Come gestire i propri risparmio oggi

In questa pratica guida, vi mostreremo come investire i risparmi, considerando gli errori da non fare, ma ed alcuni metodi per investire oggi i vostri risparmi ottenendo un maggior rendimento. Attraverso questa post, è possibile ottenere tutti i consigli utili alla gestione dei i vostri denari e investirli senza fatica, anche perché non occorre essere dei maestri di Finanza per non farsi male con gli investimenti, ma bastano anche dei semplici consigli (giusti) e degli accorgimenti, accompagnati da un buon studio per evitare di incappare in errori che vi facciano perdere il vostro capitale.

come-gestire-i-propri-soldi

Oggi gestire i propri risparmi è diventata una missione veramente ardua senza considerare che risparmiare e gestire in modo oculato il proprio denaro è di importanza vitale oggi come oggi, non solo per affrontare con sicurezza il presente ma anche perché è sempre più difficile trovare un lavoro stabile che ci possa garantire una sicurezza economica. Per tanto, prima di iniziare a parlare di investimenti, bisogna fare un riferimento particolare al tempo che abbiamo a disposizione per i nostri investimenti, ovvero la strategia che decidiamo di utilizzare. In questo caso, possiamo decidere di effettuare il nostro investimento, con scadenze a breve, medio o lungo termine.

Come gestire il proprio risparmio con gli investimenti a breve termine

Nel primo caso, per ciò che concerne gli investimenti a breve termine, possiamo considerare gli investimenti con le opzioni binarie o con il trading forex, o al massimo tutti quegli investimenti che non hanno una scadenza non superiore ai 12 o anche 18 mesi. Per questi investimenti si deve disporre di una liquidità tale da garantire rapidi e veloci investimenti.

Consigliati per gli investimenti a breve termine sono:

  • i pronti contro termine: possono prevedere anche scadenze inferiori a 30 giorni;
  • i BOT e i CCT: i quali prevedono un investimento maggiore ma comunque compreso entro i 18 mesi massimi.;
  • BTP: i quali comprendono sempre rendimenti massimi nei 18 mesi;
  • Titoli di stato della zona euro, i quali hanno però devono essere classificati come AAA in quanto in questo modo non si hanno dei rischi sul cambio.

Infine il trader, potrebbe anche decidere di investire nel breve termine perché  potrebbe considerarli come una scelta tattica in attesa di una maggiore stabilità dei mercati, che possono poi meglio dare l’idea dell’andamento di mercato con una  maggiore sicurezza.

Gestire al meglio i soldi con gli investimenti a medio e lungo termine

Per quanto riguarda invece gli investimenti nel medio e lungo termine, si devono considerare tutti gli investimenti basati su di una strategia, che ha alla spalle un solido obiettivo e che non ci si può improvvisare. Uno degli obbiettivi principali è quello di mantenere il proprio potere di acquisto invariato nel tempo per proteggersi dall’inflazione reale, permettendo anche una crescita del capitale fino a garantirne una rendita come sono ad esempio le pensioni integrative. In questo caso, bisogna comprendere i cicli economici per diversificare al meglio il propri portfolio, tenendo sempre in considerazione gli investimenti effettuati nel breve termine.

Attenzione però a comprendere bene e  diversificare gli investimenti sulla base della strategia a medio e breve termine con le strategie a medio e lungo termine. Infatti, riteniamo alquanto pericolo investire nel breve termine con strumenti adatti invece a lungo termine. In quest’ultimo caso consigliamo sempre di affidarsi a professionisti del settore.

Come fare per gestire i propri risparmi puntando sul rendimento

come-investire-il-capitale-a-rendimento-garantito

Per sapere come investire oggi, tenendo presente il medio e lungo termine o anche il breve termine, dobbiamo anche considerare il rendimento, il quale costituisce il reddito che si può generare a seguito dell’investimento effettuato, ma sopratutto è rapportato al capitale investito e alla durata dell’operazione effettuata; questo viene espresso in termini economici su base percentuale per ogni anno.

Ancora, possiamo considerare il rendimento di un’obbligazione come il prezzo che il trader pagherà a seguito di un prestito effettuato, ma che non ha un rendimento fisso, ama al contrario assume le connotazioni di premio rischio nel caso si opta per investimenti su azioni o fondi di investimento.

Nella maggior parte dei casi il rendimento è proporzionato al rischio , per tanto non posiamo non considerare il rischi nel caso di situazioni o di operazioni chiuse in negativo. Vi sono anche investimenti considerati come a rischio zero come ad esempio i BOT a 3 mesi, mentre tutti quelli con scadenza maggiore possono essere considerati come degli investimenti a rischio avanzato. Premesso questo, possiamo diversificare il rendimento in 3 differenti tipologie:

  • rendimento semplice, inteso come il rapporto interconnesso tra variazione del valore di un’attività e il valore che invece aveva al momento dell’acquisto;
  • rendimento medio, inteso come il valore medio del rendimento che possiamo ottenere in caso di investimento. Nel caso in cui invece consideriamo il rendimento medio di un portfolio, dobbiamo tenere presente la media ponderata che si può ottenere sulla base dei beni degli asset presenti all’interno del portfolio, sulla base anche dei pesi considerandoli come contro valore investiti in ogni singolo titolo.

In conclusione, possiamo dire che il rendimento atteso non è altro che il rendimento che ci si aspetta di guadagnare in base a quello che è l’investimento iniziale. In questo caso, il rendimento di uno strumento finanziario non è altro che il rendimento dato dalla media aritmetica dei rendimenti.

Come calcolare il rischio di investimento

Il rischio in termini economici e finanziari non lo si deve intendere se non come un’opportunità di investimento e di guadagno. Al di la di tutto ha una connotazione diversa da quella che noi tutti conosciamo e che è utilizzato nel linguaggio comune.

Il rischio, inteso nel campo degli investimenti lo possiamo anche intendere come un’opportunità di guadagno, legato all’incertezza degli eventi futuri e come possibilità di mutamento del valore del proprio investimento con il passare del tempo. Considerando quindi il rischio come un’opportunità di investimento, lo possiamo considerare come una variazione finanziaria attiva, in quanto il rischio legato all’oscillazione del mercato ovvero alla volatilità del mercato.

In questo caso investendo con il trading online è possibile puntare al rialzo o al ribasso del mercato, che con altri strumenti non è possibile neanche considerare e di conseguenza, il rischio di perdere si trasforma in un’opportunità di guadagno nel trading online. In termini di rischio, bisogna anche considerare Il Value at Risk ovvero l’indicatore di rischio è il V.a.R. che misura la massima perdita potenziale, basata su un intervallo di tempo.

Sulla base di quanto fin qui detto, bisogna poi anche considerare e valutare l’investimento per ottimizzare al meglio i profitti. A questo punto non ci resta che valutare le performance sugli investimenti, sulla base di quelli che sono i dati in nostro possesso. In questo caso, precisiamo che esistono differenti indicatori di performance come ad esempio l’indice di SCHARPE il quale altro non fa che valutare la capacità di un titolo o di un portfolio di titoli.

Infine bisogna anche considerare il rischio in rapporto al proprio portfolio di investimento, ovvero bisogna confrontare a parità di rischio quale è il rendimento maggiore o quale è il rendimento minore. Da qui ne deriva la sua efficienza che si rispecchia in una curva formata da tanti punti, ognuno dei quali corrisponde a il miglior portfolio sulla base di profili di rendimento e rischio. Non possiamo però non considerare i rendimenti e i rischi come dei rischi e degli investimenti tutti uguali, ed efficienti, ma cambieranno in base al trader, il quale deve scegliere in base alla sua propensione al rischio quale siano gli investimenti da mantenere e quali invece sono da considerare come rischiosi e poco adatti all’investimento.

Come gestire i risparmi e impostare un proprio budget

come-gestire-i-propri-soldi-

Per investire in modo semplice ma oculato, bisogna per prima cosa avere il pieno controllo delle proprie finanze e per farlo occorre impostare un budget ed un obiettivo di risparmio, anche se in alcuni casi, non è facile. A prescindere dal vostro tipo di investimento, saper mettere appunto questo meccanismo è davvero importante, in quanto impostare un obiettivo è un metodo semplice e utile al fine di aumentare la vostra motivazione. A questo punto passate ad impostare un piano di investimento.

Sulla base dell’aumento dei capitale dei vostri risparmi, non vi resta che decidere come investirli; per tanto è importante porsi un obbiettivo, un orizzonte temporale per decidere se investire i vostri soldi nel breve, medio o lungo termine al fine di individuare l’investimento più adatto alle proprie esigenze.

Gestire i propri risparmi: errori da evitare

Passiamo adesso ad esaminare gli errori da evitare per gestire al massimo i propri risparmi; riteniamo di fondamentale importanza prima di procedere con gli investimenti di stabilire un proprio budget, ovvero un tetto massimo da non superare e sul quale dobbiamo basare poi i nostri investimenti. Quindi il primo punto è di stabilire a priori quanti soldi dedicare per l’acquisto di beni e servizi e quanti soldi dedicare agli investimenti online. Di seguito troverete anche alcuni errori commessi dai migliori investitori e da tantissimi trader. Precisiamo anche che nella maggior parte dei casi, i trader commettono gli stessi errori, a volte pagandoli cari, in quanto ci rimettono l’intero capitale.

A questo punto, una delle domande che ci possiamo porre riguarda proprio come gestire i risparmi nel modo migliore? Anche se la domanda è molto difficile e la risposta non è sempre scontata cercheremo di rispondervi anche sulla base di quelle che sono le aspettative, considerando anche che si tratta di un tema su cui non esistono al momento delle certezze matematiche.

Gestire i propri risparmi badando ai costi di gestione

Il primo consiglio, anche se può sembrare insolito e contro producente riguarda i costi. In questo caso, non badare ai costi potrebbe essere controproducente finanziariamente parlando. In questo caso, maggiore è l’investimento maggiore sarà la rendita. Ma attenzione perché se si investono 15.000 € per 30 anni possiamo avere alla fine un capitale di 106.000 € se effettuato con un ETF o un fondo comune a basso costo, o anche possiamo ottenere 67.000 € se effettuato con un fondo comune che ha il 2% di TER. La scelta ovviamente ricade solo su noi stessi.

Come gestire i miei risparmi investendo nel trading online?

Al momento non vi segnaliamo di investire l’intero capitale in un’unica operazione, anche perché sarebbe molto rischiosa. Diversificare il capitale, invece, sembra essere la soluzione ideale, anche perché permetterebbe di risparmiare sui costi di gestione dei prodotti finanziari i quali hanno commissioni elevate. Se volete investire ad esempio nei mercati finanziari, il modo migliore per farlo, è quello del trading online, il quale vi permette di diversificare non solo l’investimento, ma anche di poter investire delle cifre bassissime come 100 € per aprire un conto di trading reale e 10 € per ogni investimento effettuato.

Inoltre con il trading online, è possibile fare trading con il conto demo, il quale permette di non avere costi di gestione della piattaforma in quanto è online ed è gratuita anche perché non si vince e non si perde niente. Tutti gli investimenti che si fanno sono al solo scopo dimostrativo per esercitarsi e testare la piattaforma.

Potrete scegliere di fare trading con uno dei seguenti broker di seguito riportati:

Migliori piattaforme di Trading & Forex

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Fibo Group

Investire nel trading online, conviene?

Chi intende investire nel trading online con la convinzione di diventare ricco nel giro di pochi minuti, giorni o mesi, allora è meglio che lasci perdere proprio! Se è vero che vi sono dei guru del trading online, che possono arrivare a guadagnare cifre da capogiro, è anche vero che ci sono dei rischi non indifferenti ma sopratutto tesi a farvi perdere l’intero capitale.

Non illudetevi e non fatevi ingannare sopratutto da chi vi vuole convincere che diventerete ricchi grazie ai loro favolosi corsi o alle loro previsioni dei mercati finanziari. Purtroppo avere successo nel trading online non facile ma non è impossibile! Vi sono differenti strategie di trading buone, ma vi sono anche molti rischi che se non affrontati con un appropriato studio vi farà perdere tempo e soldi.

Investire i risparmi cambiando repentinamente orizzonte temporale

Quest’errore è proprio da evitare. Se avete scelto di investire con un dato portfolio, ipotizzando una certa durata dell’investimento, non è consigliabile ritirarlo prima, solo per il semplice fatto che il mercato tossisce, e che un asset ha perso il 5-6%. Vendere con queste condizioni, non è consigliabile, in quanto l’orizzonte temporale fa danni mostruosi, vendendo ad un prezzo più basso, facendovi di conseguenza perdere la metà dei guadagni. Vi consigliamo di attendere sempre la fine del’operazione, impostare nel caso stop loss e tack profit.

Al contrario invece, riteniamo che avere costanza in questi casi sia veramente una delle migliori tecniche, in quanto le nostre tecniche non potrebbero funzionare se ogni mese non ci si impegna a perseguire determinati obiettivi. Sappiamo bene che questo è difficile, ma esistono diversi modi per non desistere. Per questo motivo, riteniamo che sia di fondamentale importanza non perdere di vista mai i propri obiettivi al fine di realizzarli e quindi renderli il più reale possibile.

come-investire-il-capitale-a-rendimento-

Come investire bene i propri risparmi, diversificando il portafoglio?

Se da un lato è vero che un portfolio variegato è sempre una buona strada da perseguire per gestire i propri risparmi, dall’altro non lo possiamo considerare (sopratutto in questo periodo) come un’ottima scelta, per diversi motivi.

Innanzitutto riteniamo indispensabile ricordare che a prescindere dal tipo di investimento la differenziazione di investimento si dovrebbe basare su più fronti in quanto tra le varie possibilità ormai non più remote, vi è la corsa agli sportelli con una eventuale impossibilità di prelevare i risparmi dal nostro istituto bancario. Per tanto, oltre che sulla diversificazione degli asset, la distribuzione dei risparmi oggi, deve essere fatta anche a livello di luoghi ed allocazioni fisiche.

Nel caso invece si trattasse di investimenti basati sul trading online, possiamo anche suggerire di evitare la diversificazione del portfolio. ma solo se si è capaci di prevedere il futuro e sopratutto se in base ai calcoli possiamo gestire e sapere quale sarà il miglior investimento. Nel caso contrario, invece, è sempre meglio diversificare il proprio portfolio, come suggerito, ovviamente senza esagerare.

Investire i vostri risparmi in obbligazioni bancarie, conviene?

Nella maggior parte dei casi, le obbligazioni bancarie rendono meno di un BTP di pari scadenza, a causa degli oneri impliciti che poi si trasformano in costi; inoltre sono più rischiose e meno liquide sopratutto poi se si tratta di obbligazioni bancarie subordinate, i cui detentori, in base alla norma sul bail-in, rischiano di rimetterci di propria tasca soldi in caso di default dell’emittente.

gestione-soldi-e-rischio

Investire oggi in ETF, conviene veramente?

Se invece si vuole decidere di investire in borsa con il trading online, allora meritano anche di essere menzionati gli investimenti tramite ETF, ovvero tramite fondi i quali rispecchiano l’andamento di moltissimi mercati ed indici che hanno costi di gestione minimi anche con spese solitamente inferiori all’1%.

Supponendo di voler investire 15.000 € con gli ETF. In questo caso, dobbiamo ricordare che si tratta sempre di investimenti a rischio e dobbiamo in questo caso valutare se il gioco vale la candela, ovvero considerare l’importo versato e il rischio ad esso legato.

Investendo in ETF, bisogna cercare sempre di suddividere il totale dei risparmi su più fronti, su diversi mercati, ovvero suddividere in mercato azionario, obbligazionario e anche materie prime. In questo modo possiamo suddividere i risparmi in più forme in modo da minimizzare la possibilità che un evento non previsto colpisca per intero il capitale e quindi ridurre al massimo il rischio di perdere il capitale.

Dove investire oggi i risparmi per guadagnare?

Quando si tratta di investimenti, una delle domande che ci dobbiamo porre, riguarda proprio il metodo migliore per investire e guadagnare, in modo serio e sicuro. Per rispondere a queste domande, dobbiamo però tenere presente che non si tratta di investimenti comuni a tutti i trader, a tutti i clienti, ma sono sostanzialmente un fattore soggettivo, ovvero cambiano in base alle esigenze e allo stile di trading del trader. Inoltre si deve tenere presente i fattori che influenzano gli investimenti, in modo da evitare investimenti errati; questo è il modo migliore per gestire i propri risparmi.

A nostro avviso, oggi, i modi per gestire i risparmi nel modo migliore sono diversi e non sempre sono scontati come sembra.

Investire oggi sul mattone, conviene?

Una delle domande che perseguita gli investitori italiani, riguarda la possibilità di investire i propri risparmi sul mattone o se invece non conviene più. Secondo tanti, il modo migliore per gestire i risparmi è quello di puntarli sul mattone ovvero su un immobile, mentre per altri, non è più il settore trainante.

Noi oggi riteniamo indispensabile prima di investire i vostri  risparmi sul mattone e prima di effettuare una tale scelta di eseguire in maniera oculato un approfondimento per capire come si muove il mercato. Infatti, un crollo del mercato immobiliare potrebbe far volatilizzare i propri risparmi investiti sull’immobile. In linea di massima però possiamo considerare il mattono come uno degli investimenti sicuri.

Fondi di investimento

Al momento non possiamo invece ritenere i fondi di investimento come un’investimento sicuro al pari del mattone. Infatti, in questi casi, gli investimenti dovrebbero essere connessi  agli esiti dei mercati azionari, gestiti da esperti del settore e non da principianti, in quanto il mercato in questione, è caratterizzato dalle elevate commissioni d’entrata e di uscita che potrebbero penalizzano guadagni e perdite. Per tanto lasciamo gestire questi investimenti solo ad esperti del settore e invece non li consigliamo ai principianti.

Conviene investire oggi sui Titoli di Stato Italiani?

come-gestire-i-propri-soldi-oggi

I Titoli di stato Italiani, invece, possono essere considerati come uno degli investimenti ancora sicuri anche se la rendita non è alta. Oggi, i guadagni sono generalmente ridotti rispetto al passato, ma sono sempre da considerare come tra i più sicuri, in quanto dotato di scadenza e che per tanto ci permette di riavere i risparmi investiti.

Polizze Vita e Fondi pensione

Anche le polizze vita le possiamo considerare come una soluzione gradita ai risparmiatori, soprattutto se si tratta di polizze sottoscritte con istituti privati. Attenzione però a considerare anche questi investimenti come degli investimenti da effettuare con una certa precisione e oculatezza, in quanto i guadagni sono molto ridotti e i costi di gestione invece, compresi i rendimenti, sono molto bassi. In sostanza, però, possiamo definire questi investimenti come degli investimenti sicuri.

I Fondi Pensione, invece,  rappresentano al pari di altri fondi di investimento un’ottima soluzione di investimento per i propri risparmi, ma anche da considerare in prospettiva di mettere da parte una quota del proprio patrimonio al fine di formare un fondo per la pensione futura. Questi possono essere:

  • Fondi pensione aperti: adatti ad un pensionamento che mantiene degli standard economici simili al periodo lavorativo, ma legato a doppio filo con eventuali crack finanziari;
  • Fondi pensione Negoziali: i quali garantiscono una maggiore sicurezza, e che sono però legati a specifiche categorie professionali o ai dipendenti di grandi aziende.

Su quali azioni conviene investire?

Una delle delle soluzioni più diffuse tra gli investitori, è quella di investire in borsa anche tramite il trading online, ma questo presuppone comunque un’ottima conoscenza del mercato borsistico, e delle dinamiche che ruotano attorno ad esso. Quindi investire in azioni, oggi, richiede una conoscenza adeguata del settore, e non ci si può basare sull’improvvisazione, in quanto questa presupporrebbe degli alti rischi.

Come investire i risparmi con le Corporate Bonds

I Corporate Bonds, o Obbligazioni Società Private, rappresentano oggi una buona soluzione di investimento, anche se il rischio è molto elevato. Questi dipendono dal fatto che non è possibile prevedere se le aziende vivono crisi o meno che possono alla fine trasformarsi in un fallimento da un giorno all’altro. Anche in questo caso, consigliamo sempre l’investimento in questo settore coordinato dalla consulenze di esperti e professionisti.

Prodotti a capitale garantito

Infine, i prodotti finanziari a capitale garantito si caratterizzano per il fatto che il trader alla scadenza riprendere il capitale versato assicurato alla quale sono aggiunti gli interessi intesi come una percentuale di guadagno. Anche su questo investimento è preferibile affidarsi alle consulenze di esperti e professionisti del settore.

Come avete notato, in questa guida vi abbiamo illustrato una serie di valide alternative per i vestire oggi i vostri risparmi. Infine, per concludere tenevamo a ricordare che nel caso decideste di investire nel trading online i vostri risparmi, consigliamo di farlo solo utilizzando broker autorizzati e regolamentati come quelli di seguito riportati. Solo questi, sono in grado di garantirvi da possibili truffe e da una perdita del vostro capitale. Ricordate infine che nel trading online il vostro capitale è a rischio! Quindi prima di investire valutate bene la strategia da adottare.

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Fibo Group
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Termini di ricerca:

  • come gestire i risparmi oggi
  • come investire i risparmi oggi
  • dove potere pochi risparmi?
  • rendinento per risparmi
  • come gestire i capitali degli investitori
  • gestire risparmio

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com