Come fare trading di CFD con PLUS500: guida e video

Plus500 è un broker che offre trading CFD su differenti mercati finanziari (azioni, indici, materie prime, valute), di proprietà della società Plus500UK Ltd, autorizzata dalla FCA con licenza n. 509909 e con propria sede nel Regno Unito; inoltre Plus500 è un broker autorizzato dalla CONSOB Italiana con n. 10062415 del 2010.

plus500-CFD

Grazie a Plus500 il trader potrà avere a propria disposizione una scelta praticamente illimitata di asset, rientranti tra le seguenti categorie:

  1. valute;
  2. azioni;
  3. materie prime;
  4. indici;
  5. ETF;
  6. Opzioni call & put;

Il broker Plus500, come sopra spiegato, è un broker autorizzato e con regolare licenza, con sede in Inghilterra, Cipro e Australia. Per tal motivo, il broker Plus500 è sottoposto a differenti controlli dai rispettivi organi di controllo dei mercati finanziari (CySec, FCA, ASIC).

Oggi, in questa guida ti vogliamo mostrare come sia possibile, ma sopratutto come sia facile, fare trading online con CFD tramite il broker Plus500.

Cosa sono i CFD?

Per definizione i CFD sono contratti per differenza; sono uno strumento molto interessante che i trader di tutto il mondo utilizzano per diversificare le proprie operazioni.

Per comprendere meglio, possiamo definire i CFD come uno strumento finanziario il cui prezzo deriva dal valore di un sottostante; potrai comprare e vendere azioni senza possederle e quindi speculare al rialzo o al ribasso. In questo modo puoi andare a compensare, grazie a delle particolari condizioni di mercato, eventuali perdite che hai avuto su altri mercati finanziari.

Bisogna precisare che i CFD non hanno una scadenza: tocca al trader decidere quando chiudere la propria posizione e portarsi a casa l’eventuale guadagno (o perdita). Inoltre, i CFD sono un mercato OTC (over-the-counter), poiché tali contratti vengono stipulati tra il trader ed il broker (e non tra un trader ed un altro trader). Nonostante ciò, i CFD al giorno d’oggi sono molto standardizzati e difficilmente vi sono delle differenze tra i CFD offerti da un broker e i CFD offerti da un altro broker.

Per saperne di più riguardo al trading con CFD, ti consigliamo di leggere la nostra guida al trading CFD.

Di seguito ti proponiamo un video che meglio può spiegati il funzionamento dei CFD offerti dal broker Plus500.

CFD e leva finanziaria

I CFD sono molto apprezzati tra i trader proprio per la possibilità di poter muovere capitali maggiori di quelli che realmente si possiedono. Stiamo parlando dell’effetto “leva”, che può sia amplificare i profitti di un trader, sia le perdite. Possiamo spiegare l’effetto leva tramite un rapido esempio.

Mettiamo di voler investire nelle azioni della Enel in Borsa, che vengono quotate a €7.00 l’una. Se vogliamo investire su 1000 azioni, dovremmo sborsare una cifra pari a €7000, più le eventuali commissioni al nostro broker. Ma con i contratti CFD, tutto cambia: i CFD sono strumenti finanziari per speculare sull’andamento degli asset, tra cui anche le azioni. Quando si investe su CFD, non si possiedono mai realmente gli asset sottostanti. Perciò, mettiamo di voler investire sulle azioni Enel, con la stessa quantità di azioni (1000), ma utilizzando i CFD.

La situazione cambia. E cambia molto. Per aprire una posizione con i CFD, bisogna pagare il cosiddetto “margine”: si tratta di una percentuale, che varia a seconda dell’asset scelto e del broker (di solito tra l’1% fino al max del 30%), sulla cifra totale della transazione. Se per esempio, il broker offre un margine del 10% per i titoli azionari, significa che se vogliamo aprire una posizione di 1000 azioni Enel con i CFD, anziché pagare €7000, dovremmo pagarne solo il 10%: ovvero €700, per aprire una posizione che ne vale settemila.

Questo appena spiegato è l’effetto leva: come vedete, potete muovere capitali molto maggiori rispetto a quelli da voi realmente posseduti; proprio come grazie ad una leva, possiamo muovere un peso molto superiore a quello che potremmo muovere con la sola nostra forza.

Oltre al Margine Iniziale appena mostrato, i broker applicano anche un “margine di variazione” o “margine di mantenimento”.  Il margine variabile è applicato quando una posizione si muove contrariamente agli interessi del trader. Per esempio, se un trader comprasse 1000 azioni della società X usando CFD da 100 centesimi e il prezzo si abbassasse a 90 centesimi, il broker detrarrebbe 100€ (1000 azioni x -10p) di margine variabile dal conto del cliente.

Al contrario, se il prezzo delle azioni si alza di 10cents allora il broker accrediterà sul conto del cliente 100€ di guadagno corrente. Il trader deve sempre assicurarsi che sul suo conto vi siano fondi sufficienti a soddisfare il margine di mantenimento, altrimenti riceverà una “Margin Call”: in pratica, il broker informa il trader che sono necessari ulteriori fondi per soddisfare il margine di mantenimento, altrimenti la sua posizione verrà chiusa.

Clicca qui per registrarti e visionare tutti i CFD disponibili.

bonus-trading-cfd-plus500

Come fare ordini long e short su Plus500

Gli ordini long e short sono i due tipi di ordini che si possono fare sulle piattaforme di trading CFD. Un ordine long è un ordine di acquisto, mentre un ordine short è un ordine di vendita. Iniziamo dallo spiegare come funziona un ordine long, per poi passare a quello short.

Un ordine di tipo long si apre quando abbiamo delle previsioni rialziste riguardo al valore di un asset. Ovvero, quando pensiamo che il valore di quell’asset sia destinato ad aumentare nel corso del tempo. Quando effettuiamo un ordine long, è come se “comprassimo” l’asset su cui stiamo investendo (anche, se come spiegato, nel trading CFD non avviene un reale scambio di asset).

Quando andremo a chiudere il nostro ordine long, otterremo un guadagno solo se il valore dell’asset è aumentato da quando avevamo effettuato l’ordine. Se parliamo invece dell’ordine short, bisogna fare il ragionamento opposto: si apre un ordine short quando le nostre previsioni sono ribassiste sul valore di un asset. E in questo caso, quando chiuderemo il nostro ordine, guadagneremo solo se il valore dell’asset è effettivamente calato da quando abbiamo investito.

Qui sopra possiamo vedere un esempio di ordine Plus500. Come potete vedere, per fare un ordine (nell’esempio qui riportato è di tipo long, dato che c’è scritto “Acquista” e non “Vendi”), bisogna:

  • Selezionare l’asset su cui investire (in questo caso è stato scelto il titolo azionario Campari)
  • Inserire il numero di CFD da acquistare (o vendere) per tale asset
  • Scegliere la leva finanziaria (come vedete vi è anche già scritto il margine richiesto per aprire l’ordine da noi scelto)

E’ bene sapere però che vi sono anche delle impostazioni avanzate per impostare il proprio ordine su Plus500. Possiamo vedere la sezione impostazioni avanzate nell’esempio seguente.

Come potete vedere, in questa immagine dell’ordine Plus500 abbiamo spuntato un’ulteriore casella. Ovvero quella “Acquista solo quando il tasso è”; in caso fosse stato un ordine short, si sarebbe chiamata “Vendi solo quando il tasso è”. Il funzionamento di questa impostazione è uguale in entrambi i casi di ordine.

Possiamo inserire un valore dell’asset (nell’esempio è stato inserito 4,017 per il titolo azionario Enel), modificandolo con i simboli + e – al lato della casella. A questo valore da noi inserito, la piattaforma di Plus500 aprirà la nostra posizione. Ciò significa che se il valore dell’asset raggiunge questo livello, allora l’ordine verrà aperto come lo abbiamo impostato noi (comprando 250 azioni).

Ma se il livello da noi impostato non viene raggiunto (indipendentemente che sia un ordine long o short), allora l’ordine non verrà aperto. Si tratta quindi di un’impostazione extra, che può essere usata per pianificare al meglio i propri ordini long e short (ma non si è costretti ad usarla: è solamente opzionale).

Stop Loss Plus500

Probabilmente vi starete chiedendo a cosa servono le prime due caselle viste negli esempi di ordine Plus500 nel paragrafo precedente. Bene, ora è arrivato il momento di spiegare queste caselle: stiamo parlando dello Stop Loss Plus500. L’ordine Stop Loss è una funzionalità importantissima del trading CFD, che dovrebbe essere sempre usata. Un livello di Stop Loss serve infatti a diminuire il rischio di perdite dell’ordine che ci apprestiamo ad aprire.

Come possiamo vedere dall’esempio qui sopra, oltre ad inserire il numero di asset da acquistare o vendere, dobbiamo spuntare anche la casella Stop Loss. A questo punto, bisogna inserire un livello di Stop Loss. Ma di che cosa si tratta?

Un livello di Stop Loss è un determinato valore dell’asset, da noi impostato, che se viene raggiunto mentre la nostra posizione aperta, costringe la piattaforma di trading a chiudere in automatico la nostra posizione (indipendentemente dal fatto che sia long o short). Insomma, in parole povere: uno Stop Loss è un livello a cui verrà chiusa in automatico la nostra operazione, per evitare ulteriori perdite.

Infatti, lo Stop Loss viene posizionato nel “senso” opposto della nostra operazione. Se per esempio investiamo con un ordine long, allora lo Stop Loss deve essere scelto come valore al di sotto del valore attuale. In tal caso, se la nostra previsione di rialzo si rivela sbagliata, ed il valore dell’asset comincia a scendere anziché salire, accuseremo una perdita.

Però Plus500 chiuderà la nostra operazione quando viene raggiunto lo Stop Loss: così la perdita viene limitata, e anche se il valore dell’asset continua a scendere, tanto ormai la nostra posizione è stata già chiusa in automatico grazie allo Stop Loss. Lo stesso ragionamento viene fatto in caso di posizione short: nel caso di ordine short, lo Stop Loss deve essere posizionato ad un valore superiore rispetto a quello attuale.

Ordini Limit Plus500

Su Plus500 però, come la maggior parte delle piattaforme di trading CFD, non esiste solo lo Stop Loss. Un’altra funzione importante, è lo Stop Limit (chiamato anche Take Profit). Lo Stop Limite funziona in maniera simile ad uno Stop Loss ma viene usato per “bloccare” i profitti. Bisogna anche in questo caso impostare un valore dell’asset, che se raggiunto, permette alla piattaforma di trading di chiudere in automatico la nostra posizione e farci portare a casa i profitti.

Come possiamo vedere dall’esempio di ordine Plus500 qui sopra, possiamo vedere come è possibile selezionare sia un livello di Stop Loss, sia un livello di Stop Limit. E come vi consigliamo, dovreste farlo per ogni vostro ordine, così da pianificare al meglio ogni vostra operazione. Ma qualcuno potrebbe chiedersi: “va bene limitare le perdite tramite lo Stop Loss… ma perché limitare i potenziali guadagni?”.

E’ una domanda legittima, perciò vediamo di rispondere in maniera chiara. Impostare un livello di profitti da raggiungere per le proprie operazioni è un’ottima mossa. Immaginiamo di aver aperto una posizione long, senza aver impostato un livello di Stop Limit. Dopo alcune ore, il valore dell’asset aumenta nella direzione da noi prevista (un rialzo). Potremmo chiudere ora l’operazione, e portarci a casa un buon guadagno… però aspettiamo.

Aspettiamo, pensando che il prezzo dell’asset continuerà a salire, e noi guadagneremo di più. Peccato che nell’ora successiva, il valore dell’asset cala. Perciò il nostro guadagno attuale, se chiudiamo l’operazione, sarebbe inferiore a quello che avremmo ottenuto in precedenza. Potremmo chiudere adesso l’operazione, guadagnando sempre qualcosa… però, perché farlo? Non è meglio aspettare che il valore dell’asset risalga un po’, raggiungendo il livello di prima almeno?

Aspettiamo ancora… ma il prezzo scende di nuovo, e adesso rischia di mandare la nostra operazione in perdita! Insomma, il concetto lo avete capito: non avere un livello chiaro dei profitti che si vuole guadagnare con l’operazione, ci espone a stress e dubbi. Perché complicarci così tanto la vita se possiamo calcolarci per bene un livello di Stop Loss e di Stop Limit?

Ordini Stop Operativo & Ordini Stop Garantito Plus500

Ora che abbiamo visto le impostazioni principali per gli ordini Plus500, vediamo quelle avanzate. Iniziamo dallo Stop Operativo di Plus500, che sarebbe un Trailing Stop. Uno Stop operativo funziona come uno Stop Loss, solo che non si tratta di un valore fisso. Uno Stop Operativo è un livello che se raggiunto, fa chiudere in automatico l’operazione (per evitare ulteriori perdite). La differenza con lo Stop Loss normale, è che uno Stop Operativo “segue” l’andamento del valore, spostandosi in automatico.

Come potete vedere, oltre al livello base di Stop Loss, è stato impostato anche lo Stop Operativo (che viene calcolato in Pips). Se abbiamo una posizione long aperta con uno Stop Operativo impostato, ed il valore dell’asset aumenta (come previsto), anche lo Stop Loss Operativo si muove. Per precisione, il movimento viene calcolato secondo i Pips che vengono impostati.

In parole povere, lo Stop Operativo “segue” l’andamento del valore. Ma solo se si muove nella direzione da noi prevista: se infatti il valore dovesse calare (nell’esempio di una posizione long), allora lo Stop Operativo rimarrebbe comunque fermo, così che se raggiunto, farebbe chiudere in automatico l’operazione.

Lo Stop Garantito si spiega da solo: si tratta di un tipo di Stop Loss, fornito da Plus500, che permette la chiusura forzata dell’operazione al livello impostato. Anche lo Stop Loss normale fornisce questa funzione, però non sempre è possibile chiudere l’operazione al livello impostato dallo Stop Loss (specialmente in fasi di mercato ad alta volatilità).

Lo Stop Garantito funziona allo stesso modo di uno Stop Loss normale, solo che in questo caso avrete la sicurezza che Plus500 chiuda sempre e comunque l’operazione al livello di Stop Loss da voi impostato. Ricordiamo però che lo Stop Garantito ha delle restrizioni:

  • Può essere impostato su una nuova posizione e non su una aperta in precedenza
  • Può essere attivato soltanto durante le ore di contrattazione dell’asset
  • Non può essere annullato
  • Lo spread extra, una volta attivato, non può essere restituito
  • Non può essere impostato oltre certe distanze dal tasso (prezzo) corrente

Nella maggior parte dei casi però uno Stop Loss normale, oppure uno Stop Operativo, va più che bene. Lo Stop Garantito può essere considerato come una garanzia ulteriore.

Fare trading di CFD con Plus500

Plus500 utilizza una sua piattaforma per fare trading di CFD; scoprila registrandoti presso il broker plus500 cliccando qui e apri un account di trading con Plus500.

Dobbiamo specificare che Plus500, come i migliori broker in circolazione, offre due tipi di account:

  • Account Demo: si tratta di un account demo illimitato, che permette al trader di investire utilizzando soldi virtuali e quindi senza mettere a rischio il proprio capitale. La scelta consigliata per chi si è appena avvicinato al mondo del trading, ma anche per prendere mano con la piattaforma di trading di Plus500. Può anche essere utilizzato per testare le proprie strategie di trading in tutta tranquillità; inoltre, si ottiene un bonus pari a €25 da poter utilizzare nel proprio account di trading reale.
  • Account Reale: si tratta del vero e proprio account di trading, che permette al trader di investire in CFD con il proprio capitale. Ovviamente, il trader può sia possedere un account demo che un account reale, e decidere quale utilizzare ogni volta che si connette alla piattaforma di trading.

Puoi approfondire leggi la nostra recensione su Plus500 >>

APRI UN CONTO

Apri un conto Plus500

Voglio provare Plus500 con un account demo gratuito!

Migliori Piattaforme di Trading Online

Broker Bonus Licenza Fai Trading
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni Markets.com
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni 24Option
Demo Gratuita CySEC - FSB Conto demo
Opinioni FXPRO.IT
Demo gratuita 30.000€ FCA - CONSOB Conto demo
Opinioni IG MARKETS
20€ gratis coupon CySEC Conto demo
Opinioni eToro
Conto demo gratuito CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
Broker Bonus Licenza Fai Trading
10.000 $ CySEC Conto demo
Opinioni IQ Option
premi ed offerte speciali CySEC - LLC - FSC Conto demo
Opinioni BDSwiss

Tommaso Piccinni

Lascia un commento

Termini di ricerca:

  • plus500 guida
  • come fare soldi con trading plus500
  • plus 500 guida
  • video dimostrativi di plus500

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

BlogFinanza.com

BlogFinanza.com

conto demo