Dove investire nel 2017 secondo JP MORGAN

Che hanno sarà il 2017 per i trader? In attesa di toccare con mano quel che accadrà nei prossimi mesi, giova ricorrere alla lettura di alcune delle principali analisi da parte degli osservatori più autorevoli e accreditati nel mondo dell’asset management, in grado di fornire alcuni utili spunti di discussione per cercare di anticipare quali saranno le tendenze evolutive dell’anno.

È oggi la volta di comprendere che cosa si attende per il 2017 JP Morgan Asset Management, che negli ultimi giorni è intervenuta sui media internazionali attraverso il proprio Managing Director e Chief Market Strategist per la Gran Bretagna e l’Europa, Stephanie Flanders.

  dove-investire-2017

Investire oggi (2017) conviene? Un anno non proprio semplice

Dalle ricche dichiarazioni del manager di JP Morgan emerge – ma non è certo una novità! – che il 2017 sarà un anno molto complesso da decifrare e da digerire. Colpa, in buona parte, dei tanti avvenimenti che nel corso dei mesi andranno a intaccare la serenità dei mercati finanziari, come

  • eventi politici: il calendario delle elezioni europee è quanto mai ricco e potrebbe riguardare anche il nostro Paese;
  • misure politiche: ’attesa crescente nei confronti delle iniziative fiscali di Trump è altissima;
  • misure monetarie: la Fed potrebbe alzare i tassi più volte di quelle preannunciate, la Bce potrebbe modificare in corsa il proprio quantitative easing. Insomma, un bel pasticcio, finanziariamente parlando. Come comportarsi, allora?

Investimenti 2017: Non perdere di vista l’economia reale

Senza perdersi d’animo, l’esperta di JP Morgan consiglia, anzitutto, di non perdere di vista l’economia reale. Secondo la società di asset management, infatti, l’economia reale continuerà a costituire il fattore più importante, e soprattutto per quel che concerne le dinamiche sul versante dell’offerta negli Stati Uniti, la resilienza nell’Eurozona e la ripresa del Regno Unito in un clima di incertezza, nonché il ritmo e l’entità di un eventuale ulteriore apprezzamento del dollaro USA.

investimenti -2017

Investire nei mercati finanziari: Titoli in buono spolvero

Affermato ciò, il manager di JP Morgan sostiene che il recentemente incremento dei rendimenti obbligazionari (del quale abbiamo parlato in una recente occasione su questo sito) andrà a condurre giovamento al comparto dei titoli finanziari, che a loro volta sono un peso molto rilevante nell’indice principale EuroStoxx, che pertanto potrebbe a sua volta ottenere un significativo beneficio. Si tenga conto che nel corso della seconda metà del 2016 i titoli finanziari hanno però sovraperformato: in ogni caso, tale over performance non ha potuto che compensare solo in parte quanto avvenuto nel corso del 2016, che per il settore si è comunque concluso con una perdita del 2,5% in termini di rendimento per l’intero anno.

Investimenti sicuri 2017: In Europa conviene ancora investire? 

Per quanto attiene il vecchio Continente e, in particolar modo, l’eurozona, è possibile che una valuta unica europea così debole (dovrebbe rimanere tale per una buona parte dell’anno, soprattutto se la Fed stupirà i mercati dando seguito a una serie di rialzi più ravvicinati e numerosi del previsto) possa favorire in misura marginale gli utili societari.

Attenzione, però, a non cadere in facili tranelli: i trader dovrebbero infatti bilanciare tale fattore positivo con l’effetto economico negativo che deriva dall’irrigidimento delle condizioni finanziarie e dall’incertezza politica: il 2017 è infatti anno molto intenso sul fronte del calendario elettorale, e il rischio che possano acuirsi le tensioni già riscontrate nelle ultime stagioni è dietro l’angolo. Ad ogni modo, anche per queste ragioni JP Morgan ritiene che l’eurozona possa incontrare qualche difficoltà nel sovraperformare gli altri mercati sviluppati.

Migliore investimento attuale: il Giappone

Per JP Morgan le cose dovrebbero andare meglio in Giappone. Qui l’attenzione è prevalentemente incentrata nei confronti della nuova politica monetaria della Bank of Japan, che rispetto alle scorse “edizioni” sembra incontrare una rinnovata fiducia da parte degli investitori.

Se sarà così ancora a lungo, è se la politica monetaria si renderà davvero efficace nel contenere il rendimento obbligazionario entro i range graditi e l’indebolimento dello yen rispetto al dollaro statunitense, è possibile che i titoli giapponesi e l’indice di riferimento (Nikkei) possano dare ben più di qualche soddisfazione ai trader.

migliori-investimenti

Su cosa investire nel 2017? Il mercato degli Stati Uniti

La società di asset management ritiene che nel corso del 2017 gli Stati Uniti continueranno a sovraperformare, soprattutto per quanto concerne le società a bassa capitalizzazione, che dovrebbero essere meno esposte al rafforzamento della valuta locale, e che potrebbero ottenere i migliori benefici dalla politica fiscale di riduzione della pressione sulle società.

Naturalmente, quanto sopra non significa che la situazione americana si evolverà senza mutamenti rispetto all’attuale quadro: gli investitori dovranno prestare particolare attenzione ai cambiamenti settoriali, considerando che alcuni di questi potrebbero ottenere i migliori vantaggi dalla nuova politica dell’amministrazione Trump, e altri potrebbero avere qualche grattacapo.

Come investire nel 2017 nel Regno Unito 

Un discorso a parte è effettuabile nei confronti del Regno Unito, il cui mercato è principalmente contraddistinto da società ad alta capitalizzazione, fortemente esposte con il resto del mondo.

Nel 2016 caratterizzato dalla Brexit il mercato ha espresso rendimenti migliori rispetto a una buona parte dei mercati maturi, ma per gli investitori non residenti i benefici sono stati compensati (e oltre!) dal deprezzamento della sterlina. Grande attenzione, anche in tal senso, all’evoluzione delle negoziazioni sull’uscita dall’Unione Europea: i rischi di hard Brexit per il momento sembrano essere scongiurati, ma da qui a marzo (data presunta di attivazione della procedura di exit) le cose potrebbero cambiare.

Investimenti sicuri e redditizi: Mercati emergenti

Nei mercati emergenti il 2016 è stato chiaramente a due facce. Per tutto il primo semestre i mercati non maturi hanno beneficiato di un crescente sentment positivo da parte degli investitori. Nella seconda parte, e soprattutto dopo l’esito delle elezioni statunitensi, il clima è cambiato, e il 2017 dovrebbe costituire un periodo non particolarmente propenso all’impiego in tali aree.

Il rischio principale è rappresentato dal comportamento degli USA, con il rialzo ulteriore del dollaro o il cedimento dei mercati delle materie prime che potrebbero danneggiare le relative economie emergenti. Attenzione anche a eventuali shock negativi provocati dalla Cina: per il momento una simile ipotesi è ancora ascrivibile nel comparto dei “cigni neri”, ma il 2016 ha dimostrato che (quasi ) tutto è possibile.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Social Trading CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito Licenza FCA-CySEC-ASIC Conto demo
Opinioni Plus500
Bonus speciali Central Bank of Ireland Conto demo
Opinioni AVATRADE
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Luca M.

Lascia un commento

Lascia un Commento

Termini di ricerca:

  • Come Investire nel 2017
  • Dove Investire 2017
  • in cosa investire nel 2017
  • dove investire sicuri nel 2017
  • conviene investire in jp morgan

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo