futuro, informatevi presso il vostro istituto bancario, e richiedete un conto di deposito da abbinare al vostro conto corrente.

Inizierete così a risparmiare in modo sicuro e senza rischi, mese dopo mese. Al termine del periodo vincolato potrete avere a vostra disposizione una cospicua somma di denaro che potrete decidere se utilizzarla per fare qualche spesa o reinvestirla in un altro deposito.

Conto deposito: vantaggi

I conti depositi, hanno numerosi vantaggi; tra questi i più importanti sono:

  • non dover vincolare i soldi e la cifra è sempre disponibile e può essere prelevata in qualsiasi momento;
  • non si devono sostenere spese relative all’imposta di bollo annuale sul capitale e sugli interessi maturati;
  • non prevedono costi per la gestione;
  • non prevedono costi di apertura e chiusura;
  • non prevedono garanzie ed aprire un conto deposito è relativamente semplice e facile.

Per aprire uno di questi conti, lo abbiamo detto prima e qui lo ripetiamo è necessario possedere un conto corrente aperto presso lo stesso istituto e che funzioni come conto di appoggio, utile per altro allo svolgimento di tutte le funzioni del conto.

Conto deposito: document richiesti

Al fine di aprire un conto deposito, si devono fornire i seguenti documenti:

  • documento di riconoscimenti in corso di validità;
  • codice fiscale;
  • conto corrente tradizionale.

La legge stabilisce inoltre per tutti gli istituti bancari, di identificare il titolare del conto. Anche nel caso di conto corrente online, è necessario identificare il soggetto. In questo caso avviene nel momento in cui si apre un conto d’appoggio.

Ricordiamo infine che sui conti deposito è possibile versare la somma che si desidera ma, non è possibile prelevare una somma superiore come invece avviene per i conti correnti nel caso si è stabilito un fido.

Come aprire un conto deposito?

conto-deposito-arancio-

Abbiamo detto che i conti deposito presentano un rischio bassissimo ed hanno una buona resa. Aprire un conto deposito, è non solo conveniente ma anche semplice da eseguire. Nella maggior parte dei casi, grazie alle banche online è possibile aprirlo comodamente da casa, o anche dal proprio telefono.

Per aprire un conto deposito è necessario possedere solo 2 requisiti:

  1. essere maggiorenne;
  2. possedere un conto corrente.

Attenzione: oggi è anche possibile aprire un conto corrente anche presso una banca differente rispetto a quella in cui si decide di aprire un conto deposito.

Ovviamente, così come qualsiasi altro investimento finanziario, è bene valutare i costi ed i rendimenti offerti dai vari prodotti, comparando tra loro quelli dei diversi istituti.

A seconda dell’istituto scelto potremo aprire il nostro conto deposito allo sportello, online o tramite telefono.

Bisogna avere con sé tutti i documenti su elencati ed il codice Iban del conto d’appoggio. Importante, poi, è farsi stampare o inviare per posta una copia del contratto da firmare.

L’ultimo passo è l’attivazione del conto, che normalmente avviene con un primo bonifico inviato dal conto corrente al conto deposito.

Una volta attivo il conto, il titolare deve scegliere il tipo di conto deposito che si vuole aprire, scegliendo tra conto deposito vincolato o libero, secondo le differenze su riportate. Ovviamente vincolandole l’interesse che ne risulterà sarà maggiore, ma sarà bene analizzare le spese al fine di comprendere quanta liquidità avremo bisogno per i prossimi anni.

Conto deposito: liquidazione interessi

Per quanto riguarda invece gli interessi maturati su di un Conto Deposito, ricordiamo che questi vengono erogati con cadenza mensile, trimestrale o annuale e varia in base alla tempistica di liquidazione offerta dalla propria banca. In questo caso è possibile beneficiare, anche di un accredito anticipato degli interessi al fine di sottoscrive un vincolo del capitale per 3, 6 o 12 mesi.

Nel caso invece di conto corrente, la liquidazione degli interessi avviene con cadenza trimestrale. Ricordiamo infine che consultare il foglio informativo presso la propria filiale prima di aprire un conto è obbligatorio, in quanto permette di conoscere con contezza le specifiche di ogni prodotto.

Il foglio informativo è reperibile anche sul portale della banca.

conto deposito

Conto titoli: cosa è?

Questo particolare tipo di conto, è quello che in gergo definiamo come conto di appoggio associato ad un conto corrente su cui è possibile trasferito il denaro che si vuole investire.

Il conto titoli di norma viene attivato insieme alla sottoscrizione di un investimento e dipende anche dalle condizioni della Banca. Attenzione poi al fatto che il conto titoli serve solo per gli investimenti.

Conto Deposito: eccezioni

Alcune tipologie di conto Deposito possono essere utilizzati anche per vedersi accreditati stipendi e pensioni. In questo caso, si tratta di conti correnti che permettono di apporre il vincolo su importi e ottenere dunque un maggior guadagno.

In breve rappresenta una via di mezzo tra conti corrente e conti deposito.

Interessi sui conti deposito

Un’altra precisazione deve essere fatta in merito a conti correnti e al tasso di interesse il quale non è contemplato e solitamente non è mai superiore allo 0,5%. Vi sono poi molti conti correnti online legate a gruppi bancari internazionali, che permettono di ottenere rendimenti su giacenze medie di importi superiori a 5.000 € euro con interessi trimestrali.

Ricordiamo anche che il conto Deposito garantisce ai risparmiatori dei rendimenti crescenti in relazione anche alla durata temporale crescente del vincolo apposto ai propri risparmi.

Purtroppo oggi come oggi, i rendimenti che arrivano dai conti deposito non sono particolarmente remunerativi ed hanno tassi di interesse maggiori rispetto a quelli del conto corrente anche senza vincolo.

Argomenti ed approfondimenti che potrebbero essere di vostro interesse:

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Social Trading CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito Licenza FCA-CySEC-ASIC Conto demo
Opinioni Plus500
Bonus speciali Central Bank of Ireland Conto demo
Opinioni AVATRADE
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Lascia un Commento

Termini di ricerca:

  • conto deposito mediolanum

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo