Quantcast
WeAreStarting recensione: cos'è e come funziona - BlogFinanza.com

WeAreStarting recensione: cos’è e come funziona

Ormai è noto che i venture capitalist e gli investitori istituzionali con grandi capitali non sono più gli unici a poter investire in progetti innovativi di società non quotate. Se ancora non sai come cominciare ad investire in startup o PMI innovative o non sei convinto a quale piattaforma affidare i tuoi risparmi, in questo articolo ti parleremo del portale bergamasco WeAreStarting e tutto ciò che c’è da sapere per iniziare a diversificare i tuoi investimenti. 

Che cos’è WeAreStarting?

WeAreStarting nasce nel 2015 come portale di equity-based crowdfunding, ovvero una piattaforma online autorizzata dalla CONSOB che consente agli investitori professionali e non, in proporzione all’investimento, di entrare in possesso di partecipazioni nel capitale sociale di società italiane, diventandone socio.

Nel corso degli anni, il portale ha costruito uno spazio “virtuale” attraverso il quale gli investitori possono trovare le migliori aziende italiane su cui investire in modo veloce e sicuro e nel quale le società stesse hanno la possibilità di raccogliere il capitale di cui hanno bisogno per sviluppare il loro business. INVESTI IN POCHI CLICK NELLE AZIENDE DEL DOMANI

Che tipo di progetti offre WeAreStarting?

In diverse interviste rilasciate dal founder della piattaforma si conferma che l’intenzione non è di offrire un maggior numero di opportunità finanziarie, ma bensì presentare un numero selezionato di aziende che, attraverso una minuziosa ed accurata analisi di parametri quali fatturato, strategie passate e future, investimenti, clienti e piano di comunicazione, riescano a rispondere alle esigenze dell’investitore.

Fin dall’inizio, uno degli elementi che ha contraddistinto WeAreStarting dagli altri portali è la possibilità di investire in una variegata offerta di progetti, da startup innovative ad aziende più consolidate come le PMI. Tra le offerte troviamo anche i veicoli di investimento cleantech, ossia, società costituite appositamente per la realizzazione di un progetto in ambito energetico, come è il caso di EYS BA che ha lanciato una campagna di crowdfunding con lo scopo di realizzare interventi sostenibili di efficienza energetica sul palazzo sportivo di Busto Arsizio. SCOPRI I PROGETTI SOSTENIBILI IN CUI INVESTIRE

Nell’ultimo periodo sono stati finanziati progetti di diversi settori e tipologie, come la startup bresciana che ha sviluppato il primo calzare biomeccanico per il running o il veicolo di investimento in startup italiane “Investinit” (con un record di raccolta di oltre €500.000).

Senza dubbio una ricca proposta che permette agli investitori costruire un portafoglio diversificato di investimenti ed è proprio quest’ultimo concetto che racchiude il leitmotiv del portale: “Diversifica i tuoi investimenti oggi”.

Altro aspetto positivo è che dal 2018 WeAreStarting è diventata società benefit. Ciò significa che oltre ai consueti obiettivi di profitto, punta ad avere un impatto positivo sulla società e l’ambiente. A tal proposito, il portale privilegia progetti che, oltre ad essere una grande opportunità di investimento, comportino vantaggi di tipo sociale, ambientale, di innovazione e di benessere. Tra le offerte più interessanti meritano menzione Medicaltech, sviluppatrice di soluzioni per il monitoraggio della salute delle persone affette da problemi cardiaci, e Floky, società che produce abbigliamento sportivo che riduce il rischio di infortuni.

Come funziona?

L’equity crowdfunding è un’alternativa di investimento molto semplice e veloce, tutte le procedure sono online e con pochi click si può diventare soci di una società.

Nel caso di WeAreStarting puoi accedere al  portale e visualizzare tutti i progetti attivi e non (campagna conclusa). Anche se non si è effettuata la registrazione alla piattaforma è comunque possibile vedere una serie di informazioni come l’obiettivo della campagna, le quote disponibili, la struttura  societaria. Tuttavia, consigliamo  di registrarsi, non solo per essere pronti qualora si decida di investire in un determinato  progetto, ma anche per poter esaminare la documentazione allegata tra cui il business plan, la visura e il bilancio, realizzando così un’analisi minuziosa del progetto.

Per diventare investitore della piattaforma bastano solo 15 minuti, dal momento dell’iscrizione fino all’attimo in cui verrà effettuato il bonifico a conferma dell’investimento avvenuto:

  1. Come primo passo, bisogna iscriversi al portale utilizzando i propri dati: nome, cognome, indirizzo mail e scegliere una password.
  2. Una volta terminata l’iscrizione sarà necessario compilare un questionario di appropriatezza dell’investitore che individua il grado di rischio in previsione di un futuro investimento in una società di capitali.
  3. Successivamente si potrà scegliere il progetto e l’ammontare dell’investimento deciso.
  4. Una volta scelta la società in cui investire, bisognerà eseguire il bonifico.
REGISTRATI ORA SU WEARESTARTING

Naturalmente c’è la possibilità di contattare il portale per qualsiasi dubbio o chiarimento o di sottoporre delle domande nella pagina dedicata alle FAQ del progetto.

Investimento minimo

Uno dei grandi vantaggi dell’equity crowdfunding è la possibilità per chiunque di investire in società non quotate in borsa, a partire da piccole somme. Sul portale di WeAreStarting possiamo vedere progetti che permettono l’ingresso con una quota minima che va da 200€ fino a 2.000€, variabile da opportunità ad opportunità, creando una vera e propria “democratizzazione dell’investimento”, ossia concedendo la possibilità a chiunque di investire una parte dei propri risparmi in realtà dell’economia reale.

Come posso guadagnare?

Il rendimento si può concretizzare in diverse forme:

  • L’ottenimento dei dividendi derivanti dalla distribuzione dell’utile annuale, ne è un esempio Fenice S.p.A. che a settembre ha realizzato la prima distribuzione dei dividendi per i soci che avevano partecipato alla campagna di crowdfunding nel 2019.
  • Capital gain (plusvalenza): il quale può derivare da un’exit dell’impresa o dalla vendita delle quote societarie.
  • Quote Bs: a giugno il portale ha introdotto una nuova tipologia di quote che hanno denominato Bs e ad oggi sembra sia il solo a proporle. Si tratta di quote che vengono assegnate con un investimento esatto (ad esempio 4.000€) e che permettono all’investitore la possibilità di esercitare l’opzione di vendita ai soci fondatori della società ad un prezzo maggiorato e già stabilito. Il rendimento può variare e anche il periodo per esercitare questo diritto. Un esempio è quello dell’offerta di Coffinardi & Delpanno Industries S.r.l. per il quale il rendimento associato era del 18% dopo 12 mesi della chiusura dell’aumento di capitale.

Inoltre, secondo la nuova normativa del Decreto-Legge 19 maggio 2020, è previsto un beneficio fiscale fino al 50% dell’importo investito in startup e PMI innovative per le persone fisiche e del 30% per le persone giuridiche. L’unico vincolo è che per avere diritto al suddetto beneficio bisogna mantenere l’investimento per almeno 3 anni.

Ci sono rischi?

Certo, quando un investitore decide realizzare un’operazione deve sempre sapere che ci sono dei rischi connessi. Nel caso di questa tipologia di investimento i rischi possono comportare la perdita dell’intero capitale dovuto al fallimento della società, l’illiquidità, ossia la difficoltà riscontrata nel tentativo di vendita delle partecipazioni ed infine la mancanza di distribuzione degli utili. Anche nella peggiore delle ipotesi, gli investitori non verranno chiamati a rispondere con ulteriore richiesta di capitali né avranno responsabilità correlate.

Naturalmente il rischio può variare a seconda della natura del progetto e del settore in cui opera. Bisogna dire che il Politecnico di Milano ha creato un Equity Crowdfunding Index che raccoglie gli andamenti di tutti i progetti offerti e nella fattispecie, l’indice di WeAreStarting a ottobre 2020 è pari a 151 (dai 100 punti iniziali), segnalando un rendimento ben più alto della media di mercato. Questo indice misura quanto in media si sono rivalutate le società proposte dalla piattaforma, confermando che ci sono ottime opportunità in cui investire. DIVENTA SOCIO DI STARTUP E PMI ITALIANE

Ti consigliamo quindi di studiare ogni progetto e il settore in cui opera prima di decidere se investire o meno, sperando che questa recensione ti possa essere stata di aiuto per eseguire una corretta valutazione della tipologia di investimento che fa per te. Se hai già investito tramite una piattaforma di equity crowdfunding o vuoi saperne di più, lascia un commento.

Sull'autore

LorenzoB

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.